PLASTICHE IN MARE, “ARCIPELAGO PULITO” E STOP IN SPIAGGIA

Il porto di Piombino

Firenze – L’esperienza toscana, unica in Italia, è stata valutata indispensabile per raccogliere elementi utili ad arrivare alla soluzione del problema dei rifiuti raccolti in mare” sottolinea l’assessore alla presidenza, Vittorio Bugli.

Il progetto, il cui vero valore aggiunto è quello di aver saputo costruire una filiera completa dalla raccolta allo smaltimento (esempio in tal senso unico per l’appunto), è stato presentato alla Commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera nell’ambito delle audizioni finalizzate alla redazione del testo di legge. Le modalità identificate nel progetto nonché le soluzioni giuridiche individuate sono state oggetto in particolare della audizione, a cui hanno partecipato referenti tecnici della Direzione Ambiente e Energia.

Oggi esiste infatti un vuoto normativo, che la Toscana ha saputo colmare con questo progetto pilota partito ad aprile 2018 a Livorno e che ora si vuole portare in altri comuni della costa. Per assurdo che possa sembrare, i pescatori che accidentalmente tirano su con le loro reti non solo pesci ma anche rifiuti e plastiche ne sono considerati oggi responsabili nel momento in cui li conducono in porto e sarebbero quindi teoricamente costretti a pagarne i costi di smaltimento: nella pratica quello che accadeva è che i rifiuti venivano rigettati in acqua. “Arcipelago Pulito ha permesso di portarli a terra, con la soddisfazione di tutti – ricorda Bugli – e nel porto di Livorno è stata messa in piedi una vera e propria filiera dei materiali di scarto abbandonati in mare, che partendo dai pescatori arriva all’impianto di recupero di Revet”.

I firmatari dell’intesa che ha dato vita al progetto con la Regione sono il Ministero dell’Ambiente, la Guarda Costiera, l’Autorità di sistema portuale del MarTirreno Settentrionale, la società Labromare che gestisce la raccolta dei rifiuti nel porto, Revet che li ricicla, Legambiente e Unicoop, che ha contribuito con un sostegno ai pescatori. Di incentivi a sostegno dell’attività dei pescatori si è parlato anche durante l’audizione. “Ci siamo resi disponibili a fornire ulteriori elementi conoscitivi – conclude Bugli -. Anche in questa occasione la Regione Toscana si conferma in prima linea sui temi della tutela dell’ambiente e del mare”.

La Regione aveva tenuto a battesimo il progetto un anno fa nello spicchio di Tirreno davanti a Livorno. La sperimentazione, esempio di economia collaborativa e circolare ma anche molto senso pratico e buon senso, era stata presentata l’anno scorso a fine giugno a Bruxelles al Parlamento europeo. Parallelamente era stato chiesto al Governo di approvare velocemente una legge. Dopo i primi sei mesi la sperimentazione era stata prorogata di altri quattro e che la soluzione e il modello virtuoso messo in moto fosse capace di portare risultati concreti lo si era visto subito. Solo da aprile 2018 fino allo scorso settembre sono stati raccolti con una mezza dozzina di piccoli pescherecci oltre 18 quintali di rifiuti, per un volume di oltre 24 mila litri. Su diciotto quintali, circa il 20 per cento è composto da plastiche riciclabili.

E dopo i risultati positivi “Arcipelago Pulito” diventerà un modello per altri porti della costa toscana: “Oltre a Livorno – annuncia Bugli -, stiamo estendendo la sperimentazione a Viareggio, Monte Argentario, Castiglione della Pescaia e Piombino, porti dove sono maggiormente presenti flotte di pescherecci”. Il nuovo protocollo è già stato inviato a tutti i partecipanti e a breve dovrebbero arrivare le risposte per procedere alla firma.

_____________________________

Stop ai prodotti in plastica sulle spiagge. Anche il Comune di Piombino aderisce alla campagna “Spiagge sostenibili”

Tra pochi giorni l’ordinanza con il quale entreranno in vigore i divieti.

Spiagge sostenibili. Il Comune di Piombino aderisce al protocollo d’intesa siglato tra Regione Toscana, Anci e le principali associazione di categoria, con una delibera di giunta con la quale si assumono gli indirizzi necessari per far partire la campagna contro l’abbandono dei rifiuti di plastica sulle spiagge e in mare.

L’obiettivo è quello di ridurre il fenomeno del  cosiddetto “marine litter” che proprio nel Mediterraneo sta avanzando in maniera indiscriminata. Fenomeno che, ancora più negativamente, finisce per introdurre nel ciclo alimentare dei pesci e dunque dell’uomo micro particelle di origine plastica.

Già a partire da questa stagione turistica quindi, con l’emanazione di un’ordinanza che entrerà in vigore entro la fine del mese, gli esercenti delle attività commerciali e non commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande presso gli stabilimenti balneari, spiagge libere o in concessione, non potranno distribuire ai clienti sacchetti per la spesa monouso in materiale non biodegradabile, potranno distribuire per utilizzo e asporto esclusivamente postate, piatti, bicchieri, cannucce, sacchetti monouso, palloncini e simili, in materiale biodegradabile e compostabile.

Il divieto di utilizzo di oggetti in plastica monouso si estenderà anche alle manifestazioni fieristiche, sagre, fiere di mercato e di comunicazione organizzate o finanziate, anche in parte, dal Comune.

Ci sarà comunque la possibilità da parte degli esercenti, stabilimenti balneari e organizzatori di eventi, di smaltire le scorte di prodotti in plastica monouso entro il 31 dicembre 2019.

“La volontà dell’ amministrazione è di accogliere con azioni concrete la crescente sensibilità di tutti noi cittadini al problema dell’enorme presenza di plastica nei nostri mari, tristemente evidente a tutti – afferma l’assessore all’ambiente Veronica Piacentini –  La formazione di vere e proprie “isole galleggianti” di rifiuti è una realtà documentata di fronte alla quale rimanere passivi significa infliggere ulteriori ferite a un ecosistema meraviglioso dove abbiamo, ricordiamolo sempre, la fortuna di vivere e il diritto di goderne i benefici. Questi ultimi, in particolare,  possono essere mantenuti solo assumendosi il dovere di preservare il nostro ambiente . Invito quindi con fiducia tutti i cittadini e non solo gli operatori del settore, a rendersi protagonisti di un importante cambiamento di abitudini, eliminando  progressivamente l’utilizzo di plastica monouso e riducendo l’uso degli alimenti preconfezionati che ci permettono di risparmiare un po’ di tempo, ma sulla bilancia del benessere collettivo e delle generazioni presenti future, pesano in maniera molto negativa.”

Ai trasgressori dell’ordinanza potranno essere comminate sanzioni amministrative che vanno dai 100 ai mille euro, come previsto dalla legge regionale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.7.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 18 ore, 8 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it