JSW: AL MISE SI LAVORA AD UN ADDENDUM ALL’ACCORDO

Roma – Si è svolto a Roma il 2 marzo il tavolo tecnico al Ministero dello Sviluppo economico sulle questioni legate alle acciaierie di Piombino Jsw Steel Italy.  Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari e il presiedete della Regione Toscana Enrico Rossi hanno fatto il punto della situazione.

C’è stata la presa d’atto da parte del Ministero di prorogare i termini dell’accordo di programma, ma secondo il primo cittadino di Piombino è a questo punto importante avere delle garanzie per l’intero territorio per evitare che si riproponga fra meno di quattro mesi la situazione attuale.

Per il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi prosegue  l’impegno affinché si arrivi entro fine maggio a presentare il Piano industriale finale, e ci sarà una alta attenzione politica da parte della sottosegretaria Morani e dallo stesso ministro Patuanelli affinché a Piombino sia riservato lo stesso trattamento che è stato concesso a Taranto e al Sulcis.

Per Piombino serve chiarezza sulle concessioni demaniali, perché se l’azienda non investe sulla produzione di acciaio non può pretendere le aree opzionate ai tempi di Rebrab; serve chiarezza sugli investimenti sulla Tempra, perché se non si rispettano le scadenza il Comune possa revocare la variante; serve chiarezza sulle demolizioni è sulla manutenzione degli impianti, dove chi lavora lo deve fare in tutta sicurezza.

Le questioni sul tavolo sono, nonostante il passare del tempo, sempre le stesse: il costo dell’energia, le concessioni portuali, le gare di Rete ferroviaria italiana, le bonifiche, i collegamenti stradali e ferroviari, gli incentivi agli investimenti.

Il nuovo documento dovrà dunque contenere chiarezza sulla tipologia del piano industriale che l’azienda dovrà presentare allo scadere della proroga. L’addendum servirà a fissare le condizioni, anche se più di una volta il sindaco di Piombino ha sollevato l’esigenza di riscrivere gli accordi per un unico patto complessivo per la città. Nelle prossime due settimane si procederà quindi a redigere un’integrazione all’accordo di programma del luglio 2018.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.3.2020. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 4 ore, 37 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it