SAN VINCENZO: ELEZIONI, CHI SONO GLI ASSESSORI? PERSONE GIA’ VISTE?

San Vincenzo (LI) – Due comunicati, il primo di “Futuro Civico”, che si è perfino rifiutato di partecipare alla competizione elettorale, e il secondo di “Officina per San Vincenzo”, mostrano l’anomalia di una campagna elettorale dove «Tutto si modifica a San Vincenzo purché tutto resti esattamente come era prima», e dove i candidati sindaco, che si guardano bene dal far sapere chi saranno i futuri assessori, sono «Persone già spese, già viste e già tristemente sperimentate». Buona lettura.

__________________________________________

FUTURO CIVICO: «ELETTORI, FATEVI DIRE PRIMA I NOMI DEGLI ASSESSORI»

il logo di Futuro Civico

“Futuro civico” è un movimento civico che nasce dal basso e che ha come obbiettivo quello di coalizzare i cittadini per farli finalmente tornare protagonisti nell’amministrazione dei vari comuni sulla base di valori realmente condivisibili.

Futuro Civico ha per mesi tentato, anche a San Vincenzo, con entusiasmo e con idee nuove, di coinvolgere residenti che fossero pronti al confronto, non in base a probabili calcoli di convenienza personale, ma per il benessere e la crescita dell’intero paese, sulla base che chi amministra deve essere al servizio di tutti, e non solo di qualcuno.

Ma a San Vincenzo sono oggettivamente pochi gli “spazi di manovra” per una politica che parta dal basso, e si prospetta una vera e propria “Guerra di tutti contro tutti” con strascichi anche personali che, temiamo, si protrarranno anche nel “post voto”.

In questa piccola ma importante cittadina balneare, sembra si sia perso ormai il confine politico tra destra e sinistra, tra visioni progressiste e liberali e si percepisce chiaramente la presenza solo della voglia di arrivare a tutti i costi nella stanza “dei bottoni”, dimenticandosi delle proprie origini e vagando qua e là in cerca di un civismo di facciata dietro al quale nascondersi.

Tutto si modifica a San Vincenzo purché tutto resti esattamente come era prima?

Per cambiare davvero noi invece abbiamo chiesto trasparenza puntando, durante i vari confronti che abbiamo avuto con alcune forze politiche, sulla presentazione ai cittadini da subito, oltre che del Sindaco anche della sua giunta, o quantomeno indicando agli elettori sin dall’inizio chi sarebbe stato il sindaco e chi il suo il vice (figura quest’ultima scelta da noi per garantire dopo il voto una vera rappresentanza del mondo civico agli elettori), proponendo per questo esplicitamente che venissero fatti almeno questi due nomi agli elettori in tutte le riunioni. Solo accettando questo atto di trasparenza a livello di coalizione avremmo potuto dare il nostro contributo politico.

Una richiesta che però è stata “impossibile da soddisfare” da parte di tutti soggetti con cui ci siamo interfacciati. Non vorremmo che il motivo fosse, come recentemente successo anche in altri comuni, quello dei soliti “politici del giorno dopo” che appaiono solo dopo aver vinto le elezioni riprendendosi le loro belle poltrone in barba ai cittadini.

Futuro Civico non è una “lista civetta”, come alcuni speravano, che avrebbe fatto da stampella a qualcuno, ma un vero movimento che per statuto si muove nell’interesse esclusivo del cittadino.

A San Vincenzo sembra invece che non ci sia voglia di cambiare, tutto sembra muoversi con il solito trito e ritrito schema politico dove il cittadino viene cercato e corteggiato solo fino al momento del voto per poi essere dimenticato fino alla successiva tornata elettorale.

Per questo, invitando la popolazione a chiedere ai candidati sindaco i componenti delle loro giunte prima del voto, non abbiamo presentato la nostra lista per le prossime amministrative, e non daremo sostegno ad alcuna coalizione, ma al contempo, nell’interesse degli elettori, evidenzieremo di volta in volta sulla stampa le criticità che si prospetteranno in questa “anomala” campagna elettorale dove alla fine, a rimetterci sarà sicuramente solo il cittadino elettore, perché il passato che ritorna non potrà mai essere futuro.

Futuro Civico

________________________________________________

OFFICINA: «PERSONE GIA’ VISTE, E TRISTEMENTE SPERIMENTATE»

Officina San VIncenzo

Con l’arrivo della quinta lista, ora siamo tutti. Ecco anche la lista Cruschelli che “sa dove mettere le mani”. A San Vincenzo tutti hanno saputo molto bene dove mettere le mani, le conseguenze sono il comune commissariato e le elezioni anticipate.

Non sorprende poi che quella lista, esattamente come le altre, non voglia esprimersi sui fatti che hanno portato allo scioglimento delle Istituzioni. Parandosi dietro al garantismo si vuol in realtà sminuire la gravità dello scandalo esploso a marzo, il “Sistema San Vincenzo”, metodo di cui moltissimi sospettavano l’esistenza.

Ma c’è di peggio, pur sapendo dove mettere le mani, Cruschelli infila una serie di strane sparate sulle proposte: da capire come si intenda procedere per ricostituire l’ex lago di Rimigliano per attività ludiche visto che l’area è completamente asservita al progetto delle ville di lusso, si dovrebbe fare un passo indietro su quel progetto, è questo che intende? Molto più assurda è la proposta di demolire le Fucini per fare un’altra piazza, visto che i due spiazzi a nord della Torre detti “ammazzalavecchia” versano in condizioni scandalose. A chi serve? Eppure Cruschelli dà per già fatta la demolizione del palazzo, previsione che invece è semplicemente adottata in un Piano Operativo tutto da rifare.

Italia Viva è il partito più duramente colpito dal terremoto giudiziario di marzo, si affida a Cruschelli che prima aveva provato ad essere candidato della Lega e si diceva contro il “Sistema”, poi in poco più di un mese ha cambiato opinione.

È questo quello che serve alla nostra comunità? Persone già spese, già viste e già tristemente sperimentate. Siamo certi di no. Altro che garantismo, tutti innocenti fino a prova contraria, d’accordo, ma fino a prova contraria avrebbero dovuto astenersi dal mettere in piedi una proposta politica per riprendere il comune. Vediamo se una volta tanto, in Comune, capita qualcuno che cambia i posti dove mettere le mani e inizia a muovere le cose per il bene dei sanvincenzini.

Officina San Vincenzo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.9.2021. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    50 mesi, 22 giorni, 8 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it