ALBERTO PRIMI: «TROPPA CENSURA POLITICA, LASCIO “FACCIAMO CENTRO”»

veduta del Palazzo Comunale di Campiglia

veduta del Palazzo Comunale di Campiglia

Campiglia M.ma (LI) – Alberto Primi lascia “Facciamo Centro”, il progetto partecipativo a causa di quella che lui definisce “censura politica”. I residenti del centro storico possono scegliere quali  sono le proposte più valide da attuare per rivitalizzarlo e riqualificarlo, ma senza toccare le cave e la RTA alla Fonte di sotto, gli unici due veri problemi del comune collinare.

«Comunico di aver presentato al sindaco le mie dimissioni dal Comitato per la Partecipazione – inizia Alberto Primi – previsto dal  progetto partecipativo “Facciamo centro insieme” del quale ero stato nominato membro in rappresentanza “del volontariato e dei comitati cittadini “.

La ragione principale delle dimissioni è da trovare in un caso lampante di CENSURA POLITICA avvenuta nella formulazione del questionario messo a punto, dopo il fallimento della prima palestra della partecipazione, e che in questi giorni viene inviato ai residenti del centro storico perché scelgano quali  sono le proposte più valide da attuare per rivitalizzarlo e riqualificarlo.

Nel questionario vengono riportate tutte le proposte con l’esclusione di due :

– Accelerare lo stato di rinaturalizzazione delle cave

– Eliminare la previsione contenuta nel Regolamento Urbanistico di realizzazione di una struttura di tipo ricettivo ( RTA)  alla Fonte di Sotto.

Due temi sui quali il comitato si è battuto da sempre e che sono causa e  rischio di distruzione  di quel paesaggio pregiato nel quale è inserita Campiglia e nella quale sarebbe auspicabile potenziare il  turismo di qualità che si merita.

Le giustificazioni del Comune sulla eliminazione dei due punti sono risultate assolutamente risibili :

– per le Cave, prima si è detto  che non riguardavano il centro storico (come se lo scempio paesaggistico da loro causato non fosse una causa fondamentale  di scarsa attrattività), poi che il tema era troppo delicato per essere trattato in maniera approssimata;

– per l’edificabilità alla Fonte di Sotto è stato risposto che il R.U. è in scadenza e che non essendoci richieste in atto era inutile parlarne. Come se in futuro non potesse essere riproposta l’edificabilità della zona!

In pratica i cittadini che lo volessero non potranno far conoscere la loro opinione in merito.

Durante il percorso partecipativo sono stato presente a tutte le riunioni portando il contributo del Comitato per Campiglia sia nella fase di individuazione dei problemi, a cui le proposte dei soci e amici del Comitato hanno dato un forte contributo, che nella scelta dei nomi “degli informatori chiave”.

Poiché la funzione del Comitato della Partecipazione è anche quella di avallare la regolarità del processo partecipativo, non mi sento più di svolgere questo ruolo di fronte a un caso di censura politica che mette in discussione il senso stesso di processo partecipativo che non è più tale quando si mettono paletti e limiti ingiustificabili».

Alberto Primi

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.8.2016. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    37 mesi, 12 giorni, 2 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it