CAMPIGLIA: BOTTA E RISPOSTA SUL REGOLAMENTO URBANISTICO

Riportiamo il Botta e Risposta tra l’Amministrazione comunale di Campiglia e la lista “Comune dei Cittadini.

«Sul Regolamento Urbanistico avevamo posto tre domande: 1. Le ragioni per cui, dopo  6 anni dall’avvio del procedimento,  non è stato ancora adottato; 2. Se erano decadute le salvaguardie che bloccano gli interventi in contrasto con il piano strutturale; 3. Se durante la sua elaborazione si stanno esaminando anche progetti immobiliari di alcuni privati.

Sui tempi lunghi il Sindaco si giustifica con la difficoltà di fare un piano unico per tre Comuni (cosa che in questa zona è avvenuta più volte e per più comuni)  e con il fatto che sono state fatte varianti durante la sua redazione. Tradotto in un linguaggio comprensibile significa che, con le varianti, si è dato priorità ad interessi di pochi, considerati urgenti, a discapito di quelli di tutti.  A Campiglia le varianti sono state due: l’ampliamento del PIP di Campo alla Croce (dove ci sono ancora molte aree libere e molti capannoni inutilizzati e dove pochi anni prima si era ritenuto impossibile fare ampliamenti per giustificare l’assurda variante dell’impianto di betonaggio delle Lavoriere),  e il  famigerato tunnel della cava di Monte Calvi sotto il parco di San Silvestro, così urgente dall’essere poi stato abbandonato.

Sulle salvaguardie la risposta è chiaramente in contrasto con la legge. Per la art. 61 della LRT 1/2005, infatti, le salvaguardie non possono durare più di tre anni dall’adozione del piano strutturale, ossia fino al 31 luglio 2009. Per il sindaco scadranno addirittura il 13 giugno 2010, ossia quattro anni dopo l’adozione. Ogni commento è superfluo poiché nessuno può violare la legge, nemmeno i sindaci.

Sull’esame di progetti  immobiliari la risposta scritta del Sindaco tace del tutto, ma verbalmente ha ammesso che è “naturale” esaminarli. La cosa è preoccupante, non solo perché la legge prevede che chiunque possa presentare  osservazioni dopo l’adozione del Regolamento Urbanistico (con procedura ben definita e con l’obbligo del Comune di rispondere a tutti in modo trasparente), ma anche perché non ci  risulta che il Comune, nel corso degli incontri di questi anni,  abbia mai informato i cittadini della possibilità di presentare progetti immobiliari.  Se c’è chi l’ha fatto ci chiediamo per quali ragioni e con quali criteri il Comune ritenga “naturale” esaminarli, trattandosi, come ben si comprende, di un vero e proprio privilegio.

Se ne deduce che Sindaco e maggioranza ritengono naturale esaminare sin da ora alcuni progetti immobiliari (che nessuno conosce), mentre manifestano insofferenza verso chi, alla luce del sole, si è fatto portatore d’interessi comuni come i servizi, la qualità della vita, il paesaggio e il patrimonio storico.  E’una brutta premessa, culturale e politica, per il buon governo del territorio».

Comune dei Cittadini – 6.1.2010

REGOLAMENTO URBANISTICO UNICO:  COMPLESSO MA IMPORTANTE

In dirittura d’arrivo per l’adozione

Campiglia è vicinissima all’adozione del regolamento urbanistico. Mettere in piedi questo strumento insieme e in forma unitaria tra più comuni, se è senza dubbio positivo dal punto di vista dei risultati per il territorio, comporta tempi più lunghi e una gestazione più complessa. A chi lamenta tempi lunghi il sindaco di Campiglia Rossana Soffritti risponde: “Per la prima volta si redige un piano unico e non esiste quindi un’altra realtà di riprova – spiega Soffritti  – ad ogni modo è necessario notare che anche nel passato, quando si redassero i piani semplicemente coordinati, non unici come adesso, richiesero 5-6 anni di tempo”.

Anche dal confronto con i dati statistici dell’Irpet, i tempi della pianificazione della Val di Cornia non si discostano dalla media; occorrono infatti 2237 giorni di tempo, in media, da una pianificazione all’altra. “Si può riflettere sui tempi dell’urbanistica e sulla necessità dei comuni di incidere in tempo reale sulle politiche di programmazione – dice il sindaco – ma è argomento diverso”. “Abbiamo anticipato un tema importante che è quello dell’ampliamento delle aree PIP elaborando la variante contestualmente al Piano Strutturale senza per questo provocare alcun ritardo. Le norme di salvaguardia – conclude il sindaco – decadranno il prossimo luglio, quando il Regolamento Urbanistico sarà efficace”.

Comune di Campiglia 5.01.10

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.1.2010. Registrato sotto politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 19 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it