LA GOLAR TUNDRA SALPA IN DIREZIONE PORTO DI PIOMBINO

La Golar Tundra riverniciataPiombino (LI) – I lavori nel porto procedono ad un buon ritmo per ospitare la nave Fsru Golar Tundra, che si appresta a partire dal cantiere di Singapore per operare nella rete di metanodotti in Italia. L’amministratore delegato di Snam, Stefano Venier, ha recentemente visitato il cantiere e ha informato che circa 100 imprese sono coinvolte nei lavori, che hanno richiesto circa 60.000 ore di ingegneria e direzione lavori, oltre a 220 mezzi in uso, tra cui 34 scavatori. Venier ha inoltre annunciato la prossima completamento del più lungo direct pipe d’Europa con una condotta da 48 pollici.

Venier ha anche incontrato più di 400 lavoratori impegnati 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 per completare i lavori entro un paio di mesi e garantire la sicurezza energetica del paese attraverso la diversificazione delle rotte di fornitura. Sono stati completati 6 dei 8,5 km di gasdotto e il punto di ingresso sulla rete di trasporto nazionale è già in fase avanzata. Nelle prossime settimane, verranno installate le torri di scarico e le attrezzature per ormeggiare la nave rigassificatrice Golar Tundra. La nave arriverà a fine marzo nel porto di Piombino, dove Snam ha investito in progetti per diversificare le fonti di approvvigionamento del gas.

L’acquisto della nave altamente specializzata Golar Tundra, avvenuto lo scorso giugno per circa 350 milioni di dollari, fa parte del programma italiano per la diversificazione delle fonti di approvvigionamento del gas. La nave, costruita nel 2015, può operare sia come nave metaniera che come Fsru galleggiante e ha una capacità di rigassificazione continua di 5 miliardi di metri cubi all’anno. Si prevede che inizierà ad operare a Piombino a metà del 2023. Snam ha anche acquistato la nave Bw Singapore per circa 400 milioni di dollari, che sarà impiegata al largo del porto di Ravenna a partire dal 2024, attualmente ancora in uso presso il campo estrattivo egiziano Ain Sukhna.

Nel frattempo Il Gruppo Gazebo 8 giugno, il Comitato Liberi Insieme, il Comitato La Piazza, il CSP e l’USB venerdì 24 febbraio alle ore 12.30 incontreranno il Prefetto di Livorno a seguito loro richiesta. Oggetto dell’incontro saranno i problemi legati alla sicurezza nella città di Piombino dopo l’eventuale posizionamento nel porto di una nave rigassificatrice. I gruppi cercheranno di riportare al Prefetto le preoccupazioni dei cittadini di Piombino, e magari sensibilizzarlo sulla rimozione della camionetta che ha messo permanentemente in Piazza Verdi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.2.2023. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    84 mesi, 19 giorni, 1 ora, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it