CSP: PIOMBINO NON E’ UN BUCO DA RIEMPIRE CON QUALSIVOGLIA RIFIUTO

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota del Comitato Salute di Piombino sulla Conferenza dei Servizi per la richiesta di AIA svoltasi il 16 marzo scorso, nella quale alcune espressioni del Presidente di Rimateria proprio non sono andate giù agli iscritti.

____________________________________

“Colgo l’occasione per non condividere l’accanimento dei cosiddetti comitati che contiene solo protesta e nessuna proposta con l’inconsapevolezza dei problemi derivanti al territorio dalla scomparsa di RiMateria.”

Queste le dichiarazione del Sig. Francesco Pellati ,Presidente di RiMateria, tratte dal verbale della Conferenza dei Servizi per la richiesta di AIA , svoltasi il 16/03/2021, nella quale si è deciso per la non procedibilità in quanto rilevata la permanenza del non rispetto della prescrizione punto 3 del dispositivo della DGRT n. 1414/2019.

Sig. Pellati, il nostro Comitato si occupa della questione di  RiMateria da molto tempo prima  della Sua nomina e in questi anni  ha messo in evidenza le criticità derivanti da una gestione lacunosa  di un’ enorme discarica, alle porte di Piombino, confinante con due centri abitati. Lo ripetiamo per la millesima volta , una discarica che ha solo ricevuto rifiuti da fuori e non ha mai trattato rifiuti industriali del SIN. E’ impossibile per noi vedere in RiMateria una risorsa per il territorio.

Il Comitato non deve farsi carico di alcuna proposta né “dei problemi derivanti al territorio dalla scomparsa di RiMateria”. Semmai deve dare voce alla cittadinanza che deve convivere ogni giorno con le problematiche create non certo da un comitato ma da una gestione assolutamente irriguardosa per un territorio che avrebbe bisogno di bonifiche e non di accumulare altri rifiuti.

A tal proposito vogliamo informare tutta la cittadinanza che ci segue che in questi giorni  la regione toscana ha giustamente respinto la richiesta fatta da RiMateria di modificare lo strato superficiale di copertura definitiva  con il 50 % di Compost Fuori Specifica, codice CER 190503, in operazione di recupero (R10) e con deroga al parametro DOC fino a 3000 mg/l e la  sostituzione dello strato di argilla  con un materassino bentonitico.

In parole semplici è stato richiesto di  coprire e chiudere  definitivamente la discarica,  anziché con terreno da scavo, che  favorisce lo sviluppo delle specie vegetali di copertura previste dal piano di ripristino ambientale , con un compost derivante da altri rifiuti. Vogliamo sottolineare che, dopo aver guadagnato per oltre 20 anni dal conferimento di circa 2 milioni di metri cubi di rifiuti provenienti da fuori, l’azienda non  debba risparmiare  sui materiali per le coperture definitive.

Ricordando le affermazioni del Pellati, rilasciate alla stampa,  in merito alla necessità di avere a disposizione “un buco da riempire con qualsivoglia rifiuto” ci piace terminare citando un’altra  Sua affermazione, sempre tratta dal verbale sopra menzionato:

Sono stato nominato Presidente su indicazione del socio pubblico. Questa considerazione mi ha indotto a gestire la società tenendo anche conto delle esigenze del territorio”.

Comitato Salute Pubblica

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.4.2021. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    46 mesi, 7 giorni, 7 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it