IL 2009 VISTO DAL COMUNE DI SAN VINCENZO

san_vincenzoIl sindaco Michele Biagi illustra gli interventi principali per il nuovo anno. Investimenti in opere pubbliche, inaugurazione del nuovo porto turistico, tutela ambientale e sostegni al settore sociale.

“Una serie di investimenti finalizzati all’abbellimento e al buon vivere a San Vincenzo a partire dalla manutenzione e innovazione della viabilità, dell’arredo urbano, dei parchi e dei giardini, fino ad arrivare alla mobilità sostenibile e ai servizi alla persona. Sono queste le priorità del nostro programma e quindi dei nostri interventi per il 2010. Pensiamo, infatti, che attraverso questa grande opera pubblica si possano creare condizioni di benessere sociale ed economico. Innalzare la qualità del vivere a San Vincenzo vuol dire non soltanto migliorare le condizioni di coloro che già ci abitano ma far diventare il nostro paese un vero e proprio punto di attrazione per nuovi residenti e turisti. Ed è sufficiente riflettere su alcune questioni per capire che la partita è difficile ma che ci sono tutte le condizioni per raggiungere il nostro obiettivo”.

Queste dunque le principali azioni che il sindaco di San Vincenzo Miche Biagi intende portare avanti per il nuovo anno che coincide con l’inizio della nuova legislatura e del suo secondo mandato.

“Abbiamo deciso, prosegue Biagi, di proseguire  gli investimenti in opere pubbliche attraverso il piano triennale 2010-2012 che prevede una spesa complessiva di circa 12 milioni di euro più 1.400.000 euro circa che abbiamo già investito in questi ultimi sei mesi per il posizionamento della barriera in geotessuto lungo la costa, per la viabilità di viale Serristori, per la sicurezza degli edifici scolastici e per la pista ciclabile di via della Principessa. Nel nuovo anno inaugureremo il cinema Verdi che tornerà così a disposizione della cittadinanza dopo molti anni dalla sua chiusura, completeremo il progetto della Cittadella delle Associazioni e della piscina coperta presso il Park Albatros che sarà inaugurata nel mese di marzo. Proseguirà inoltre il nostro impegno nella manutenzione delle vie cittadine, nella sistemazione di fognature, arredo urbano, illuminazione pubblica e riqualificazione di viale Serristori e delle strade a mare. Completeremo i lavori del marciapiede e della pista ciclabile tra via S. Bartolo e via 8 marzo e daremo inizio ai lavori del secondo lotto della pista ciclabile di Rimigliano grazie anche ai finanziamenti europei. All’interno del centro urbano proseguiranno i lavori di ammodernamento della parte nord di Corso Italia, di via della Stazione, di Piazza Umberto e porteremo avanti l’accordo con Ferrovie per la cessione delle aree utili a realizzare la strada alternativa a Corso Italia. Progetteremo e appalteremo i lavori per la realizzazione del nuovo campo da rugby, progetteremo e avvieremo i lavori per la manutenzione della pista di atletica ed entro il mese di giugno trasferiremo la sede dell’APT all’interno dei locali della stazione ferroviaria”.

Un obiettivo raggiunto nel 2009 e che nel 2010 vedrà aggiungersi un altro tassello importante è l’avvio del Piano Strutturale. Dopo l’approvazione dell’avvio del procedimento  e il completamento del quadro conoscitivo, nel corso del prossimo anno verrà intrapreso il percorso di partecipazione con i cittadini che porterà poi all’adozione vera e propria. In questo ambito sarà avviato anche il procedimento amministrativo per la pianificazione del nuovo villaggio scolastico e, in seguito alla conferenza dei servizi del secondo semestre 2009, sarà dato il via all’ultimo atto per lo stralcio del limite dei 400 metri quadri per la media distribuzione.

È stata inoltre approvata la variante al Piano Strutturale per i sottosistemi ambientali A1 e A2 (Rimigliano) e nei prossimi mesi si arriverà alla chiusura dei procedimenti della pianificazione e all’avvio dei lavori.

“Nel 2010, e più precisamente nel mese di giugno, inaugureremo anche le strutture del nuovo porto turistico. La realizzazione di questo progetto rappresenta per noi un traguardo importante e allo stesso tempo l’inizio di un nuovo percorso che porterà alla valorizzazione della nostra cittadina dal punto di vista dell’immagine, del turismo e creerà le condizioni per un possibile sviluppo economico del territorio. Le nuove aree portuali rappresenteranno infatti un valore aggiunto per San Vincenzo. Uno dei possibili progetti sarà ad esempio la messa in rete del nostro porto con gli altri porti del Mediterraneo; questo ci permetterà quindi di entrare in un sistema internazionale che farà conoscere San Vincenzo anche al di là dei confini del nostro paese”.

“Vogliamo continuare inoltre a considerare l’ambiente come una delle nostre priorità, prosegue il sindaco, e i risultati degli ultimi anni, penso alla certificazione Emas e alla Bandiera Blu, dimostrano che siamo sulla strada giusta. Anche quest’anno il nostro impegno ci è valso un riconoscimento nazionale da parte di Legambiente per il livello di raccolta differenziata raggiunto dal nostro comune. Nel 2010 porteremo avanti il primo stralcio del progetto di tutela della costa insieme all’Università di Firenze per un investimento totale di circa 420 mila euro e il progetto di tutela della duna nel parco di Rimigliano insieme alla Provincia e alla società Parchi Val di Cornia. Presenteremo, inoltre, nel mese di gennaio- febbraio a RFI il progetto per la costruzione di barriere antirumore lungo l’asse ferroviario”.

Le principali iniziative in campo economico sulle quali l’amministrazione vuole porre l’attenzione saranno costituite dagli aiuti concreti per chi è in difficoltà, sostegni alle imprese che investono in innovazione, l’estensione dell’assistenza alle persone non autosufficienti, gli aiuti nel pagamento degli affitti per le persone a basso reddito, gli investimenti in sanità e politiche sociali. Continueranno inoltre ad essere bloccate le aliquote delle imposte comunali e le tariffe dei servizi forniti ai cittadini come ad esempio la retta della mensa, il trasporto scolastico e l’asilo nido.

“Nonostante la crisi economica e reale che ancora ci circonda e le difficoltà che dobbiamo affrontare per rispettare i vincoli del Patto di Stabilità, conclude il sindaco, non diminuiremo il nostro impegno e affronteremo i problemi come abbiamo fatto negli anni passati”.

Principali Dati Anagrafici

Residenti al 31/12/2008: 6968 (3317 maschi e 3651 femmine)

Residenti al 30/11/2009: 7001 (3331 maschi e 3670 femmine)

Famiglie: 3398

Nati al 30/11/2009: 57 (24 maschi e 33 femmine)

Morti al 30/11/2009: 85 (42 maschi e 43 femmine)

Saldo nascite/decessi: -28

Saldo popolazione (rispetto al 31/12/2008): +33

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.12.2009. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 25 giorni, 16 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it