PIOMBINO: IL TEATRO, PALCOSCENICO DELLA VITA

Arriva anche a Piombino mercoledì 15 dicembre presso il Centro Pegaso, “Il carro di Tespi”, con una conferenza-spettacolo per scoprire il meraviglioso viaggio dell’uomo attraverso il teatro. Per il suo valore culturale, la manifestazione è inserita nell’ambito della Stagione Teatrale Piombinese 2004/2005, ma per favorirne la fruizione l’ingresso è ingresso gratuito.

Una conferenza in forma di spettacolo, per conoscere in modo piacevole e divertente le radici del teatro: un’arte antica che, sin dall’antichità, accompagna e rispecchia fedelmente la storia dell’uomo, le sue miserie e i suoi dolori, le sue passioni e i suoi sentimenti. La magnifica avventura del teatro. L’uomo e il suo destino: dal teatro greco alla sacra rappresentazione medievale è infatti il titolo di quest’originale progetto, nato da un’idea di Alessio Pizzech. Il Carro di Tespi (gruppo di attori che prende il nome dal leggendario poeta – VI sec. A.C. – indicato dalla tradizione come l’inventore della tragedia greca) arriverà a Piombino mercoledì 15 dicembre, per portare “il pubblico presente in un viaggio fra testi, autori, luoghi, ripercorrendo la storia del teatro di tutti i tempi, che è la storia dell’uomo”.

Guerra, libero arbitrio, predestinazione, fede: sono alcune delle suggestive chiavi di lettura per entrare nel complesso mondo della poetica e nel vivo dell’azione teatrale, che mette in scena alcuni dei più bei testi di Sofocle, Eschilo, Euripide e si conclude, passando attraverso citazioni da Shakespeare, Goldoni, Molière, con Il pianto della Madonna di Jacopone da Todi, lasciando allo spettatore ampi spazi di riflessione. Tutto il percorso è raccontato e spiegato da una voce narrante, una presenza metateatrale e al tempo stesso parte della finzione scenica.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.12.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 23 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it