PIOMBINO: GLI OPERATORI DI BARATTI SUL PIEDE DI GUERRA PER IL BALZELLO PASQUALE

Il porticciolo di Baratti

Il porticciolo di Baratti

PIOMBINO – Gli operatori di Populonia e Baratti sono sul piede di guerra. Crisi, disoccupazione e tasse svuotano i consumi. Le famiglie sono allo stremo, e mentre il commercio  e il turismo si consumano, il comune di Piombino comunica alla stampa che a Baratti c’è un’area a pagamento in più. Riportiamo integralmente il comunicato della Confesercenti di Piombino sull’argomento.

«Da quest’anno A Baratti a partire dal weekend di Pasqua sarà a pagamento anche  il primo parcheggio all’Edicola. I turisti pagheranno 1,80 euro all’ora. Ma quanti  turisti  pagheranno il parcheggio? Sono queste le politiche incentivanti?

La Pasqua 2013 non porterà la sperata ripresa del turismo. Anzi è vera e propria emergenza. La crisi colpisce la voglia di viaggiare degli italiani, manifestandosi in un vistoso calo (- 20% ) delle prenotazioni Ma anche gli arrivi di stranieri languono. Le imprese stanno soccombendo sotto il peso di una tassazione sempre più soffocante, sotto l’incalzare di un costo contributivo del lavoro che non ha eguali, con un’iva superiore a quella dei nostri competitori, regalando loro vantaggi competitivi inaccettabili, una burocrazia pubblica disorganizzata e complicata che toglie tempo  e risorse al lavoro degli imprenditori.

In una situazione economica così pesante, è di sicuro necessario  prendere decisioni coraggiose. Ma ci pare che questa  più che coraggiosa sia penalizzante per i turisti  e per le imprese oltre che  intempestiva  e inopportuna. Gli Operatori di Baratti e Populonia insieme a Confesercenti  hanno con competenza e convinzione lavorato alla predisposizione di un documento unitario sugli orientamenti progettuali del piano particolareggiato.

Tra le altre cose hanno fatto precise proposte in merito al tema della viabilità di accesso all’area parco:

–       No secco alla chiusura integrale, utilizzo dei parcheggi esistenti ed installazione all’entrata del parco di un contatore elettronico che segnali la disponibilità o meno dei parcheggi – quando pieno deviare il traffico a Caldanelle;

–       Allargamento della strada in uscita dal parco in prossimità dell’incrocio per la creazione di una corsia di immissione verso Piombino pr impedire le inutili lunghe code per chi è diretto verso Piombino invece che verso San Vincenzo anche con la realizzazione della rotonda alle Caldanelle

–       Per favorire al massimo l’utilizzo del  parcheggio alle Caldanelle ottimizzare il rapporto qualità del servizio e prezzo del parcheggio rendendo più appetibile sia in termini di praticità che di costi il parcheggio alle Caldanelle tenendo bassi i prezzi di posteggi e della navetta di collegamento al Parco.

–       Investire parte delle risorse derivanti dalla gestione deli parcheggi per sostenere i costi.

–       La navetta come  servizio efficiente e costante con servizi almeno ogni quarto d’ora e che proseguano fino a tardi.

–       Le proposte sono datate ma ad oggi a parte la rotatoria ci auguriamo   a breve utilizzabile, non ci sono state nè azioni né confronti.

Gli operatori si aspettavano segnali che potessero aiutare le imprese  anziché scegliere  di mettere a pagamento il parcheggio dell’edicola  scoraggiando la frequentazione di tutta l’area di Baratti e di Populonia. Si aspettavano servizi, Pannelli elettronici, promozione turistica politiche incentivanti e invece senza nemmeno provare a confrontarci per verificare se si potevano trovare soluzioni alternative si applica un ulteriore balzello.

L’augurio – conclude la Confesercenti – è che si inizi una stagione di confronto capace di trovare tutti insieme soluzioni piuttosto che costringerci nuovamente ad azioni visibili con il coinvolgimento degli stessi turisti come in altre occasioni le imprese sono state costrette a fare per ottenere attenzione e risultati».

Confesercenti Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.3.2013. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: GLI OPERATORI DI BARATTI SUL PIEDE DI GUERRA PER IL BALZELLO PASQUALE”

  1. Astuto Cacciatore

    Tranquilli, signori, non appena lo zio Berrigone avrà realizzato il suo bel residence, l’accesso a Baratti sarà libero e gratuito (per gli ospiti del medesimo).

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 4 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it