LOLINI: “MADE IN ITALY” PER TUTTI I PRODOTTI COLTIVATI IN ITALIA

il deputato Mario Lolini

Grosseto – “Made in Italy” e ancor più trasparenza in etichetta per tutti i prodotti agricoli coltivati in Italia”. E’ quanto previsto dalla proposta di legge che è al vaglio della Commissione Agricoltura e Turismo della Camera dei Deputati.

“Cade il segreto di Stato sui cibi stranieri che arrivano nel nostro paese – annuncia Lolini- rendendo così possibile conoscere il nome delle aziende che importano gli alimenti dall’estero. Si rafforza dunque, a partire dall’Italia, l’operazione trasparenza a tavola: sul cibo le nuove etichette, previste dal Decreto Legge Semplificazioni e ora notificate all’Unione Europea a breve potrebbero essere varate.

Sarà indicato – aggiunge Lolini- non solo lo stabilimento di trasformazione e confezionamento del prodotto alimentare, ma anche l’origine delle materie prime”. Un origine che, secondo l’Ismea, è importante e fondamentale per le scelte di acquisto per nove italiani su dieci. “Noi – aggiunge il deputato leghista- siamo quelli a cui piace pensare di poter dare ai consumatori una trasparenza piena, a cui non basta indicare che un alimento sia trasformato in Italia, ma vogliamo sia indicato se è stato allevato, pescato e coltivato in Italia, perché la nostra salute è molto di più di uno slogan politico ed è una battaglia che la Lega da sempre porta avanti”.

Novità che riguardano anche il settore del riso spesso danneggiato dalle importazioni. “In attesa degli effetti della clausola di salvaguardia sull’importazione del riso dai Paesi del Sud-Est asiatico – commenta ancora l’onorevole della Lega Mario Lolini- Si conquistano nuovi spazi per esportare in Europa, ma per arrivare ad un significativo aumento del prezzo del prodotto non è sufficiente l’etichettatura generica già vigore, ma ritengo sarebbe necessaria un’esplorazione sui vari territori per ampliare l’esplorazione di possibili ulteriori certificazioni Dop e Igp oltre a puntare su accordi di filiera”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.3.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    20 mesi, 24 giorni, 18 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it