SAN VINCENZO: ALESSANDRO BENVENUTI NEL MONOLOGO «ME MEDESIMO»

Il teatro Verdi restaurato

Questa sera presso il teatro Verdi di San Vincenzo a partire dalle ore 21.00 Alessandro Benvenuti presenta “Me Medesimo” è un monologo che sembra cucito addosso alla straordinaria maschera tragicomica di Alessandro Benvenuti.

Sul palco spoglio, una scatola nera e un uomo davanti a un leggio. E’ Cencio, il protagonista che pensa ad alta voce, ricorda, racconta, fa sorridere, ridere, emoziona. E’un uomo in crisi, forse artistica, forse lavorativa, forse familiare; forse e’ tutta la sua vita ad essere messa in discussione, forse questo è solo un modo per sopportare l’evidente fallimento.
Nella sua mente confusa si accavallano i film della sua vita e delle misere vite di altri cenci, come fossero pellicole dirette da grandi registi del cinema americano. E pensare che lui non ama il cinema.  Cencio non si affeziona piu’ a nulla, neanche all’alcool, suo vecchio compagno di viaggio che gli ha devastato il corpo e la mente. E’  rimasto solo con i suoi fantasmi a rimuginare e a raccontare la sua storia confondendola con altre storie. Unica consolazione un’amicizia femminile, forse vera, forse inventata: La Betty.

 

Elisabetta Cosci

 

“Me medesimo ovvero come coniugare dolore, poesia e comicità. Una scrittura a scomparti che procede per scarti a raccontare i pensieri in quell’ordine disordinato che è tipico dei sogni ad occhi aperti. È nato in treno questo testo. Ed è mutevole poiché ispirato da ciò che un treno in corsa racconta attraverso il fuggi fuggi di immagini proposte al viaggiatore da un finestrino. Andavo da Roma a Lamezia Terme. Scendevo in Calabria per fare una serata di teatro un po’ senza senso. 14 ore di viaggio fra andata e ritorno per fare un borderò teatrale. Andare a Catanzaro a rimetterci dei soldi. A volte gli attori queste cose le fanno. Per poter dire “Ho una data”. Per avere un giorno in più segnato in nero sul proprio calendario. Una cosa fra la pena e lo struggimento. Una cosa tenera. Un destino di rabbia. Come utilizzare allora quelle lunghe ore di viaggio? Così presi la penna. Non c’era necessità che scrivessi una cosa nuova. Ma pian piano sul mio quadernino nacque questo racconto sul dolore. Sulla paura di non riuscire a dare una sicurezza economica alla propria famiglia. I tagli alla cultura da parte del governo, la prostituzione sempre più evidente del popolo del teatro in cerca di un pubblico qualsiasi e spesso a tutti i costi. E l’anima che guarda il disfarsi dei sogni. La dura realtà del mercato. La voglia di urlare al mondo un’urgenza sentita come la tua verità più sincera. Il desiderio di continuare a credere che i progetti, la qualità, siano ancora vie possibili. Per me necessarie. Così è nato Me Medesimo. Ciò che credo leggendolo è che ci sono riuscito. Riuscito ad andare oltre. Oltre i Gori, oltre L’Atletico Ghiacciaia. Oltre a tutto quello che ho scritto fino ad ora. È la drammaturgia che sto cercando da tempo e che forse piano piano mi sta nascendo dentro. Ci credo per davvero. Lo sento nella eccitazione delle vene, nel formicolio dei neuroni. Mi sto esponendo, lo so e la cosa è poco teatrale. Vero, ma qualche volta è divertente scommettere. Questa non è una scheda. Non poteva esserlo. Perché m.m.  non è uno spettacolo ma un pezzo di vita da vivere in palcoscenico”.

 

m.m. ha avuto come primo straordinario, toccante interprete l’amico Andrea Cambi che lo ha rappresentato in pubblico una volta sola…poi ci ha lasciati. Io continuo a leggerlo anche per tenere vivo il suo ricordo cercando di onorare così la sua memoria.

 

Alessandro Benvenuti

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.4.2012. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 17 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it