TIRRENICA: “COMUNE DEI CITTADINI” ACCUSA IL PD PER LA VICENDA SAT

Lo striscione alla testa del corteo

Lo striscione alla testa di un corteo NO SAT

Campiglia M.ma – La lista civica “Comune dei cittadini” accusa il PD Toscano di essere andato per anni dietro al sogno della Tirrenica, tralasciando quelle che erano le vere priorità del territorio, e cioè la SS398 fino al Porto di Piombino, il “lotto 0” della variante Aurelia a Livorno per evitare il “Romito” e le 4 corsie a sud di Orbetello, opere poco costose delle quali avrebbero beneficiato tutti i cittadini. E dopo così tanti anni, come dargli torto?

«I nodi sono arrivati al pettine. Le liste civiche – inizia il comunicato – denunciano da anni lo spreco di risorse e il grave rischio per i cittadini della costa tirrenica derivanti dal progetto di trasformazione della Variante Aurelia in autostrada. La crisi economica ora costringe anche i sostenitori più o meno accaniti del progetto ad ammettere una parte di verità: meglio niente piuttosto dell’autostrada.

Non va però confusa questa vicenda con la semplice lungaggine italiana per la realizzazione delle opere pubbliche perché la vicenda SAT è molto più grave.

Innanzi tutto perché si tratta di trasformare un’opera pubblica che in gran parte del tracciato è già funzionale, in un’opera di fatto privata. Si tratta cioè di espropriare le comunità di un’infrastruttura che i cittadini hanno giù pagato perché un soggetto privato possa ricavarci un introito sicuro.

Ne è nata un’operazione in netto contrasto con l’interesse pubblico e priva di sostenibilità economica dell’investimento. Ci si accorge ora che i flussi di traffico, ulteriormente diminuiti, non sono sufficienti a giustificare l’investimento ma la realtà è che non lo sono mai stati.

Mentre il PD locale, regionale e nazionale, si spendeva a sostegno di un progetto assurdo, insostenibile e dannoso, le vere esigenze venivano rimandate alle calende greche. Niente completamento della 398, niente Marroccone Chioma per fare un paio di esempi. Il progetto d’altra parte non c’entra niente con le esigenze dei cittadini e dei territori e, qualora venisse alla luce, si limiterebbe a sfruttare la Variante Aurelia, già di fatto un’autostrada e realizzata con soldi pubblici, per richiedere un facile ed esoso pedaggio. Ormai è evidente a tutti che le promesse fatte su complanari, bretelle, viabilità alternative e altro erano fumo negli occhi.

Mentre la SAT riscriveva ancora e ancora il progetto per chiedere il pedaggio su una strada che in gran parte già c’è, le amministrazioni permettevano che si peggiorasse la viabilità esistente con la realizzazione dell’inutile e dannoso lotto tra Cecina e Rosignano che costringe centinaia di cittadini a percorrere chilometri di rotatorie nelle campagne per evitare l’esoso balzello.

I tempi dei giochetti sono finiti. Si cestini definitivamente ogni ipotesi di pedaggio sulla costa tirrenica, si riprenda il progetto ANAS del 2001 che prevedeva il completamento delle 4 corsie, senza pedaggio, a sud di Grosseto e si risolvano gli effettivi problemi di viabilità dei territori destinandovi le poche risorse a disposizione.

Frattanto si accertino le responsabilità della classe politica che ci ha regalato decenni di ritardi – conclude la lista civica – ha promosso lo spreco di ingenti risorse, ha promosso conflitti di interesse clamorosi come quello di Bargone, nella chimera di un’opera che rischia di dare il colpo di grazia all’economia dei nostri territori».

Lista civica Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.2.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 22 giorni, 7 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it