LA GIOCONDA NUDA, SVELATO IL MISTERO DELLA MOSTRA DI LEONARDO A PIOMBINO

Un sorriso appena accennato, lo sguardo intrigante rivolto allo spettatore, il profilo esaltato dalla nudità del seno. Sono i tratti della “Gioconda nuda”, madrina de “Il Ritorno di Leonardo a Piombino”, la mostra dedicata al genio del Rinascimento inaugurata oggi nella cornice del Museo del Castello e della Città di Piombino, aperta fino al 6 gennaio. Il dipinto, un originale datat0 1511 di Bottega Leonardesca viene esposto per la prima volta dopo un accurato restauro.

L’opera è molto probabilmente attribuibile a Salai, l’allievo prediletto del maestro fiorentino. Il quadro, svelato solo al momento dell’inaugurazione, è al centro dell’esposizione, promossa dall’assessorato alla cultura del Comune di Piombino e dalla società Parchi Val di Cornia , curata dal direttore del Museo Ideale Leonardo da Vinci Alessandro Vezzosi. L’evento è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, Regione Toscana e Provincia di Livorno.

All’inaugurazione erano presenti l’assessore provinciale Ringo Anselmi, quello alla cultura del Comune di Piombino, Ovidio Dell’Omodarme e il presidente della società Parchi Val di Cornia Luca Sbrilli.

La mostra coniuga, in un inedito nodo della conoscenza,  la complessità interdisciplinare di Leonardo e i suoi rapporti soprattutto con Piombino, dove tra il 1502 e il 1504 trascorse lunghi e fecondi  periodi di studio e di lavoro. Tra gli oltre quaranta pezzi esposti la macchina volante, il citofono per comunicare fra torri a distanza, la camera di specchi fondamentale per la visione del pittore, il prospettografo come “macchina da ripresa” dell’artista universale.

Altre ricostruzioni sono un ascensore e un tamburo meccanico, allegorie e cartografie, le tematiche del territorio di Piombino e del mare, grandi poliedri e sculture in bronzo, il modo per misurare le distanze, forni per la distillazione e la fusione, le macchine da guerra, il nuoto e il “modo di camminare sull’acqua”, l’architettura della città ideale, la prefabbricazione per argini e porti, il “ponte salvatico”, l’arto meccanico dell’uomo e quello dell’uccello per la macchina volante, il mito dei capolavori (Cenacolo, Uomo Vitruviano e Gioconda).

“Il ritorno di Leonardo a Piombino è una riscoperta – ha spiegato il curatore della mostra, Alessandro Vezzosi –  molte cose su Leonardo sono poco segnalate, non divulgate.  Questa esposizione mette in luce aspetti inediti legati non solo agli studi di Leonardo, ma anche a dettagli di vita quotidiana”.

La molteplicità degli interessi di Leonardo, riferiti al periodo piombinese, porteranno alla realizzazione di una “Breve enciclopedia per Leonardo a Piombino”, che comprenderà decine di voci, fra cui molte sorprendenti.

“Il rapporto di Leonardo con Piombino è forte – ha affermato Carlo Pedretti, il più grande studioso di Leonardo – ciò è testimoniato nei disegni i Diluvi Apocalittici, dove ultrasettantenne si ispira alla furia dei venti e delle onde di Piombino. Proprio questo legame può aiutare Piombino a guadagnare una meritata dimensione europea”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.7.2010. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “LA GIOCONDA NUDA, SVELATO IL MISTERO DELLA MOSTRA DI LEONARDO A PIOMBINO”

  1. mario santini

    Vorrei ricordare all’estensore dell’articolo che Leonardo ultrasettantenne non potè mai scrivere alcunchè, visto che morì ad Ambois nel 1519 all’età di 67 anni;
    nessuna polemica, solo precisazione (può darsi un refuso di ultrasessantenne).

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 17 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it