RIMATERIA: IL COMMENTO DI “LAVORO E AMBIENTE” E “OFFICINA”

Piombino (LI) – Leggiamo il commento della Lista civica “Lavoro e Ambiente” sulla discarica piombinese.

“Sulla vicenda Rimateria si sta leggendo di tutto, affermazioni fatte in piena libertà, prive di qualunque riferimento alla realtà dei fatti, delle leggi che vi presiedono e degli atti amministrativi conseguenti. I fumosi suggerimenti che denotano una sostanziale ignoranza delle leggi vigenti in materia e l’insostenibile novella della virtuosità di una società nata come strumento di risanamento e di sviluppo” uniti dal comune intento di “mettere sotto processo l’amministrazione comunale e additarla come responsabile del fallimento”.

“Che la società fosse nata per risanare è ormai una novella imbarazzante da sostenere: milioni di metri cubi di rifiuti provenienti da 11 regioni d’Italia abbancati in una montagna a pochi metri dai centri abitati e gestita in modo non conforme alla legge, nata solo per tappare un buco milionario maturato nei bilanci di Asiu, sono l’unica innegabile verità, sotto gli occhi di tutti, magistratura e guardia di finanza compresi. – ha scritto la lista Lavoro & Ambiente in una nota – Chi scrive che ‘gli amministratori locali hanno agito per chiudere Rimateria’ evidentemente ignora i motivi, le competenze e gli atti procedurali che hanno determinato questo esito; ignora la conferenza dei servizi che ha dichiarato inaccoglibile l’istanza di Aia, ignora i pareri negativi espressi dagli enti competenti. Certo, chi fino a ieri ha chiuso gli occhi di fronte al mancato rispetto delle leggi, preoccupato solo di coprire le proprie responsabilità politiche ed amministrative e che oggi continua a definire l’osservanza della legge una morsa che soffoca l’azienda, dimostra la stessa sensibilità di chi definisce il rispetto delle leggi una rogna e Ischia di Crociano un buco in cui conferire rifiuti”.

“L’amministrazione non ha impedito a Rimateria di svolgere la sua missione: – prosegue la nota – la vendita ai privati e il mancato rispetto delle norme ambientali lo hanno impedito, nonché una gestione economico-finanziaria sulla quale magistratura e guardia di finanza faranno luce.

La Regione Toscana ha già attivato il percorso previsto indicando nel curatore fallimentare il titolare delle autorizzazioni vigenti sull’impianto e della sua corretta conduzione. Questa è la procedura prevista.  Seguire attentamente la corretta ottemperanza alle prescrizioni – concludono – e cercare soluzioni per i lavoratori sarà la priorità di questa amministrazione”.

Lavoro e ambiente – Piombino

_______________________

SAN VINCENZO: IL COMMENTO DELLA LISTA CIVICA “OFFICINA”

Sulla vicenda Asiu, Tap e Rimateria parla la lista civica Officina San Vincenzo. 

“Adesso, confidando che sia fatta chiarezza sull’intera vicenda, quel che spetta alla politica è la costruzione del futuro della piana piombinese e dell’economia dell’intera Val di Cornia. Un futuro che non può prescindere dall’avvio del processo di bonifica dei siti inquinati, oltre 900 ettari di terreni industriali, dalla riconversione e riprogettazione di aree retro portuali e dalla capacità dell’intero territorio di costruire insieme prospettive occupazionali ed economiche sostenibili e coerenti con le risorse della Val di Cornia”.

San Vincenzo non dovrà assolutamente isolarsi ma rendersi protagonista del percorso condiviso che deve traguardare questi obiettivi e la prossima Amministrazione sarà determinante nella possibilità di creare un quadro istituzionale di collaborazione, non di subalternità, che favorirebbe anche l’economia del nostro comune. – hanno evidenziato – Al di là dei colori politici occorre ristabilire il concetto che le istituzioni devono collaborare con spirito unitario per traguardare obiettivi fondamentali in un territorio in cui il lavoro è sempre più un miraggio e non si distingue una chiara visione strategica su cui attagliare le scelte amministrative”.

Officina – San Vincenzo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.6.2021. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    48 mesi, 28 giorni, 0 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it