TROPPO POVERI PER ESSERE CURATI?

L’Associazione Reciprocità di Piombino presenta la mostra di Medici Senza Frontiere sull’accesso ai farmaci essenziali e promuove un incontro pubblico sul diritto d’asilo.

L’Associazione Reciprocità è una Onlus (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) che da anni lavora per portare nei paesi poveri dell’Africa e dell’Asia assistenza medica e accesso all’istruzione.
A Piombino si è costituita intorno ad un progetto sanitario realizzato in Burkina Faso, nell’Asia subsahariana.
Grazie all’impegno dei suoi volontari e ai contributi raccolti, Reciprocità ha aperto e mantiene, da gennaio di quest’anno, un ambulatorio medico di base in un quartiere periferico di Ouagadougou, la capitale del Burkina.

Nell’ambito dell’Estate piombinese ed in collaborazione con altre associazioni locali che si occupano di immigrazione, integrazione e cooperazione tra i popoli, Reciprocità propone in anteprima nazionale la mostra di Medici Senza Frontiere “Le malattie dimenticate”, che resterà aperta al Castello per due settimane.

Leggi Tutto…

Premio nobel per la pace nel 1999, MSF è un’associazione internazionale senza scopo di lucro fondata nel 1971 da un gruppo di medici della Croce Rossa: la sua missione è offrire soccorso sanitario alle popolazioni in pericolo, testimoniare le violazioni dei diritti umani, favorire la prevenzione e l’accesso ad un sistema sanitario di base.
Nel 1999 MSF ha avviato una campagna per consentire l’accesso ai farmaci essenziali e quindi le cure mediche anche ai più poveri.
Ogni anno infatti muoiono 17 milioni di persone a causa di malattie infettive e carenze nutrizionali, di cui solo l’1,2% nei paesi industrializzati.
Anche se il fenomeno è legato alle precarie condizioni di vita, al contesto ambientale ed economico, molti malati potrebbero sopravvivere se avessero a disposizione i farmaci adatti.
Ma quasi un terzo della popolazione terrestre non ha accesso alle cure essenziali: l’Africa, ad esempio, assorbe solo l’1% delle vendite mondiali di farmaci.
Lo scarso potere d’acquisto è anche una delle ragioni per cui il 90% degli investimenti nella ricerca è destinato alla soluzione di problemi che riguardano lo stile di vita occidentale (obesità, impotenza, rughe), mentre nei paesi poveri si muore ancora di polmonite, diarrea e tubercolosi.
La campagna di MSF affronta perciò le complesse problematiche relative alla produzione e al commercio dei farmaci, che coinvolgono gli interessi economici dell’industria farmaceutica, il ruolo delle organizzazioni mondiali, le politiche sanitarie dei governi locali e delle grandi potenze mondiali (USA, UE).

LA MOSTRA
Realizzata per Medici Senza Frontiere a sostegno della campagna per l’accesso ai farmaci essenziali, Le malattie dimenticate è il resoconto di un viaggio durato un anno, attraverso tre continenti:
un diario che racconta, con le immagini del fotografo francese Serge Sibert e i testi della giornalista e scrittrice Laurence Binet, la vita dei medici e dei loro pazienti. Una lotta quotidiana di individui, famiglie e comunità contro cinque patologie trascurate: malattia del sonno (Uganda e Sud Sudan), malattia di Chagas (Honduras), tubercolosi (Abkhasia), leishmaniosi (Perù) e malaria (Cambogia).
Oltre 80 pannelli documentano questa esperienza umana e professionale, richiamando l’attenzione dell’opinione pubblica su una sofferenza che si consuma lontano, dimenticata dalle ragioni del mercato e nell’indifferenza delle autorità politiche.

L’APPROFONDIMENTO
Nell’ambito dell’iniziativa, lunedì 12 agosto (presso il Rivellino, alle ore 21) è previsto un Incontro sul diritto d’asilo, tema di grande attualità che sarà discusso alla luce della recente approvazione al Senato della legge Bossi-Fini.

Al dibattito, per il cui coordinamento è stata richiesta la presenza del direttore del Tirreno Alessandra Bonsanti, parteciperanno Andrea Accardi di MSF, Fabrizio Callaioli per Amnesty International e Dino Frisullo, responsabile dell’associazione Senza Confine.

Alla serata, che prevede una performance del gruppo Hidden Theatre di Volterra e la proiezione di un video sulla situazione dei rifugiati nel mondo, sono state invitate le associazioni locali interessate e rappresentanze del mondo politico istituzionale, per un confronto a tutto campo su un problema che in Italia non ha ancora trovato attuazione in una legge organica.

LE MALATTIE DIMENTICATE
Mostra fotografica di Medici Senza Frontiere
Foto di Serge Sibert, testi di Laurence Binet

10-25 agosto 2002, Castello di Piombino
orario di apertura al pubblico: 10-12/18-23, chiuso lunedì;

Organizzazione: Associazione Reciprocità, in collaborazione con Circolo Interculturale Samarcanda, Teatro dei Concordi di Campiglia M.ma, Associazione Nuovo Teatro dell’Aglio con il patrocinio del Comune di Piombino.

Inaugurazione in prima nazionale sabato 10 agosto alle ore 21
parteciperanno:

Nicoletta Dentico, Direttore esecutivo di MSF
Beppe Soriani, medico volontario MSF in Sri Lanka,
Massimiliano Cosci, logista in Monzambico e Liberia, coordinatore di terreno in Sudan
Marzia Corini, medico MSF a Timor Est e Sri Lanka

……………………………………………………………..
Sulla campagna di MSF per l’accesso ai farmaci essenziali:
Documentazione e informazioni: www.msf.it

Contatti: tel.06.4486921,
e-mail: msf@msf.it
Associazione Reciprocità Piombino:
tel.328.4142537,
e-mail: reciprocita_piomb@hotmail.com

Print Friendly
Scritto da il 5.8.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 6 giorni, 16 ore, 47 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it