FESTA DELLA TOSCANA CON L’UNICEF E I BIMBI

Io bianco, tu giallo egli nero, noi cattolici, voi ebrei, essi musulmani, tutti diversi ma tutti ugualmente fratelli. E’ il senso di una delle tante e interessanti elaborazioni dei ragazzi delle scuola elementari di Campiglia e Venturina sul tema “Diritto di cittadinanza: Analisi sul tema Io, Tu, Noi, Tutti diversi”, presentate venerdì 28 novembre al consiglio comunale aperto all’infanzia, nella saletta comunale di Venturina.

Così i bambini hanno celebrato la Festa della Toscana, con ordine del giorno unico su un tema naturalmente legato anche alla disabilità, o per meglio dire, alla diversa capacità di realizzarsi nella vita, che caratterizza questa edizione della Festa della Toscana 2003.

Hanno parteciperanno il sindaco Silvia Velo, i consiglieri e gli assessori, mentre ha coordinato Federica Genovesi, assessore alla pubblica istruzione. Il sindaco ha spiegato ai bimbi il funzionamento del Consiglio comunale, quindi è stata la volta della dirigente scolastica, Vincenza Rum, che ha espresso la propria soddisfazione nel collaborare a iniziative come questa con l’Amministrazione Comunale.

C’è stato quindi l’intervento della rappresentate Unicef per la provincia di Livorno Paola Bachini che ha illustrato la proiezione del film dei diritti dei bambini informando che l’Unicef ha una convenzione sui diritti dell’infanzia con tutti gli stati del mondo tranne due, gli Stati Uniti e la Somalia, perché condizione per l’accordo è che nel paese non vi sia la pena di morte.

Ma i protagonisti indiscussi del consiglio sono stati i ragazzi, le cui riflessioni i cui lavori in mostra hanno dimostrato pienamente quanto dai ragazzi si debba apprendere. La maggior parte di loro conosce da vicino persone diversamente abili e l’esperienza diretta li ha ancor più maturati: “Magari non si muovono o non parlano bene – ha detto qualche bambino – però sono capaci di amare la vita e di insegnarci che la cosa più triste è non essere nato e che ciascuno deve accettare se stesso e deve essere accettato per come è”.

Parole semplici ma che arrivano dirette, come i colori e le frasi che i bimbi hanno messo nei loro disegni, come la commozione che si è letta in volto ai molti adulti presenti: insegnanti, consiglieri, nonni, genitori, consapevoli che questi bambini sono portatori di valori profondi da tutelare e valorizzare, in un modo diverso da quello fatto tante volte che è più a portata di mano, di moda, magari apparentemente perfetto ma tanto superficiale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.11.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it