PARODI: RIFIUTI GESTIONE FALLIMENTARE, NON SOLO DISCARICA

Jessica Pasquini e Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Suvereto Giuliano Parodi.

«Il disastroso passaggio della Val di Cornia in AtoSud voluto dalle amministrazioni PD e sancito nel 2011 ha amplificato la serie di disastri che gia’ erano in corso d’opera a causa della cattiva gestione dell’ASIU, con una discarica abbandonata a se stessa, con l’impianto TAP volutamente tenuto fermo per favorire l’utilizzo del materiale di cava ecc.

Quel passaggio in ATOSud che e’ fondamentale per capire la storia, doveva vedere il trasferimento di tutti i lavoratori da ASIU in SEI TOSCANA, come dal sindaco di Suvereto sollecitato piu’ volte anche negli incontri coi sindacati, e la discarica nata ed usata per i rifiuti urbani, visto che era esaurita e non rientravi negli impianti di SEI, tombata.

“Cosi’ non e’ andato – commenta  Giuliano Parodi – e la storia di questi anni parla chiaro, un operazione messa in piede dal PD per tombare un debito gigante sommergendo la Val di Cornia di rifiuti da ogni parte d’Italia. Come se non bastasse e’ bene ricordare che Sei Toscana e’ stata travolta da un inchiesta giudiziaria che ha visto arrivare avvisi di garanzia ai dirigenti di AtoSud e Sei Toscana, per presunti atti illeciti nella stesura della gara d’appalto che pone forte dubbi non solo sulla legittimita’  dell’affidameto a SeiToscana per 25 anni dell’appalto ma che gli importi di gara non siano congrui, il che significa che paghiamo in bolletta un costo del servizio superiore.”

In questo scenario poco edificante e a poco piu’ di un mese da un importante tornata elettorale amministrativa che coinvolge tutti i comuni della val di Cornia, il 18 aprile ATO Sud mette all’ordine del giorno dell’assemblea dei soci il piano di Riorganizzazione dei Servizi e delle infrastrutture minore. Un piano che  vincolera’ i comuni sulle scelte strategiche sia sul tipo di servizi che sulle dotazioni che SeiToscana dovra’ acquistare che ricadranno in bolletta. In particolare per la riorganizzazione del servizio di raccolta stradale le amministrazioni comunali esprimono la volontà di valutare in fase di progettazione esecutiva l’utilizzo di contenitori di diversa tipologia rispetto a quelli previsti dalla gara che ha assegnato l’organizzazione del servizio a Sei Toscana. (con l’indagine sulla legittimita’ dell’appalto sempre in corso) .

Come sindaco trovo veramente inopportuno che una decisione del genere sia presa da noi amministrazioni uscenti, decisione che ha una visione distorta e non fializzata al bene comune ma viziata da investimenti che SeiToscana vuol mettere in atto, in quel ribaltamento di ruoli da me denunciato in molte occasioni dove la controllata detta le regole al controllore .

“Pertanto – conclude Parodi – vista la poca lungimiranza di queste amministrazioni su ogni decisione riguardante i rifiuti dal passaggio in AtoSud ad oggi, chiedo a tutti i sindaci di far ritirare dall’assemblea di ATO del 18 aprile la votazione della Riorganizzazione, e lasciare liberta’ di scelta su quali servizi per i cittadini e in quale modo organizzarli alle amministrazioni future come atto di serieta’ e responsabilita’”».

Giuliano Parodi
Sindaco

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.4.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    21 mesi, 23 giorni, 1 ora, 48 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it