CITTÀ ANTICA. ENTRO SETTEMBRE LA VENDITA DEGLI EX LICEI

Dopo le due giornate di discussione pubblica che si sono svolte lo scorso 4 aprile e il 17 luglio a Palazzo Appiani e che hanno visto la partecipazione di oltre 100 persone, l’amministrazione comunale ha delineato, con una nuova delibera di giunta, il percorso che sarà seguito nei prossimi mesi per procedere alla fase di attuazione degli interventi di completamento del Piano di “Città Antica”.

L’attuazione della procedura dovrebbe portare alla realizzazione del 1° stralcio dei lavori per il Polo culturale in piazza Manzoni, la riqualificazione di piazza dei Grani e la vendita e la ristrutturazione degli ex licei, secondo l’esito del percorso partecipativo. Tutto questo tenendo conto che l’aggiudicazione dei lavori per la realizzazione del polo culturale è subordinata alla vendita da parte del Comune degli ex licei, il cui importo è necessario per avviare la realizzazione del 1° lotto dei lavori della biblioteca.

Per poter ottenere una migliore risposta sul mercato, l’amministrazione ha deciso quindi di avviare due procedure distinte e separate per l’attuazione del programma, indicendo entro la fine di questo mese un’asta pubblica per l’alienazione dei vecchi licei di via Cavour, sulla scorta di un importo a base d’asta che sarà determinato dagli uffici comunali, e di una gara d’appalto distinta per la realizzazione del 1° stralcio del Polo Culturale sulla base del progetto esecutivo dell’architetto Salvatore Re.

Quest’ultima da pubblicare entro il 15 ottobre. Per piazza dei Grani inoltre, i Lavori Pubblici elaboreranno nei prossimi giorni il progetto preliminare finalizzato a definire il futuro assetto della piazza, sulla base della soluzione prevalente emersa dal percorso partecipativo, denominata “un anfiteatro naturale”. Il progetto sarà parte integrante dell’asta con la quale si procederà alla vendita dei vecchi licei, anche perché il soggetto aggiudicatario dovrà provvedere ad elaborare, su quella base, i progetti definitivi ed esecutivi della piazza, la cui realizzazione competerà al Comune stesso utilizzando i proventi derivanti dalla riconversione degli ex licei ed eventuali altre risorse aggiuntive.

Per presentare ai cittadini il preliminare di piazza dei Grani e il progetto esecutivo del Polo Culturale, l’amministrazione comunale ha intenzione di convocare un nuovo incontro pubblico entro la metà d’ottobre, aperto a tutti coloro che avevano partecipato alle due giornate di discussioni precedenti e a tutti gli interessati.

Per informazioni sulle proposte scaturite dal percorso partecipativo, disegni, contributi scritti e descrizioni e altri materiali sono disponibili sul sito internet del Comune, all’indirizzo: www.comune.piombino.li.it/piazzadeigrani/.
Per ulteriori informazioni tel. 0565 63357-63238 email: piazzadeigrani@comune.piombino.li.it o Sociolab, la società che ha curato il percorso partecipativo (tel./fax 055- 667502; www.sociolab.it; email: barbara.imbergamo@sociolab.it; lorenza.soldani@sociolab.it).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.9.2009. Registrato sotto cronaca, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 3 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it