AUTOSTRADA: TRE COMMENTI SUL PEDAGGIO SULLA TIRRENICA

I due caselli alla barriera di Rosignano

Le recenti affermazioni del sindaco di Piombino, sul fatto che è giusto pagare il pedaggio anche per i residenti sull’adeguamento autostradale dell’attuale variante Aurelia, stanno generando tutta una serie di commenti negativi. Anche la politica esprime perplessità. Riportiamo integralmente un intervento di Andrea Serni, coordinatore IDV della Val di Cornia, e di Giuliano Parodi della Lista “Uniti per Suvereto”.

«Chi ha la mia eta’ – inizia Andrea Serni – ricorda i tempi drammatici di quando per andare verso Livorno dovevamo fare la vecchia Aurelia, il tempo che si impiegava, le code interminabili, gli ingorghi per attraversare i paesi, gli incidenti frequenti che si incontravano, le lotte per una viabilità alternativa, e con quale soddisfazione venne salutato il completamento della variante Aurelia che risolveva una buona parte di questi problemi. Ora siamo di nuovo al punto di partenza, vogliono trasformare la vecchia Aurelia in autostrada, va bene ma credo che dobbiamo prima avere risposte ad alcune domande, visto che ne il progetto dell’opera, comprensiva di complanari, ne le condizioni dei residenti nell’utilizzo della stessa non e’ dato sapere.

EPPURE I LAVORI VANNO AVANTI !

Mi pongo allora alcune domande:

quale sono le opere compensative, tolto una parte della 398, e soldi per il completamento della stessa? Credo che se togliamo una strada di mini aggiramento di Venturina e forse la stessa cosa x Cecina non penso che avremo molto di più, anche perché per San Vincenzo volendo fare la stessa cosa non riesco ad immaginarne il percorso.

Non vorrei che alla fine avessimo una situazione del tipo che gli automobilisti per non pagare il prolungamento di una delle autostrade più care del mondo (Pisa-Rosignano M) si riversino sulla vecchia Aurelia creando file e ingorghi di vecchia memoria, magari moltiplicati con l’aumento dall’epoca ad ora proporzionalmente a  come si e’ moltiplicato il traffico, ed il peggioramento della vecchia Aurelia ridotta ormai a pezzi di strada urbana.

Senza voler parlare degli incidenti ,che se negli ultimi 10 anni abbiamo avuto una media di circa due morti l’anno x il solo tratto S Vincenzo – La California con la super stada aperta e gratuita. Cosa succederà quando chi si muove nella zona, che deve fare i conti con i pochi soldi, sarà costretto a passare x questa strada? Se tanto  mi da’ tanto aumento di traffico uguale  aumento di morti. Ed io non vorrei che soprattutto i nostri giovani dovendo risparmiare sui pochi soldi che gestiscono per arricchire Benetton rischiassero la vita! Chi si assumerà questa responsabilità?

Allora se questa autostrada si deve fare vorrei che almeno non ci penalizzasse, non troppo. Credo che un bollino di traffico annuale x il tratto Rosignano – Grosseto x i residenti  tipo Svizzera,ma anche Austria Ungheria,e non chiedo come la Germania dove le autostrade sono gratuite, potrebbe risolvere il problema.

Pagheremmo una quota per l’ammodernamento e migliore percorribilità della strada e magari con una spesa dai 30 ai 50 euro potremmo viaggiare per una strada che non dimentichiamo e’ gratuita e già stata pagata da noi con le tasse.

Anche perché con la proposta che ho letto di sconti per i pendolari, in questo marasma di contratti ne usufruirebbero quelli regolari, e quelli con contratto a chiamata che gli segnano 5 giornate al mese e devono andarci invece tutti i giorni?

Per quelli registrati per periodi che  succede la stessa cosa, o i lavoratori al nero che facciamo finta di non vedere che sono i più deboli e ricattati per bisogno, dovrebbero pagare la totale percorrenza.

Due  parole su Bargone: forse in Italia – conclude Serni dell’IDV – chi e’ responsabile della costruzione di un’opera ed è anche commissario per il governo del controllo della realizzazione stessa, secondo lo stile Berlusconiano non e’ in conflitto di interessi, ma in qualsiasi altro paese del mondo lo sarebbe!!!

Andrea Serni

CORDINATORE IDV VAL DI CORNIA

__________________________________

REPLICHE AD ANSELMI SULLA TIRRENICA

Riportiamo anche il commento di Giuliano Parodi della lista civica  “Uniti per Suvereto”.

«Le affermazioni fatte dal Sindaco Anselmi e dei rappresentanti della maggioranza durante il Consiglio Comunale di Piombino – inizia Giuliano Parodi –  in parte riportati sulla stampa alcuni giorni fa sull’autostrada Tirrenica hanno dell’incredibile.

Inanzitutto denotano una totale ignoranza della materia discussa , ignoranza nel senso letterale del termine ossia: la  non conoscenza dei contenuti delle delibere e di tutti gli atti, compreso il progetto SAT, che gli organi governativi hanno proposto in questi anni, altrimenti non si spiegano certe dichiarazioni.

Tanto per fare un esempio la delibera CIPE n. 116/2008 riporta che  il «limite di spesa» per la realizzazione della Autostrada e’ 3.787,8 milioni di euro di cui 3.556,6 riferiti all’opera e 231,2 per interventi connessi richiesti dalla Regione Toscana, ossia il costo per la realizzazione del Lotto Zero e della 398 fino al porto, mentre in consiglio comunale e’ stato affermato che il solo lotto zero costerebbe oltre 400 milioni, vorrei sapere da che fonte ufficiale e’ stato estrapolato tale dato, o trattasi chiaramente di menzogna venduta ai cittadini.

Il sindaco Anselmi afferma che l’autostrada e’ necessaria perche’ non possiamo permetterci questo budello stretto che ‘e l’aurelia attuale.

Invito il sindaco a studiarsi attentamente il progetto SAT, perche’ per oltre 200km la nuova autostrada sarebbe in sovrapposizione all’attuale aurelia senza quindi nessun intervento strutturale se non la realizzazione ove possibile della corsia di emergenza e la sostituzione del guard rail, tra l’altro per 20 km nel grossetano sarebbe un autostrada a carreggiata ridotta, questo significa che strutturalmente ci troveremo semplicemente la nostra superstrada cambiata di categoria e quindi il traffico che potra’ supportare sara’ lo stesso di adesso, con l’eccezione dove possibile di un innalzamento del limite di velocita’, ma mentre il risparmio di tempo dovuta alla velocità viene monetizzato ed entra a far a far parte del bilancio di fattibilità dell’autostrada, l’inquinamento, il rumore e il peggioramento della qualità ambientale dei luoghi dovuti alla stessa velocità non entrano nel bilancio della concessionaria.

Una stima prudente delle emissioni in atmosfera, atteso l’aumento del traffico secondo le ultime elaborazioni di SAT (31 mila autoveicoli/giorno al 2030 rispetto ai 18.000 attuali) comporterà per la sola tratta Civitavecchia – Livorno un aumento delle emissioni stimabile tra 120.000 e 300.000 ton/anno di CO2, a seconda delle diverse tipologie di veicoli, delle percorrenze medie e della crescita del traffico.

Non va dimenticato che questa crescita di emissioni di gas serra, andrebbe viceversa ridimensionata anche rispetto ai dati attuali, secondo gli accordi internazionali ed il protocollo di Kyoto.

E sempre parlando di soldi vorrei sapere se il Sindaco Anselmi e tutto il PD si siano posti la domanda di quanto dovrà corrispondere la concessionaria SAT all’ANAS per l’uso della strada statale Aurelia già portata a 4 corsie con risorse interamente pubbliche e che quindi non potrà essere ceduta gratuitamente ad una concessionaria privata?

Infine – conclude Parodi – vorrei capire fino a che punto si spinge la schizofrenia del PD e dei suoi componenti, visto che poco piu’ di un mese fa a Venturina fu organizzata una manifestazione del partito stesso con tutte le sue alte cariche, per dire un fermo NO AL PEDAGGIO, ed oggi ci ritroviamo il Sindaco Anselmi, che dice un bel SI AI PEDAGGI, sottolineando che oltre ad essere necessari sono sinonimo di progresso: perche’ difendere gli interessi dei cittadini e’ fuori moda anzi e’ diventato provincialismo».

GIULIANO PARODI

Capogruppo Uniti per Suvereto.

 

___________________________________________

AGGIORNAMENTO

Riportiamo anche il commento del PD dalle Parole di Valerio Fabiani.

E’ con soddisfazione che la Federazione Pd Valdicornia – Elba sottolinea come il documento riguardante l’autostrada tirrenica sia stato votato in consiglio comunale a Piombino da tutti i partiti di maggioranza PD, Idv, Sel, Socialisti e di opposizione Udc, Futuro e libertà, Rifondazione Comunista e Pdl, con la sola eccezione del consigliere Gelichi.

Ci siamo battuti per trovare larghe convergenze nei consigli comunali di tutto il territorio, commenta il Segretario Pd Valerio Fabiani, ed è un fatto che questo non sia stato possibile laddove sono presenti le liste civiche che su questo tema hanno detto tutto il contrario di tutto da chiedere che non venga fatta l’autostrada a richiedere che venga fatta a certe condizioni, impostazione che in consiglio comunale a Piombino cerca di rappresentare autorevolmente Gelichi.

Il documento rappresenta la linea comune condivisa oltre che dai partiti presenti in consiglio comunale a Piombino, anche dalla provincia di Livorno, dalla provincia di Grosseto e dalla regione Toscana. Fare infrastrutture è necessario benché non sufficiente per dare un nuovo impulso alla produzione ed allo sviluppo del nostro territorio, unica porzione di Toscana a non essere adeguatamente collegata con la viabilità nazionale e internazionale.

Noi del Pd, afferma Fabiani, continueremo ad impegnarci sostenendo le nostre amministrazioni nel confronto con il Governo e non lo faremo da soli, come ha dimostrato il voto in consiglio comunale, lo faranno tutto il territorio e tutte le forze politiche responsabili che hanno dimostrato di avere a cuore una questione di interesse di tutto il territorio. Per noi il primo tra gli interessi è rappresentato dal corridoio tirrenico e dal prolungamento della 398 fino al porto. Noi non abbiamo mai avuto un approccio ideologico anche rispetto al tema del pedaggio, ribadisce Fabiani, solo non può essere accettato un progetto che preveda allo stesso tempo il pedaggio indiscriminato per tutti e che non contempli opere finalizzate alla viabilità alternativa.

Pd Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.5.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

11 Commenti per “AUTOSTRADA: TRE COMMENTI SUL PEDAGGIO SULLA TIRRENICA”

  1. marco

    Attendiamo commenti seri da chi non e’ d’accordo con quanto scritto sopra !!!
    (poi iniziamo il confronto).
    Saluti

  2. Amerini Giampiero

    Consiglio comunale
    Seduta ordinaria del 29 Aprile 2011
    ORDINE DEL GIORNO
    Presentato dai consiglieri Claudio Capuano (PD), Luigi Coppola (UDC), Marco Mosci (IDV), Angelo Trotta (SEL), Federico Mambrini (Gruppo Misto) e Giampiero Amerini (FLI)
    sulla Autostrada Tirrenica.

    Consiglio comunale
    Seduta ordinaria del 29 Aprile 2011
    ORDINE DEL GIORNO
    Presentato dai consiglieri Claudio Capuano (PD), Luigi Coppola (UDC), Marco Mosci (IDV),
    Angelo Trotta (SEL), Federico Mambrini (Gruppo Misto) e Giampiero Amerini (FLI)
    sulla Autostrada Tirrenica.

    E S P R I M E
    l’esigenza di procedere velocemente nei tempi e nei modi, con certezza, responsabilità, trasparenza e rispetto reciproco alla realizzazione di questa grande opera di viabilità, tenendo fede agli impegni già assunti in ordine alle opere complementari ed alternative e di collegamento con il Porto di Piombino, nonché al pedaggio gratuito per i residenti nei Comuni dei tratti costieri interessati privi di viabilità alternativa, a cominciare dal tratto
    Rosignano – Follonica;
    R I B A D I S C E
    la necessità, in particolare, di consolidare gli impegni raggiunti nell’intesa Governo,
    Regione, Provincia di Livorno e Comune di Piombino, insieme a SAT per il prolungamento
    fino al Porto di Piombino della 398, riconoscendo in essa un’opera di valore nazionale,
    imprescindibile ai fini della diversificazione extra siderurgica del nostro territorio e, nel
    contempo, dei vantaggi logistici e competitivi per il comparto stesso dell’acciaio;
    R I T I E N E
    Indispensabile la realizzazione della 398 fino al porto e la realizzazione di viabilità
    alternativa o l’esenzione del pedaggio per i residenti;
    DA’ M A N D A T O AL S I N D A C O
    di porre queste istanze in ogni sede competente.

  3. Riccardo Gelichi

    Odg incompleto, mancano le premesse, ma sopratutto mancha questo :
    Dato atto del protocollo d’intesa firmato a Piombino l’11.12.2010 dal Governo, dalla Regione Toscana e dal Sindaco di Piombino;
    Il quale protocollo citato nell’Odg suddetto all’articolo 3 recita :
    Articolo 3
    SAT eseguirà i lavori del collegamento per il Porto di Piombino, di cui all’art. 1, in conformità al crono
    programma allegato al Progetto Definitivo di completamento dell’autostrada. Al fine di contribuire a
    sostenere il finanziamento dell’opera, i percorsi autostradali da e per lo svincolo autostradale di Piombino
    avranno un pedaggio parametrato su una lunghezza complessiva che comprenda anche l’estensione dei
    collegamenti di cui all’art. 1.
    Che stride con questo passaggio dell’Odg suddetto “…… nonché al pedaggio gratuito per i residenti nei Comuni dei tratti costieri interessati privi di viabilità alternativa, a cominciare dal tratto Rosignano – Follonica.
    Una contraddizione grossa come una casa io non la voto, grazie.
    Se c’è bisogno metto tutto l’Odg del PD e compagnia e se lo ritenete necessario metto il mio che non contiene l’accordo di rinuncia del Sindaco.
    Un saluto rosa, R. Gelichi.

  4. Amerini Giampiero

    No, amico Gelichi! Ci sono inesattezze nel tuo intervento e lo sai benissimo! Intanto l’O.d.G. non è del PD, ma è scaturito da quello presentato da Coppola dell’UDC, ritirato su richiesta degli altri gruppi per ripresentarlo in modo unitario. L’UDC non fa parte del PD, ma del Polo della Nazione, o Terzo Polo, come si vuo chiamare, del quale fa parte anche Futuro e Libertà. Altro fatto che ci tengo a precisare: quel “PD e compagnia”, non è affatto appropriato a noi, si addice più a te, caro Gelichi, che fino a ieri hai fatto parte del PD, e sei stato eletto proprio sotto quel simbolo . Noi siamo sempre stati all’opposizione, e per diversità di idee. La nostra è un’opposizione costruttiva, che non dice no a tutto, come fanno altri. Noi abbiamo accettato di modificare l’ordine del giorno per poterlo approvare all’unanimità, per dargli più forza e per fare gli interessi dei cittadini. L’unico intrasigente che ha addirittura rifiutato di discuterlo sei stato te, solo te. Sai anche benissimo, o almeno spero che tu l’abbia capito, che negli O.d.G. e nelle mozioni quello che conta, e che si vota, è il dispositivo. Per questo, e solo per questo, ho riportato solo la parte dispositiva, per semplificare e perchè tutto è espresso con chiarezza nelle ultime righe dove si dice: “Ritiene indispensabile la realizzazione della 398 fino al porto e la realizzazione della viabilità alternativa o l’esenzione del pedaggio per i residenti”. Questo chiedono i cittadini di Piombino e della Val di Cornia. Abbiamo scritto e approvato quell’Od.G. insieme al PD, al PDL, e tutti gli altri gruppi presenti in consiglio comunale, proprio per rispondere alle richieste dei cittadini, di tutti i cittadini indipendentemente dalle loro idee e, quindi, anche di quelli che ci hanno dato il mandato a rappresentarli. Si, amico Gelichi, perchè i cittadini che noi ci onoriamo di rappresentare non vogliono solo polemiche e solo no … Ricambio il saluto … e un suggerimento: non fare solo polemica e su tutto, rischi di divenire antipatico … e poi qualcosa che condividi ci deve pur essere … G. Amerini

  5. ASTUTO CACCIATORE

    Questa “vecchia polemica” che risale, mi sembra all’aprile del 2011, la dice lunga di come, purtroppo, viste come stanno le cose oggi, fine febbraio 2012, non ci sia niente da fare nei confronti del potere schiacciante del Partito Padrone della Toscana. Possono dire e fare quello che vogliono e rigirare le frittate come ritengono più adatto ai loro interessi.

  6. giuliano parodi

    IL PARTITO PADRONE non da risposte ed incapace anche di difendere le sue scelte perche’ i poveri amministratori locali non sanno nemmeno perche’ devono dire di SI…sanno solo che devono farlo….ad esempio su questa storia della tiRRENICA perche’ non scendono in piazza e ci raccontano a noi cittadini I VANTAGGI di trasformare l’aurelia in autostrada..perche’ di vantaggi ce ne saranno tanti (spero) visto che non si oppongono all’esprorpio della SAT….SINDACIIIII fateci sapere cosa ci guadagna la comunita’…cosa ci guadagna Monte dei paschi, gavio le coop rosse, il PD, d’alema e bargone ormai lo abbiamo capito ora vogliamo sapere cosa ci guadagnamo NOI!!!!…attendo risposte

  7. Lorenzo b.

    Ma l’avete sentito Anselmi? Delira.. poverino,…già l’infermità mentale a quest’età? Eppure era giovane… sempre i migliori se ne vanno..

  8. luca

    Ecco il video del delirio, per chi ha voglia di vederlo…

  9. Astuto Cacciatore

    C’è una cosa positiva in questa faccenda “AUTOSTRADA: TRE COMMENTI SUL PEDAGGIO SULLA TIRRENICA”, che questo articolo è entrato nella top ten degli articoli più letti (settimo posto) con oltre 3500 views. Forse la gente comincia ad interessarsi a come il regime cerca di manipolare, anzi decisamente manipola, certi affari. Importante che al decimo posto ci sia anche l’altro articolo: “INTERROGAZIONE di 5 STELLE SULL’AUTOSTRADA TIRRENICA SAT – 2.680 views”. Speriamo che la gente cominci ad aprire gli occhi.

  10. Alessia

    Sono entrata per sbaglio in autostrada direttamente dall’ Aurelia senza accorgemene. E’ uno scandalo quasi cinque euro ottenuti con l’ inganno.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 8 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it