GEODETICA: DA STANOTTE PARTONO LE MULTE CON IL TUTOR

Cartello Tutor Autostradale

Piombino (LI) – Dalla mezzanotte del 30 giugno entra in funzione il tutor sulla Geodetica. Multe da 38 a 500 euro per chi supera il limite di 50 chilometri orari. Interessante sarà comprendere quante saranno le contestazioni alle multe prodotte da questo apparecchio, visto il tipo di segnaletica adottata dall’ente provinciale.

A partire dalla mezzanotte di venerdì 30 giugno sarà attivo il sistema di rilevamento della velocità sulla strada provinciale 40 Geodetica con il limite di 50 chilometri orari.

Le telecamere bidirezionali, denominate anche tutor, saranno installate al km 1+500 e al km 5+000, come spiega in una nota stampa la provincia di Livorno, e resteranno accese 24 ore su 24 per registrare la velocità media dei mezzi in transito.

Per i trasgressori sono previste sanzioni da un minimo di 38 ad un massimo 500 euro, oltre alle spese di notifica. Sanzioni che variano a seconda del livello di superamento del limite di velocità indicato.

Il rischio, per coloro che non rispetteranno il limite dei 50 chilometri orari, è anche la decurtazione dei punti sulla patente e l’eventuale ritiro e sospensione del permesso di guida.

“Come era stato anticipato dalla provincia nei giorni scorsi – afferma l’assessore alla mobilità Claudio Capuano – dalla mezzanotte del 30 giugno entra in vigore il sistema di rilevamento della velocita sulla SP 40 Geodetica, uno strumento che di certo non risolve tutti i problemi di sicurezza della strada provinciale Geodetica, ma che tuttavia rappresenta un inizio”.

Prosegue tuttavia il lavoro con la provincia di Livorno per studiare ulteriori soluzioni al problema di sicurezza sulla strada provinciale. Lo conferma lo stesso Capuano che sottolinea come “l’intendimento dell’Amministrazione comunale sia quello di portare a 70 chilometri orari il limite di velocità sulla geodetica, anche in ossequio a quanto stabilito in consiglio comunale, anche se non sarà possibile prima della fine dell’estate.

Al contempo – assicura  – stiamo studiando con la Provincia ulteriori soluzioni, come

l’ integrazione della segnaletica, l’ipotetica presenza di una pista ciclabile e il rafforzamento dei controlli di forze dell’ordine,  sempre con l’obiettivo di contenere la velocità nei termini previsti”.

Sarà la polizia provinciale a gestire le sanzioni sulla Geodetica. Per questo a breve entrerà in funzione un apposito sportello sanzioni, nella struttura del complesso Perticale, a Piombino, in via Lerario 104. Nell’attesa gli utenti potranno ricevere ulteriori informazioni chiamando lo 0586 502971 dal lunedì al venerdì (ore 8,30-12,30)  e il martedì e giovedì anche in orario pomeridiano (ore 15,00 – 17,00).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.6.2017. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

9 Commenti per “GEODETICA: DA STANOTTE PARTONO LE MULTE CON IL TUTOR”

  1. Renzo Pescini

    È assurda una limitazione a 50 orari, poi ci sarà chi va 40, 30. La legge prevede un comporto che nessuno dice: credo 5 km. orari fino ai 90(?). Servirebbe maggiore chiarezza, in ogni senso! Oltre provvedimenti “consoni”…

  2. lettrice corriere

    Non è assurdo. Giusto. Ci sono morte delle persone su quella strada. Ben venga il limite e le multe. Se il limite è di 50 si va a 50.punto. Niente sconti e nessuna tolleranza!!!!

  3. Paolo

    Rammento che abbiamo avuto un’altra vittima poche settimane fa, nonostante il limite a 50km/h.
    A parer mio era molto meglio inserire rotatorie sui principali incroci.
    Purtroppo le rotatorie costano e non fanno cassetta …

  4. lettrice corriere

    A parere mio se si rispettano i limiti, se non ci si distrae con il cellulare o altro e si rispetta il prossimo le tragedie non succederebbero. Le rotatorie certo costano ma smettiamola di dare colpa sempre ad altri.

  5. Paolo

    Il problema è che 3,5km di strada larga e perfettamente rettilinea da dover percorrere al di sotto dei 50km/h sono un’istigazione alla distrazione.
    Rappresentano cinque lunghi minuti in cui le persone, anche solo una su cento, pensano ad altro, magari si guardano in giro, chiacchierano, forse danno un’occhiata al cellulare, se non addirittura ai titoli del giornale.
    L’ultimo incidente mortale accaduto, con immotivata invasione della corsia riservata a pedoni e ciclisti, era, a mio parere, chiara conseguenza della distrazione.
    La velocità esageratamente bassa è causa di distrazione, le rotatorie la evitano.
    Non si tratta di voler dare per forza la colpa agli altri.
    Se le cose vengono fatte male (e magari per mero motivo di interesse) è doveroso dirlo.

  6. lettrice corriere

    certamente. Ma tenendo conto che vi sono morte delle persone basta tenerlo a mente e non distrarsi . Per me non è un problema andare 50 per non prendere la multa e nn rischiare di investire qualcuno. Fare una rotonda è una cosa insensata li.

  7. paolo

    http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2016/06/12/news/tutor-sulla-geodetica-entro-il-mese-1.13651714?ref=search

    Gentile lettrice, legga al link riportato qui sopra ciò che diceva a Giugno 2016 l’Assessore Capuano:

    “Tra il nulla come adesso e la realizzazione delle rotatorie, che restano lo strumento più efficace ma sono troppo costose e le risorse mancano, puntiamo su questo mix sperimentale”

  8. Roberta

    Secondo me non basta far questo… la strada è comunque pericolosa perché c’è sempre il demente che spazientito azzarda sorpassi nel momento sbagliato rischiando un frontale (accaduto a mio padre poco tempo fa) oppure c’è lo scemo che non lo sa!!!! Va a 90 e quando si trova davanti quello a 50?!? BOOOMMM!! È ma un gran casino… preghiamo Dio che ci assista sempre… oppure ditemi voi?!

  9. Massimo

    ma si fa solo piangere dal ridere chi passa da li. è assurdo andare a 50 km . io ci sono passato x 35 anni x andare al lavoro a Piombino. Mai fatti incidenti .Mettete almeno a 70 km il limite di velocita’.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    11 mesi, 17 giorni, 8 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it