TIRRENICA: IL PEDAGGIO A VADA E LA POLITICA DEGLI ANNUNCI

La scritta "no Toll" non c'è più a Rosignano.. ora si paga.

il casello di Rosignano prima del pedaggio

Piombino (LI) – riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato del consigliere comunale di Piombino Marina Riccucci che chiede quando sarà tolto il pedaggio al casello di Vada visto che dalla mozione regionale del 29 ottobre 2014 sono passati ormai quasi cinque mesi e dall’interpellanza del consigliere Tortolini ormai due mesi senza che nulla sia in realtà successo per risolvere il problema.

«Ormai siamo talmente abituati alla politica degli annunci che riusciamo a digerire ogni cosa, a livello nazionale come locale. Un’Altra Piombino per l’ennesima volta vuole tornare a sollevare la decennale questione delle infrastrutture per Piombino affrontando solo un particolare. Sono anni che obtorto collo paghiamo l’assurdo balzello del pedaggio di Vada, quel piccolo fiorino estorto ad ogni cittadino che debba recarsi nel capoluogo.

Il Consiglio Regionale Toscana nell’ottobre dello scorso anno approvò una mozione che tra i molti annunci appunto parlava di abolizione del balzello e i consiglieri Tortolini e Ruggeri a gennaio 2015 presentarono un ordine del giorno finalizzato a tale scopo. Che fine hanno fatto questi atti ? Non si sa, sembrano finiti nel vuoto, come tutti gli annunci di questa politica spettacolare e imbonitrice.

Noi ci siamo proprio stufati: vogliamo che la politica cambi davvero, che si dicano poche cose, ma documentate e realistiche, che gli impegni siano assolti e che si smetta di fare proclami senza costrutto.

A maggio si voterà: si ricorderanno i cittadini delle innumerevoli promesse a vanvera o voteranno per chi li ha illusi anno dopo anno, continuando peraltro a pagare disciplinatamente il loro fiorino?

Intanto sulla Tirrenica si susseguono interventi di Sat, del Presidente della Regione Rossi, del sottosegretario Nencini volte a ridefinire il progetto e la fattibilità di un opera che appare sempre più contraddittoria, confusa e piena di “infrazioni”.

UN’ALTRA PIOMBINO riafferma la necessità di abbandonare la realizzazione dell’autostrada, che le priorità sono di intervenire per mettere in sicurezza l’Aurelia a Sud di Grosseto e per il nostro territorio la realizzazione della SS398 almeno nel primo tratto fino al Gagno».

Marina Riccucci

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.3.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “TIRRENICA: IL PEDAGGIO A VADA E LA POLITICA DEGLI ANNUNCI”

  1. Bertoli Paolo

    Ho 77 anni, ero piccino quando i politici locali s’erano stufati e tutti auspicavano una riforma del sistema… ero piccino e ora, sotto altre forme, lo sono di nuovo.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 22 giorni, 3 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it