PIOMBINO: PER IL M5S LA MAGGIORANZA E’ TROPPO ATTENDISTA

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del M5S che lamenta, come nel caso dell’ampliamento del Marina di Salivoli, una posizione attendista della maggioranza anche in relazione al secondo lotto della SS398.

«Durante il Consiglio Comunale del 20/7/2020 è stato discusso un nostro Ordine del Giorno che chiedeva una cosa molto semplice e di facilissima comprensione, nello specifico chiedevamo di rivedere il tracciato del secondo lotto della SS398 ( Gagno – Poggio Bateria) contenuto negli attuali strumenti urbanistici per riadottare quello precedente alla Variante AFERPI.

Ovviamente l’ODG è stato bocciato dalla maggioranza, il PD si è astenuto, mentre Rifondazione Comunista ha votato a favore; ma per far comprendere meglio l’incongruenza di questa votazione ci corre l’obbligo di ripercorrere un po’ di storia consiliare. Nel dicembre 2017 il Consiglio Comunale di Piombino ha approvato a maggioranza la Variante al Regolamento Urbanistico denominata Variante AFERPI; con l’approvazione di tale Variante venne modificato il tracciato del II lotto della SS398 già presente negli strumenti urbanistici allora vigenti con lo scopo di assecondare le esigenze derivanti dal piano industriale AFERPI che prevedeva lo sviluppo di un’area a vocazione agroindustriale e che per la sua prevista collocazione vedeva il tracciato del II lotto precedentemente adottato come un intralcio logistico per il collegamento fra la suddetta area ed il porto. Venne dunque adottato il tracciato attualmente presente nelle carte tecniche comunali che prevede un percorso adiacente alla borgata Poggetto Cotone per poi ruotare lungo via Medaglie d’Oro e ricollegarsi alla viabilità esistente all’altezza dell’inizio di Via Portovecchio.

Questo tracciato, oltre ad essere oggettivamente incidente sulla qualità della vita e dell’ambiente della borgata Poggetto-Cotone, non risolve  i problemi di traffico in ingresso ed in uscita dall’area urbana, in quanto il traffico per il porto viene a contatto con quello urbano prima dell’area portuale.

Sorprendono dunque le motivazioni con le quali la maggioranza ha respinto il nostro ODG, motivazioni che in realtà non costituiscono affatto una novità, ma ricalcano esattamente quelle utilizzate per respingere l’ODG contro l’ampliamento del porto di Salivoli: adesso è prematuro, ancora non sappiamo quali siano le intenzioni di JSW, ancora non c’è un progetto.

Evidentemente non hanno capito il contenuto dell’ODG; primo: stiamo parlando di un tracciato, è chiaro che la mancanza di un progetto esecutivo è assolutamente ininfluente sulla scelta strategica di dove questa strada possa passare o meno; secondo: il nostro intento era proprio quello di ribadire il concetto che certe opere strategiche per il territorio devono essere studiate nell’interesse della collettività piombinese e non secondo le esigenze della proprietà di turno delle aree industriali. Questo non vuol dire, quando se ne  rilevasse l’opportunità, non dialogare con JSW, ma che  il percorso del II lotto non deve essere un diritto acquisito per nessun soggetto privato.

Evidentemente l’attuale maggioranza è in perfetta continuità con le linee guida della passata, con l’aggravante che in questa fase non c’è un piano industriale che prevede l’utilizzo delle aree interessate dai vari percorsi,  e lo si evince dal fatto che pretendono di conoscere le esigenze di Jsw prima di prendere una decisione su di una questione strategica.

Dispiace inoltre rilevare che il Sindaco, con il quale abbiamo condiviso questa battaglia dai banchi delle opposizioni, abbia votato contro il nostro ODG. Ha cambiato idea o non è in linea con la maggioranza che lo sostiene?

E’ comunque sintomatico il fatto che la mattina abbiamo parlato di sviluppo  territoriale e di accordi di programma, quindi anche del II lotto della SS398, su iniziativa del Sindaco e della  maggioranza, e il pomeriggio, quando si discuteva il nostro documento, è diventato improvvisamente prematuro parlarne. W la coerenza».

Movimento 5 Stelle Piombino

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.7.2020. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    36 mesi, 21 giorni, 8 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it