PIOMBINO: APPROVATA LA MOZIONE CHE DICE “NO” AL RADDOPPIO DELLA DISCARICA

i banchi della maggioranza

Piombino (LI) – Mercoledì 18 ottobre il Consiglio comunale ha approvato la mozione presentata da tutti i gruppi di maggioranza riguardo al progetto di raddoppio dei volumi di discarica di Rimateria, e che ufficializza la posizione della città, contraria al raddoppio dei volumi. Questo importante atto viene commentato da una nota congiunta di tutte le forze politiche di maggioranza.

“Oggi il Consiglio comunale ha approvato la mozione presentata da tutti i gruppi di maggioranza riguardo il progetto Rimateria: un atto che riconosce ufficialmente la posizione della città, contraria al raddoppio dei volumi. Il risultato delle elezioni ha ampiamente chiarito quello che i cittadini vedono nel futuro di Piombino, oggi, il Consiglio comunale, organo rappresentativo dell’intera città, ha ufficializzato questa posizione.
Durante il dibattito consiliare abbiamo appreso con molto stupore che il PD, per dichiarazione del suo capogruppo, e’ contrario al raddoppio dei volumi di discarica. Nostante cio’, il loro voto e’ stato negativo.
Il sindaco Ferrari e la sua giunta hanno già attivato ogni strumento utile a impedire il raddoppio dei volumi e a risanare risanare ambientalmente le aree afferenti il polo di smaltimento dei rifiuti di Ischia di Crociano.
Vi sono strumenti urbanistici adeguati per intervenire con destinazioni che riqualifichino un ambito limitrofo a zone di pregio sotto il profilo naturalistico e paesaggistico, meta di molti visitatori e turisti ogni anno. In tal senso è evidente un chiaro pronunciamento contro qualsiasi aumento di volumetrie di discarica, ulteriori a quanto stabilito nelle autorizzazioni già rilasciate. In un territorio già profondamente provato da anni di inquinamento per la presenza di industria pesante è impensabile riproporre schemi che non siano in sintonia con una concreta rigenerazione ambientale.
Vi sono nuove vocazioni di sviluppo su cui il comune di Piombino deve puntare, come il turismo e l’agricoltura, che sono incompatibili con qualsiasi potenziamento del polo dei rifiuti di Ischia di Crociano.
In riferimento alla conferenza dei servizi del 22 ottobre a Firenze che dovrà esprimersi sul progetto di raddoppio, stavolta, rispetto al passato, oltre alle perplessità manifestate da enti e uffici pubblici e privati, tra cui Arpat, Asl e Wwf, vi è anche la contrarietà della nuova amministrazione del Comune di Piombino e delle migliaia di cittadini che le hanno dato fiducia.”
FI-UDC-CIVICI POPOLARI LIBERALI
LISTA FERRARI SINDACO
LEGA SALVINI PREMIER
ASCOLTA PIOMBINO
LAVORO & AMBIENTE
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.10.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 18 giorni, 1 ora, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it