PIM COMMENTA L’ACCORDO TRA GIN E FINCANTIERI

Piombino (LI) – Accordo per l’acquisizione da parte di Fincantieri di una quota di minoranza di Genova Industrie Navali (GIN) nella holding del Gruppo, oltre all’opzione per una quota, sempre di minoranza, nella T. Mariotti S.p.A., società sempre operante del settore cantieristico nel bacino di Genova.

GIN è holding che opera nel settore della costruzione di navi da crociera di lusso. Si tratta di un’intesa che prevede la collaborazione tra i due costruttori navali su diversi fronti, dalle nuove realizzazioni alla manutenzione, passando per la trasformazione e gli allestimenti delle unità.

Confido che avrà effetti positivi con opportunità di lavoro aggiuntive per la PIM di Piombino”. Il Presidente di Piombino Industrie Marittime Piero Neri commenta così l’accordo per l’ingresso di Fincantieri, il colosso delle costruzioni navali con 34 miliardi di ordini in portafoglio, come azionista in GIN, la holding che controlla una costellazione di cantieri navali e che partecipa con il Gruppo NERI, attraverso San Giorgio del Porto, all’iniziativa di Piombino Industrie Marittime.

Il Presidente Neri prosegue “nei giorni scorsi abbiamo presentato all’ Autorità di Sistema portuale l’elenco delle opportunità di lavoro nei due settori, riciclaggio e costruzioni navali, che inizieremo a breve. Contemporaneamente stiamo avviando gli ordinativi per realizzare capannoni ed impianti.”

E conclude “l’ingresso di Fincantieri nella compagine di controllo della nostra partner San Giorgio del Porto spero che rafforzi la nostra iniziativa imprenditoriale collocando PIM in un network industriale ancora più ampio suscettibile di offrire maggiori possibilità di lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.3.2019. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    20 mesi, 19 giorni, 15 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it