VAL DI CORNA: UN PATTO TERRITORIALE PER L’UNIONE DEI COMUNI

Il Circondario della Val di Cornia chiuso nel 2010

Val di Cornia (LI) – RIceviamo un comunicato congiunto, da parte di tutte le forze politiche antagoniste al PD nella precedente tornata elettorale, che propone l’avvio di un nuovo patto territoriale aperto al confronto e alla collaborazione con tutte le forze politiche e sociali interessate alla ricostruzione di una visione strategica d’area, una nuova “Unione dei Comuni”, da far ripartire in questo territorio dopo la chiusura del Circondario.

Le sfide che le Amministrazioni della Val di Cornia dovranno affrontare nei prossimi anni sono enormi. Viviamo in un territorio che ha grandi potenzialità ma scarsa coesione ed enormi problemi da risolvere. Rilancio dell’economia dopo la fine del ciclo integrale dell’acciaio, bonifiche, valorizzazione delle nostre risorse territoriali, tutela dei servizi essenziali ai cittadini (sanità, acqua, rifiuti, trasporti …); sono tutti argomenti che non possono essere affrontati da ciascun Comune singolarmente ma hanno bisogno di ben altra coesione Istituzionale.

Oggi, nel momento della necessità, è più che mai evidente quanto sia urgente ritrovare una dimensione sovra comunale per incidere concretamente nella realtà economico sociale che viviamo.

Per questo motivo proponiamo di costituire l’Unione dei Comuni della Val di Cornia, uno strumento di cui, dopo la soppressione del Circondario, si sente la mancanza. Solo in questo modo ciascun Ente potrà confrontare e discutere i propri problemi in una cornice istituzionalmente riconoscibile garantendo maggior forza alle istanze provenienti dal nostro territorio e maggior efficacia negli strumenti amministrativi. Solo così si potrà sperare di garantire maggior efficienza alla macchina amministrativa e maggior coesione nell’affrontare le sfide che attendono questo comprensorio.

Un nuovo patto territoriale essenziale per il futuro della Val di Cornia, che ha bisogno e urgenza di scelte strategiche chiare e di istituzioni in grado di perseguirle. Un nuovo patto territoriale aperto al confronto e alla collaborazione con tutte le forze politiche e sociali interessate alla ricostruzione di una visione strategica d’area a tutela dei diritti e delle possibilità dei cittadini della Val di Cornia.

È per questo che, come forze politiche di maggioranza dei comuni di Piombino e Suvereto, e di opposizione dei comuni di Campiglia e San Vincenzo, presenteremo una mozione in merito, che sarà discussa nel rispettivi consigli comunali.

Il PD, forza di governo egemone in quasi tutti i comuni del comprensorio fino alla passata legislatura, non è stato capace di perseguire tale obbiettivo, nonostante avesse le condizioni ottimali per realizzarlo, confidando in una giunta regionale amica.

Luigi Coppola (FI-UDC-Civici Popolari Liberali)
Vittorio Ceccarelli (Lega Salvini Premier Piombino)
Marco Viti (Lista Ferrari Sindaco Piombino)
Mario Atzeni (Lavoro & Ambiente Piombino)
Monica Bartolini (Ascolta Piombino)
Luca Baragatti (Fratelli d’Italia Piombino)
Nicola Bertini (Gruppo 2019 Campiglia)
Nicola Giudici (APS Suvereto)
Fausto Bonsignori (San Vincenzo Futura)

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.9.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    26 mesi, 26 giorni, 5 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it