BIASCI (LEGA): IL PIANO JSW PER PIOMBINO E’ UNA PRESA DI GIRO

Roberto Biasci

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere Robero Biasci (Lega).

“Il piano di “rilancio” per l’acciaieria di Piombino è una presa in giro per chi conosce l’indotto industriale della città e per chi abbia un minimo di buonsenso. Chi plaude questa scatola vuota o è incompetente o è ancor peggio in malafede. Sul piatto – spiegano Roberto Biasci, Consigliere Regionale uscente, e Giulia Pacciardi, Consigliere Comunale a Livorno – l’azienda non ha messo praticamente nulla”.

“Trenta milioni vengono dallo Stato tramite Invitalia, altri 52 dovrebbero arrivare da fondi europei e fumose collaborazioni con imprenditori. Chiunque abiti a Piombino sa bene che con quella cifra si sistema un po’ il laminatoio, si mettono in sicurezza due o tre piazzali ma niente di più. Per far ripartire minimamente la siderurgia servono almeno 150 milioni di investimenti: l’intera struttura è fatiscente e l’altoforno è spento, per non parlare delle bonifiche da fare”.

Biasci e Pacciardi proseguono sottolineando come: “A fronte di un supporto statale che mette ammortizzatori sociali fino al 2025 e commesse per le traversine ferroviarie garantite, l’unica cosa concreta che mette l’azienda e il suo garante renziano Marco Carrai, saranno sì è no una decina di milioni in cinque anni. Il forno elettrico e l’occupazione sono una bella scusa per ottenere una ingiustificata proroga dell’accordo di programma già scaduto e sostanzialmente inattuato; un accordo che blocca pure lo sviluppo di mezzo porto”.

Ci rendiamo conto – concludono gli esponenti leghisti – che per fare un rigassificatore ci vogliono almeno 10 anni tra permessi e procedure? Ci rendiamo conto che i traghetti sono navi e non si possono fare in un piazzale? Tolte le solite promesse fumose, quel che rimane del piano industriale di Jindal sono solo due certezze: 1000 esuberi condannati al limbo della disoccupazione e 5 anni di attesa per poi sentirsi dire che il forno elettrico e la fusione dell’acciaio non si potrà fare”. “I piombinesi non sono stupidi. Sanno che è stata l’ennesima passerella elettorale fatta sulla loro pelle. Il nodo della siderurgia è sicuramente complesso da risolvere, ma tra la complessità e la presa in giro c’è una bella differenza”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.9.2020. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 29 giorni, 13 ore, 48 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it