POLIGRAFICI IL “TIRRENO”: CASSA COVID AL 30%: PRONTI 5 GIORNI DI SCIOPERO

La sede de “Il Tirreno” a Livorno

Livorno – Il gruppo Sae, editore de “Il Tirreno”, ha deciso di aprire la cassa integrazione Covid al 30% per tutti i 39 poligrafici del quotidiano.

«Una decisione inaccettabile e incomprensibile – commenta Graziano Benedetti segretario generale Slc-Cgil provincia di Livorno – per questo motivo l’assemblea dei poligrafici, riunitasi stamani in assemblea, ha deciso di proclamare immediatamente lo stato di agitazione e di presentare all’azienda un pacchetto di 5 giorni di sciopero. Il primo giorno di sciopero riguarderà l’intera giornata lavorativa di sabato 3 aprile.

Fino ad oggi i poligrafici hanno lavorato ad orario pieno. Il gruppo Sae, viste le difficoltà che sta incontrando in questo momento delicato, ci ha comunicato l’intenzione di voler aprire la cassa integrazione Covid per tutti i 39 poligrafici, dal 5 aprile fino al prossimo 30 giugno. Slc e le rsa, con grande senso di responsabilità, hanno cercato di raggiungere un’intesa con l’azienda al fine di ridurre l’impatto sui lavoratori: il gruppo Sae non ha però accettato la nostra proposta di applicare una cassa Covid al 10% (ossia un taglio di circa mezz’ora all’orario lavorativo giornaliero). La posizione dell’azienda è stata incomprensibilmente irremovibile.

L’applicazione della cassa Covid al 30% (ossia un taglio di circa due ore di lavoro giornaliero) significa infliggere un duro colpo sia in termini di qualità finale del prodotto editoriale, sia in termini di contraccolpi economici nei confronti dei lavoratori (circa 400 euro in meno in busta paga).

Il peso di questa crisi – conclude Graziano Benedetti – non può essere scaricata esclusivamente sui poligrafici, al gruppo Sae chiediamo perciò senso di responsabilità e di rivedere le proprie scelte».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.4.2021. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    45 mesi, 1 giorno, 9 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it