ITALIA NOSTRA: NO AI PANNELLI FOTOVOLTAICI A PIOMBINO

l’area dei pannelli fotovoltaici

Firenze – Italia Nostra è profondamente contraria alla realizzazione di impianti fotovoltaici a terra in località Bocca di Cornia, definendoli “Speculativi ed invasivi”. L’area, una delle rarissime in Toscana dove è ancora possibile l’istallazione, in realtà è oggi utilizzata per coltivazioni biologiche.Leggiamo insieme la netta presa di posizione sull’argomento.

«Visti i due progetti di recente presentati alla Regione Toscana per essere sottoposti a Valutazione di Impatto Ambientale, e finalizzati alla realizzazione di due megaimpianti fotovoltaici a terra nella pianura costiera di Bocca di Cornia (Comune di Piombino) – dove già si trovano la grande discarica di rifiuti speciali RIMATERIA, che addirittura si vorrebbe anch’essa ampliare, e il da poco costruito impianto eolico di 6 gigantesche torri alte 180 m -, Italia Nostra appoggia e fa propri i pareri completamente negativi espressi dall’Amministrazione Comunale piombinese, dalla competente Soprintendenza, dalla Confederazione Italiana Agricoltori della Provincia di Livorno, e dal WWF Italia, a precedenti e analoghi progetti industriali: in quanto presentanti, invariabilmente, chiari caratteri di imprese speculative ed invasive, del tutto estranee e inconciliabili rispetto alla realtà e alle vocazioni dell’ambiente, del paesaggio e del territorio di Piombino, che dopo la grave crisi industriale sta cercando faticosamente di costruire un futuro incentrato sul binomio turismo sostenibile e agricoltura di qualità fortemente integrati fra di loro grazie al rilevante patrimonio naturale e culturale dell’area.

I due progetti attualmente in esame di VIA presso la Regione sono proposti dalle imprese SVP Energy 1 e Solar Energy Sette, per installare complessivamente oltre 100.000 tra moduli e pannelli su due aree contigue dell’enorme estensione totale di oltre 75 ha di terreni agricoli. Come scrive la Soprintendenza, a proposito del progetto fotovoltaico precedente (e da poco ritirato da SVP Energy 1), qualsiasi intervento nell’area non è “coerente con la disciplina prevista dal PIT-PPR per le IV invarianti strutturali del territorio e con le previsioni della scheda d’Ambito n. 16 Colline Metallifere, rilevando il contrasto con le disposizioni vincolistiche di cui all’elaborato 8B del PIT-PPR art. 8, considerato che l’intervento non concorre al recupero della naturalità e al contenimento dell’artificializzazione dell’ambito fluviale interessato del fiume Cornia, che contribuisce all’aggravamento delle criticità presenti, in riferimento all’estensione dei caratteri industriali e produttivi presenti, nonché all’erosione dei caratteri storici e peculiari del paesaggio interferito e sopra descritto, nonché visti le potenziali interferenze con emergenze storico archeologico e paesaggistiche” del territorio costiero di Piombino».

Italia Nostra Firenze e Toscana – maggio 2020

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.5.2020. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    34 mesi, 14 giorni, 17 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it