LUCCHINI: RENZI SODDISFATTO SCELTA CEVITAL

Il premier Matteo Renzi con il collega algerino Abdemalek Sellal ad Algeri (foto Presidenza del Consiglio)

Il premier Matteo Renzi con il collega algerino Abdemalek Sellal ad Algeri (foto Presidenza del Consiglio)

ALGERI – «Ci sono stati passi avanti, aspettiamo gli ultimi passaggi formali e siamo pronti ad accogliere gli imprenditori algerini in Italia.» Il Presidente del Consiglio, oggi 2 dicembre ad Algeri in visita-lampo per una serie di incontri istituzionali ed economici, gradisce la scelta fatta dal Comitato di Sorveglianza della ex Lucchini ed esalta il valore delle relazioni tra i due Paesi nella conferenza stampa dopo il bilaterale con il primo ministro algerino Abdemalek Sellal e dopo aver incontrato i vertici di Cevital.

«Da quando il mio governo si è insediato è la quarta volta che viene ad Algeri un suo rappresentante. Questo testimonia la relazione molto importante e strategica dei rapporti tra l’Italia e l’Algeria.» Le ragioni che legano Italia e Algeria, ha proseguito Renzi, «sono politiche e strategiche e riguardano anche la lotta al terrorismo.» Oltre al premier Sellal e al presidente della Repubblica Abdelaziz Bouteflika, Renzi ha incontrato ad Algeri vari imprenditori locali tra i quali il presidente di Cevital, Issad Rebrab, la multinazionale agroalimentare algerina che si è aggiudicata l’acquisizione della Lucchini di Piombino. Il via libera alla cessione della Lucchini, secondo fonti governative, è stato dato proprio oggi dal Ministero dello Sviluppo economico dell’Italia, che ha precisato che l’operazione prevede investimenti di circa 400 milioni di euro e prospettive, a regime, di pieno riutilizzo del personale. Fin da subito, Cevital assumerà infatti alle proprie dipendenze 1.860 lavoratori.
«E’ una proposta importante – ha proseguito Renzi – che segnerà un ottimo passo avanti nelle relazioni tra i due Paesi e nel business di una realtà così importante come la costa della Toscana.» Il premier ha insistito sulla necessità di «nuovi investimenti nel Mediterraneo non solo in settori tradizionali come l’energia, ma anche in settori come l’agricoltura e il turismo.» Nel futuro, ha osservato Renzi, «la questione energetica sarà più in direzione nord e sud e questo conferma l’importanza delle relazioni tra l’Unione Europea e l’Africa e tra l’Italia e l’Algeria.»

Andrea Panerini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.12.2014. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 14 giorni, 23 ore, 51 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it