INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA SU FRANCOVICH A SAN SILVESTRO

un momento dell’inaugurazione

Campiglia M.ma (LI) – Venerdì 4 agosto al Parco archeominerario di San Silvestro, è stata inaugurata la mostra “Riccardo Francovich. Conoscere il passato, costruire la conoscenza” dedicata al grande archeologo fondatore dell’archeologia medievale in occasione del decennale dalla sua scomparsa. All’inaugurazione della mostra hanno preso parte Jacopo Bertocchi Vicesindaco di Campiglia Marittima, Francesco Ghizzani Marcìa presidente della società Parchi Val di Cornia, Silvia Guideri direttrice Parchi e Musei della Val di Cornia, Giovanna Bianchi professoressa dell’Università di Siena, Richard Hodges presidente dell’American University at Rome e Salvatore Settis Accademico dei Lincei.

Il primo scavo estensivo in Italia di un sito fortificato medievale, iniziato negli anni Ottanta, l’apertura del primo parco archeo-minerario negli anni Novanta, l’archeologia come risorsa per la valorizzazione del territorio: sono questi tre elementi che potrebbero delineare con grande sintesi il significato degli studi e delle pubblicazioni di Riccardo Francovich, fondatore dell’archeologia medievale in Italia e in Europa come disciplina matura e autonoma.

Il Parco archeominerario di San Silvestro, primo parco archeominerario italiano, è nato proprio dall’intelligente ricerca di Riccardo Francovich e da qui è partito tutto il progetto del sistema dei Parchi della Val di Cornia – dichiara Francesco Ghizzani Marcìa, presidente della società Parchi Val di Cornia – Grazie al suo percorso, integrato con la pianificazione urbanistica coordinata che in quegli stessi anni stavano portando avanti i Comuni della Val di Cornia, la sua visione si è estesa oltre i confini del parco dando origine all’attuale sistema integrato di parchi archeologici e naturali della Val di Cornia”.

Jacopo Bertocchi, Assessore alla Cultura e Vicesindaco di Campiglia Marittima, ha così ricordato Francovich in occasione dell’inaugurazione: “L’insegnamento di Riccardo Francovich di studiare i processi e i contesti di ogni situazione scavata rimane la sua più grande eredità a tutti coloro, a noi, che quotidianamente camminiamo in questo piccolo territorio così come a coloro che arrivano da lontano per visitare e ricercare in questi luoghi e a tutta la comunità scientifica. L’inestimabile valore dell’avvio da parte del professore archeologo dello studio della rete dei castelli medievali e della loro funzione colloca Campiglia e il suo parco in uno scenario internazionale di cui come cittadinanza siamo onorati e grati al prof. Francovich che ha lasciato un grande vuoto ma anche una enorme memoria”.

A spiegare le ragioni che hanno spinto alla realizzazione di questa mostra è la prof.ssa Giovanna Bianchi “Lontana dalle forme canoniche di un evento commemorativo, è pensata per chi Francovich non lo ha mai conosciuto, per i giovani studenti che portano sulle spalle la sua eredità senza aver mai avuto la possibilità di interfacciarsi con lui. Una mostra d’impatto, rivolta anche ad un pubblico di non specialisti, che cerca di rimettere insieme 40 anni di lavoro infaticabile e multiforme, che si apre con l’amore di un giovane per la politica e per la storia medievale e si chiude con l’amore per la moglie, Nicoletta Onesti, che lo ha accompagnato e supportato lungo tutto il suo percorso di vita e di studi”.

Realizzata dall’Università di Siena e finanziata nell’ambito del progetto europeo erc-advanced “nEU-Med”, la mostra è stata curata da Giovanna Bianchi e Marco Valenti mentre i pannelli sono stati realizzati dallo studio Bartolini e Fiamminghi. Protagonisti dell’allestimento, che resterà al parco fino al 1 settembre, sono proprio la testimonianza scientifica di Francovich, il suo lascito culturale, il metodo trasmesso agli allievi, la passione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.8.2017. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA SU FRANCOVICH A SAN SILVESTRO”

  1. Ho avuto il piacere negli anni di collaborare in più occasioni con Francovich ovviamente sui problemi dei parchi, della tutela in riferimento naturalmente soprattutto – anche se non solo- della nostra costa e della Val di Cornia. La mostra è un giusto omaggio ad una personalità prestigiosa che merita dì essere ricordata specie in tempi come questi e in una zona della Toscana che ne ha particolare bisogno. Soprattutto dopo le strampalate ‘riforme’ istituzionali come l’abrogazione delle province che ha mazzolato proprio i parchi provinciali istituiti con tanta fatica.
    Non sarebbe male oltre alla mostra dedicare a Francovich anche una inzitiva su questi temi. Renzo Moschini

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    1 mese, 23 giorni, 4 ore, 51 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it