SAN VINCENZO: IL M5S DENUNCIA SCONTI PER LA TELEFONIA H3G

Le antenne allo stadio di San Vincenzo

Le antenne allo stadio di San Vincenzo

San Vincenzo (LI) – Un antenna radio H3G a SAN CARLO potrebbe costarci oltre 85.000€. E’ così che inizia un comunicato del Meet Up M5S “storico”, sugli sconti autorizzati dal comune di San Vincenzo alle antenne del gestore di telefonia.

«Questo – continua il comunicato – è quello che è stato approvato con la delibera di Giunta n.137 del 16 Giugno scorso e in Consiglio Comunale con delibera n.41 del 28 Aprile.

Una delibera abbastanza confusa e senza troppi riferimenti sul regolamento approvato, ma che esonera di fatto H3G dal pagamento del canone per l’anno in corso e gli fa ottenere uno sconto sulla concessione per gli anni a venire. Tutto ciò in relazione alle stazioni radio dislocate da H3G , sul nostro territorio Comunale.

Quest’anno NON riscuoteremo il canone che il concessionario H3G avrebbe dovuto pagare al Comune e sarà praticato un canone per i prossimi anni che potrebbe essere di 10.000 €/anno, contro i 25.000€/anno contrattuali, come era stato sancito il 10 Marzo 2004, con delibera di Giunta n. 28 e con durata di 9 anni a partire dal 2011.

L’importo totale per l’affitto della stazione radio base per la telefonia cellulare c/o Stadio Comunale, sarebbe dovuta essere di 225.000€.

H3G invece, lamenta problemi di commercio (privato),vuole contenere i costi, dice che il mercato è cambiato… e come richiesto dall’Amministrazione Comunale, promette NUOVE ANTENNE per SAN CARLO come se, nel caso in cui H3G vi installasse antenne, i residenti potessero BENEFICIARE GRATIS di questo servizio a fronte di questo accordo quando, e se mai, il ponte radio venisse realizzato.

Uno sconto di oltre 85.000€ a seguito di un accordo costruito ad HOC, frutto di ACCORDI TELEFONICI tra Amministrazione Comunale e H3G …così risulta scritto nella delibera.

Il regolamento costruito ad ARTE, per favorire la riduzione di canoni in maniera anticipata rispetto alla sua naturale scadenza, ha visto inserire clausole che stabiliscono limiti nell’uso della superfecie comunale in uso al gestore e dove, sotto questa soglia, il canone sarà  ridotto al minimo e cioè a 10.000€/anno, contro gli attuali 25.000€.

Il regolamento del 2004 inserito nel contratto NON prevedeva, riduziono, ma anzi imponeva al concessionario di recedere anticipatamente, ma fino a tale data, comunque, il concessionario AVREBBE DOVUTO versare il canone di concessione senza scuse .

H3G ha commissionato alcuni elaborati per andare incontro alle richieste Comunali e per ottenere il tanto sperato sconto sulla concessione .

Siamo alle solite, se si fosse preso in considerazione una infrastruttura WiFi MESH a basso impatto di inquinamento da micro-onde in ambiente, probabilmente oggi NON saremmo qui a discutere l’ennesima scorciatoia comunale a favore del privato …e rimane il dubbio se la Giunta abbia ritenuto opportuno verificare se  su quello stesso mercato, che H3G dichiara oggi “cambiato”, ci fossero eventualmente state alternative più competitive  ed efficienti. Invece,  come sempre si  prendono accordi vincolanti per il nostro Comune in cambio di promesse, oltretutto non discusse con la cittadinanza.

“Promesse” in cambio di “certezze”, ovvero sconti,  senza invece adoperarsi per risolvere i problemi dei cittadini, vedi scuole, dissesto stradale, sostegno reale allo stato sociale, decoro urbano, orti sociali, aree verdi pubbliche, economia locale.

Molti Comuni hanno fatto togliere dai campi sportivi gli impianti di antenne radio a tutela della salute. Il Comune di San Vincenzo, non solo li fa installare ma anzi , sportivamente fa loro uno sconto».

Meetup storico SanVincenzo5stelle

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.7.2016. Registrato sotto ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 22 giorni, 10 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it