GASPERINI: CONSIGLI AI NUOVI GIOVANI DEL PD DI SUVERETO

Il palazzo comunale di Suvereto

Il palazzo comunale di Suvereto

Suvereto (LI) – L’ex sindaco Walter Gasperini esprime soddisfazione per la “ventata del nuovo” portata dall’elezione di Renzi nel PD e dispensa suggerimenti ai nuovi giovani entrati nel Circolo suveretano. Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Il Circolo PD di Suvereto ha presentato il suo nuovo gruppo dirigente ed ha preannunciato a giorni un programma di iniziative e confronto con la cittadinanza. L’immagine che ho tratto da quella partecipata assemblea è positiva sul piano degli annunci con qualche strana elencazione di nemici che sono esistenti soltanto nelle volontà di cercare di impedire il cambiamento. Posso affermare che la ventata del nuovo che è scaturita dalla elezione del segretario nazionale del PD, Matteo Renzi, ha portato i primi frutti positivi anche qui, a Suvereto, dove la staticità nel PD era ormai prassi e non riusciva a scrollarsi dalle spalle il conservatorismo. Io non ho votato Renzi, ma sono lieto del risultato che dimostra quanta fiducia e aspettative sono ancora riposte nel PD che rimane il mio partito di riferimento e al contempo impegna tutti ad una chiara assunzione di responsabilità per innovare e cambiare, insomma è stato un chiaro segno di discontinuità con il nostro passato.

Sono ben otto giovani e giovanissimi che sono entrati a far parte del nuovo direttivo del Circolo e tutti hanno dichiarato una bella propensione all’impegno pensando agli interessi collettivi e alla volontà di ascoltare e confrontarsi con gli altri, voglio augurarmi che anche qui si voglia tenere conto della necessità impellente di questa discontinuità politica e si possa vedere questi giovani davvero valorizzati. Non possiamo certo trascurare che i giovani sono stati aggiunti senza apportare aggiornamenti e adeguamenti alla prepotente richiesta di rinnovamento e discontinuità che è venuta dalle primarie, ritengo che sarebbe stata utile una maggiore attenzione, dunque sarà solo il futuro che potrà dirci se è vero rinnovamento.

Mi permetto di suggerire loro di tenere ben presente anche altri tre elementi che nella politica sono da recuperare con forza e decisione, che sono: la tolleranza e il rispetto verso le altrui opinioni evitando le emarginazioni del dissenso e soprattutto la netta e chiara assunzione di responsabilità assumendo, responsabilmente, il concetto dello spirito di servizio alla collettività come vera etica della politica. Dovranno saper rifiutare il verticismo di maniera, che ha distinto la politica negli ultimi anni, per affermare le loro e nostre aspettative.

I giovani sono il futuro e quindi vederli impegnati in politica è sintomo di volontà che deve essere aiutata e rimane poco comprensibile il richiamo fatto alla individuazione dei nemici del nuovo, oppure le attenzioni a porsi nell’impegno privi della volontà di cambiare, solo esecutori e applicatori di leggi che di fatto sono la negazione della democrazia e del governo negli interessi collettivi. Mi permetto di sollecitare i nostri giovani a rifiutare la prassi delle cose fatte da altri e accettate sempre per buone, occorre saper valutare il dubbio che dentro di noi alberga sulle cose che non rendono giustizia proprio all’intelligenza degli stessi giovani.

Così facendo potranno essere utili a se stessi e alla politica, mi auguro che essi non diano niente per scontato, che tengano presenti sempre le ragioni degli altri, perché in fondo per avere rispetto dobbiamo per primi portare rispetto.  Sono certo che la forza dei giovani, la carica intellettuale ed emotiva che li distingue, saprà fare giustizia per bloccare ogni demagogia per saper valorizzare il loro e nostro futuro. Il tempo dirà se ho ragione o torto. Mi auguro sinceramente di avere pienamente ragione».

Walter Gasperini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.1.2014. Registrato sotto Foto, Lettere, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 17 giorni, 10 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it