LIBERTY COMPLETA L’ACQUISIZIONE DI 7 ACCIAIERIE EUROPEE DI ARCELOR-MITTAL

Sanjeev Gupta

Piombino (LI) – Liberty Steel, parte di GFG Alliance, gruppo internazionale di Sanjeev Gupta, ha completato oggi l’acquisizione da ArcelorMittal di sette grandi acciaierie e cinque centri di servizio in sette paesi europei. Lo storico accordo proietta Liberty tra i primi 10 produttori di acciaio a livello mondiale – Cina esclusa.

L’operazione, il cui valore complessivo ammonta a circa 740 milioni di euro, fa di Liberty Steel uno dei primi dieci produttori mondiali di acciaio, Cina esclusa, con una capacità totale di laminazione di oltre 18 milioni di tonnellate in una vasta gamma di prodotti finiti.

Questa è la più grande transazione singola intrapresa da GFG Alliance, la cui forza lavoro mondiale consiste adesso di quasi 30.000 dipendenti in 30 paesi.

I sette siti, che oggi fanno parte di Liberty, danno lavoro a oltre 14.000 persone e comprendono le principali acciaierie integrate di Ostrava nella Repubblica Ceca e Galaţi in Romania, nonché i laminatoi di Skopje (Macedonia del Nord), Piombino (Italia), Dudelange (Lussemburgo) e due stabilimenti vicino a Liegi in Belgio. I centri di servizio si trovano in Francia e in Italia.

Queste attività, con una capacità totale di laminazione di oltre dieci milioni di tonnellate l’anno, forniscono acciaio a molteplici settori industriali in tutta Europa, tra cui: prodotti per l’edilizia e le infrastrutture, automotive, aerospaziale, energia, attrezzature industriali, beni di consumo e macchine movimento terra. Liberty Steel mira a incrementare le vendite di questi siti di circa il 50% nei prossimi tre anni.

L’annuncio di oggi segna l’inizio di uno studio di 100 giorni durante il quale Liberty Steel, in collaborazione con il management locale, i sindacati, i clienti e i fornitori, completerà un’analisi approfondita delle imprese per esplorare le opportunità di investimento e sviluppare piani dettagliati per aumentare la competitività e ampliare la gamma di prodotti per sostenere la crescita del fatturato. Nel medio termine Liberty esplorerà le opportunità di produrre acciai di qualità superiore con un profilo manufatturiero più flessibile.

In quanto parte di una coalizione globale di imprese industriali, questi siti si uniranno a Liberty Steel e all’impegno di GFG GREENSTEEL per creare un’attività sostenibile dal punto di vista economico e ambientale, basata su metodi di produzione a basse emissioni di CO2.

Sanjeev Gupta, presidente esecutivo di GFG, ha dichiarato: “Si tratta di un traguardo importante ed emozionante per GFG. Siamo estremamente orgogliosi di accogliere nella nostra famiglia migliaia di collaboratori qualificati e motivati. Non vediamo l’ora di lavorare insieme per creare un futuro brillante e sostenibile per il nostro gruppo e per l’intero settore. Queste imprese avranno un ruolo essenziale nella nostra strategia siderurgica globale, che mira a un’attività sostenibile, con una catena del valore completamente integrata, dalle materie prime ai prodotti finiti di alto valore distribuiti in mercati di alta qualità”.

Jon Bolton, Global Business Development Director di Liberty Steel, ha aggiunto: “Questi sono siti ben posizionati, efficienti e con costi competitivi; presupposti eccellenti che intendiamo sviluppare, attraverso una combinazione di investimenti oculata, modifiche al profilo produttivo e sinergie con il nostro gruppo più ampio.

Nell’operazione, Liberty è stata assistita da Wyelands Capital, la divisione servizi finanziari di GFG Alliance, con la consulenza finanziaria fornita da Jefferies International Ltd.

_____________________________________

Liberty fa parte di GFG Alliance, un gruppo globale nel settore dell’energia, dell’attività estrattiva, dei metalli, dell’ingegneria, della logistica e dei servizi finanziari, con sede centrale a Londra e ulteriori hub a Dubai, Hong Kong, Singapore, Sydney, Parigi e New York e una presenza in circa 30 Paesi in tutto il mondo. Il Gruppo, che ha una forza lavoro complessiva di circa 30.000 persone e un fatturato superiore a 20 miliardi di dollari, comprende le attività industriali e siderurgiche integrate sotto il marchio “Liberty”; un gruppo specializzato nei settori delle risorse, dell’energia, dei trasporti e delle infrastrutture sotto il marchio “SIMEC”; Wyelands, un ramo che si occupa di servizi finanziari e bancari e un ramo che si occupa del settore immobiliare, JAHAMA Estates.

www.libertyhousegroup.com
www.gfgalliance.com

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.7.2019. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    24 mesi, 0 giorni, 8 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it