PIOMBINO: FERRARI «NON SOTTOVALUTATE IL PROBLEMA SICUREZZA»

il consigliere Francesco Ferrari

Piombino (LI) – Negli ultimi mesi nel territorio comunale si sono verificati numerosissimi episodi che, stante anche la loro frequenza e costanza, confermano l’esistenza di un problema serio, sinora sottovalutato. Tra i più odiosi contro il patrimonio, al primo posto devono essere menzionati i furti negli appartamenti, che da un paio di anni a questa parte hanno raggiunto numeri impressionanti, poi vanno menzionati i danneggiamenti, i deturpamenti (specie nel centro storico), la vendita di beni contraffatti (che peraltro mette a repentaglio l’equilibrio precario del commercio legale), l’accattonaggio, il più delle volte molesto ed insistente e poi i furti nelle auto ultima novità in una città che non aveva mai subito questo tipo di azioni.

«Che i piombinesi non si sentano più sicuri – commenta Ferrari – semmai ve ne fosse stato bisogno, lo prova il fatto che la Lega Nord nel nostro Comune, con una lodevole iniziativa, in una settimana ha raccolto più di settecento firme sul tema della sicurezza.

Di certo c’è che le Forze dell’ordine fanno il possibile ed anche di più ma devono fare quotidianamente i conti con una assenza di sostegno strumentale, finanziario e logistico del Governo. La Polizia Municipale, d’altro canto, è ridotta all’osso, con un numero di agenti insufficienti a far fronte ai numerosi compiti affidati a quel corpo.

Servirebbe maggiore responsabilità in chi ci amministra, anche localmente, con investimenti sul personale della Polizia Municipale e su telecamere posizionate in punti strategici, con una richiesta alla Prefettura di riduzione del numero di profughi ospitati nel nostro Comune e, più in generale, con la richiesta ferma di rispetto della legge; il tutto invece di considerare Piombino “un’isola felice”, sottovalutando il problema.

Noi, nell’ambito del nostro ruolo di forza di opposizione, continueremo a sollecitare interventi urgenti ed indispensabili a garantire la sicurezza dei nostri cittadini, specie degli anziani e dei bambini; recentemente abbiamo ripresentato una proposta, già bocciata dal Consiglio Comunale lo scorso anno, volta ad istituire un’associazione di volontari dediti all’osservazione del territorio i quali, gratuitamente e su base volontaristica, previa sottoscrizione di uno statuto e di un modello di adesione, in stretta collaborazione con Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e Polizia Municipale, previa autorizzazione del Prefetto di Livorno, possano prestare attività di volontariato diurno e notturno, con finalità di solidarietà sociale nell’ambito della sicurezza urbana.

Non si tratta di “ronde”, come alcuni pieni di pregiudizio politico hanno appellato, bensì di gruppi di cittadini responsabili che sono consapevoli di dover sopperire ad una mancanza di controlli; sono cittadini a cui non viene dato potere di farsi giustizia da soli ma che anzi chiedono di assumersi un onere di vigilanza, pronti poi a chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine, laddove necessario.

In alcune città (tra le più vicine Grosseto) il meccanismo è stato attuato e da subito ha dato effetti positivi; d’altronde, crediamo che già la presenza di controlli costanti nel territorio si trasformi in disincentivo per buona parte della criminalità. L’obiettivo – conclude Ferrari – è tornare a respirare quel senso di sicurezza oramai perso».

_______________________________
_______________________________

RIPORTIAMO LA MOZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE FRANCESCO FERRARI

Al Sig. Sindaco

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale

Agli Assessori competenti

Loro Sedi

 

MOZIONE

(Art. 37 del Regolamento delle attività del consiglio comunale)

 

Oggetto: istituzione di un’associazione di volontari per la sicurezza del territorio comunale e per l’incolumità pubblica

 

Premesso che

negli ultimi mesi, nel territorio comunale, si sono verificati numerosissimi episodi che, stante anche la loro frequenza e costanza, minano seriamente la sicurezza pubblica e, nello specifico, quella sicurezza urbana da intendersi come bene pubblico che afferisce alla vivibilità ed al decoro della città (vedasi il recente D.L. 14/2017).

Nell’ambito della criminalità diffusa e predatorio si ricordano su tutti i frequenti furti all’interno degli appartamenti, nonché quelli verificatisi all’interno delle autovetture parcheggiate lungo le vie pubbliche.

Nono solo; sotto un profilo di rispetto della legalità, moltissimi sono i danneggiamenti, i deturpamenti (specie nel centro storico), la vendita di beni contraffatti (che peraltro mettono a repentaglio l’equilibrio precario del commercio legale), l’accattonaggio, il più delle volte molesto ed insistente.

Tutto ciò sta determinando un crescente senso di insicurezza e di impotenza nella popolazione, la quale, invece, avrebbe il diritto di sentirsi protetta.

 

Posto che

il costante ed apprezzabile impegno delle forze dell’ordine non è sufficiente ad arginare il problema, alla luce dei drastici e deprecabili tagli a firma del Governo, che depotenziano le autorità preposte alla sicurezza pubblica ed alla osservanza delle leggi, e determinano una totale assenza di sostegno strumentale, finanziario e logistico.

Del resto, anche l’esiguo numero degli agenti ed ufficiali appartenenti alla Polizia Municipale è totalmente insufficiente ad incidere in modo sensibile sul rispetto delle leggi e sulla prevenzione: la presenza di un agente ogni mille abitanti, tenuto altresì conto dei numerosi compiti attribuiti al corpo, non è idoneo a trasmettere un minimo senso di controllo del territorio, di vigilanza e di sicurezza al cittadino; si pensi a tal proposito che il numero degli appartenenti alla Polizia Municipale di Piombino è in continua diminuzione, essendo passato da 37 unità del 2005 (numero  comunque  non idoneo già allora) a 33 unità attuali, con lo spettro di tre futuri pensionamenti che con ogni probabilità non verranno rimpiazzati.

 

Atteso che

il sottoscritto consigliere comunale presentò ad ottobre 2015 una mozione simile alla presente, iscritta all’ordine del giorno della seduta consiliare del 17 novembre 2015 ma che non venne discussa ed anzi ritirata dal proponente sul presupposto che alcune altre forze politiche avevano auspicato una discussione più ampia del problema all’interno della competente commissione.

Ne seguivano alcune riunioni in commissione, dopo di che, curiosamente, i gruppi consiliari PD e Spirito Libero protocollavano in data 7.12.2015 un ordine del giorno sulla sicurezza pubblica ed i furti negli appartamenti dal contenuto sensibilmente differente e più attenuato rispetto a quello della originaria mozione poi ritirata dall’odierno scrivente.

Il suddetto ordine del giorno veniva discusso alla seduta consiliare dell’8.1.2016 e, dopo un suo emendamento richiesto da alcune forze politiche tra cui anche quella del gruppo consiliare di cui fa parte chi scrive, discusso ed approvato.

 

Ciò premesso,

posto che si ritiene che il contenuto di tale ordine del giorno – di cui peraltro si ignora se sia stato effettivamente attuato – non sia idoneo ad attenuare il problema di sicurezza che sta caratterizzando il nostro territorio.

 

Posto altresì che

i cittadini hanno il diritto di dare privatamente vita a comitati di quartiere o semplici coordinamenti per la tutela del patrimonio privato e pubblico; a sostegno del pattugliamento da parte delle forze dell’ordine, oltre alla necessaria installazione di un numero maggiore di telecamere nelle zone più a rischio della città, è indispensabile un’opera di prevenzione che coinvolga attivamente i cittadini affinché, unicamente con la loro attività di vigilanza, di concerto con gli Ufficiali ed Agenti di Pubblica Sicurezza, possano contribuire a scongiurare la commissione di quei reati in espansione sul nostro territorio e di quegli atti di deturpamento della città, riconsegnando alla cittadinanza quel senso di sicurezza oramai svanito.

Tutto ciò premesso,

il Consiglio Comunale

dà mandato al Sindaco ed alla Giunta affinché si provveda ad istituire un’associazione di volontari dediti all’osservazione del territorio i quali, gratuitamente e su base volontaristica, previa sottoscrizione di uno statuto e di un modello di adesione, in stretta collaborazione con Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e Polizia Municipale, previa autorizzazione del Prefetto di Livorno, possano prestare attività di volontariato diurno e notturno, con finalità di solidarietà sociale nell’ambito della sicurezza urbana.

Dà mandato alla commissione consiliare competente di redigere l’atto costitutivo della stessa associazione ed il relativo statuto, di concerto con i comitati cittadini che dovessero essere già costituiti, affinché sia disciplinata con un regolamento l’attività dei volontari, i rapporti con l’amministrazione comunale, la dotazione e l’equipaggiamento, nonché i loro doveri.

 

Francesco Ferrari

Consigliere Comunale

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.6.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 13 giorni, 2 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it