IMU, TASI, TARI, TASSE SCONOSCIUTE MA CARE

Mario Pelagatti

Mario Pelagatti

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Mario Pelagatti, responsabile della commissione urbanistica e territorio del Nuovo Centro Destra (NCD – Lista civica L’Alternativa) di Piombino sul crescente incremento della tassazione sugli immobili anche in questa città.

«Piombino ormai è una zona depressa – inizia il comunicato – dove case e capannoni sono gran parte sfitti, ma le tasse sugli immobili invece di diminuire salgono sempre di più, con “la botta” che arriverà per tutti a fine anno. La IUCimposta unica comunale” accorpa tre attuali balzelli: IMU, TASI e TARI. Un mare di imposizioni nel quale è difficile navigare, al quale il cittadino non sa adempiere se non facendosi aiutare da esperti del settore, con l’ovvio incremento dei costi. Va inoltre segnalata la protesta di CAF e Sindacati che, per i ritardi dovuti alle disposizioni comunali, si trovano a sforare i termini costringendo i clienti a ravvedimenti operosi per rimediare, con ulteriore aggravio di spesa .

L’edilizia ha finito di essere il settore trainante dell’economia, la casa come bene di investimento non esiste più. Come potrebbe: un appartamento medio, abitato dal proprietario, paga circa 150 euro di imposta comunale, il solito appartamento, se seconda casa, ne paga 650 a cui vanno poi ad aggiungersi anche le tasse in denuncia dei redditi e spesso una seconda casa non è, ma sfitto o in vendita perché non trova collocazione sul mercato. Per un edificio ad uso produttivo il fenomeno si acuisce: un capannone medio di circa 500 metri quadri arriva a pagare 6.200 euro l’anno anche se non occupato.

Abbiamo idea di quanti immobili ci siano liberi adesso a Piombino? Liberi non per “sfizio” ma per mancanza di richieste. Ebbene tutti questi immobili pagano la IUC, che grava anche sui piazzali a servizio dei capannoni.

Spesso sono beni strumentali di imprese che hanno chiuso per mancanza di commesse, ditte oneste che si sono indebitate per costruirli, per fare fronte hai propri impegni o magari per cercare una soluzione di continuità per i loro dipendenti. Immobili da ricollocare e che non trovano riscontro sul mercato.

Dei 6.200 euro prima detti, circa 3.400 sono di TARES, pagati per quei rifiuti che spesso non producevano nemmeno quando erano attivi. Una tassa calcolata da ASIU una società municipalizzata che si finanzia secondo il proprio fabbisogno, senza le concorrenze del libero mercato. Il sogno di ogni imprenditore poco lungimirante. Una municipalizzata che forte della propria ricchezza autodeterminata, trova spazio per interessarsi e correre in altre iniziative esterne al mandato conferitogli dai cittadini.

A questo devono pensare i nostri amministratori – conclude il comunicato – ora che stanno perfezionando la TARI, imposta che almeno nei buoni propositi del legislatore, dovrebbe avere una quota per coprire i costi fissi e una variabile che dipende dalla fruizione del servizio, quando questo servizio c’è».

Il responsabile della commissione urbanistica e territorio

Mario Pelagatti

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.6.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 16 giorni, 9 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it