PIOMBINO: BOCCIATO IL REFERENDUM SUI FANGHI

E’ stato bocciato il quesito referendario da parte della commissione tecnica, che ha formalizzato i motifi di tale scelta. «Una questione che esula dalla competenza locale».

È questa la motivazione ufficiale con cui è stata respinta la richiesta di consultazione popolare sull’operazione Bagnoli, presentata dal Comitato “No Fanghi”.

Contro l’ammissibilità si sono espressi Graziano Salvatici, difensore civico comunale, Simonetta Polverini, presidente del consiglio comunale, Maria Luisa Massai, segretaria generale del Comune, Maurizio Poli, funzionario agli affari generali, e Renzo Grassi, esperto nominato dal sindaco. Sull’altro fronte i voti del funzionario ai servizi elettorali Paolo Menicagli e di Paolo Benesperi, esperto in rappresentanza del comitato “No Fanghi”.

Il nocciolo del problema sollevato dalla richiesta di referendum era e resta politico, sostiene il Comitato No Fanghi: «Un sindaco e un’amministrazione davvero democratica non dovrebbero impedire la partecipazione, ma al contrario dovrebbero ricercarla, promuoverla, farsene forti. Soprattutto quando la materia non era prevista in nessun programma elettorale».

L’invito a “prendere atto” della scelta fatta dalla commissione viene rivolto al Comitato del “No” dal segretario Ds Matteo Tortolini che chiude sulle polemiche: «La commissione ha mostrato un’articolazione di posizioni che è la migliore risposta istituzionale alle vergognose accuse adombrate e tese a offuscare la dignità dei suoi membri. Adesso dobbiamo concentrarci sul nuovo accordo e non sulle vecchie questioni. Le istituzioni sono al lavoro sul testo e appena sarà definito credo verrà diffuso. Lo scenario è radicalmente modificato rispetto a luglio».

Il pronunciamento dovrà essere ora sottoposto entro il 30 novembre al Consiglio comunale che, sempre secondo lo Statuto, può deliberare in difformità al parere negativo espresso dalla Commissione a maggioranza qualificata dei due terzi dei Consiglieri in carica.

Ma sull’ammissibilità del referendum qualcosa da dire ce l’ha anche Paolo Benesperi che spiega sul nostro Furum sull’argomento i motivi per cui il Referendum invece era ammissibile, motivazioni che potete leggere PREMENDO
QUI
(L’ultimo post della pagina).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.11.2007. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 23 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it