PIOMBINO: SU RIMATERIA TROPPI MISTERI O SOLO SPECULAZIONI?

Piombino -La lista civica “Spirito Libero” da poco uscita dalla maggioranza adesso inizia a fare le stesse domande del Comitato Salute Pubblica, ma anche lei riceve dal sindaco Giuliani le stesse risposte. Leggiamole insieme.

______________________________

RIMATERIA: CHI E QUANDO HA DECISO L’AGGIUDICAZIONE A NAVARRA?

Stefano Ferrini di Spirito Libero

Ebbene, il dado è tratto. Da un lato i Sindaci hanno deciso l’aggiudicazione definitiva del 30% a Navarra, dall’altro il Tribunale di Livorno ha respinto il ricorso del Comitato di Salute Pubblica sull’inammissibilità del referendum. Eppure, proprio sul percorso che ha portato a questa conclusione, le cose non sono affatto chiare ed è proprio per questo, dopo essere usciti da una maggioranza nei fatti contraria persino all’ipotesi di referendum “condizionato” come da Noi proposta, che martedì prossimo chiederemo spiegazioni in Consiglio con un’interrogazione presentata dal nostro Capogruppo Daniele Massarri.

Dal documento presentato ai consiglieri sembrerebbe infatti che l’aggiudicazione provvisoria sia avvenuta il 22 ottobre e comunicata tramite Pec a Navarra il giorno successivo, mentre dai verbali della commissione sul referendum risulterebbe invece che il giorno 22 ci si sarebbe limitati a verificare la conformità dell’offerta ai criteri indicati nel bando di gara, come a dire cioè che a tale data l’aggiudicazione provvisoria ancora non fosse avvenuta!! Secondo quanto comunicato alla Commissione, infatti, è soltanto il giorno 26 Ottobre che il CdA di Rimateria avrebbe deliberato di proporre alla propria assemblea, che a sua volta lo avrebbe proposto a quella di ASIU, l’aggiudicazione provvisoria della seconda tranche di azioni. Dunque, quando è davvero avvenuta l’aggiudicazione provvisoria e soprattutto chi lo ha deciso?

Tutto ciò non è affatto banale, perché una specifica clausola del bando prevedeva che Rimateria avrebbe potuto unilateralmente recedere dalla vendita senza pagare alcuna penale purché ciò avvenisse prima dell’aggiudicazione provvisoria. Ricordo peraltro che la possibilità di non aggiudicare le quote era anche oggetto di una seria discussione anche in Giunta ed in maggioranza sin quando ne abbiamo fatto parte. Ma c’è di più: il Consiglio votò a fine novembre, con l’astensione del Pd, un ordine del giorno in cui si impegnava il Sindaco a sospendere la procedura di aggiudicazione fino al termine dei lavori della commissione. Delle due, l’una: o è stata l’Amministrazione Comunale a dare l’input a Rimateria di procedere comunque con l’aggiudicazione provvisoria tenendone all’oscuro sia il Consiglio Comunale, che così approvava un OdG a quel punto perfettamente inutile, sia il sottoscritto che all’epoca era ancora in Giunta, perché della possibbile aggiudicazione provvisoria avvenuta il 22 ottobre io l’ho saputo dall’ultimo Consiglio e nessuno mai in Giunta, prima delle mie dimissioni, me ne aveva parlato e sfido chiunque a dichiarare il contrario; oppure è la stessa Rimateria, società il cui indirizzo politico dovrebbe come da Statuto essere deciso dai soggetti pubblici indipendentemente dal capitale azionario, che ha deciso autonomamente sebbene fosse già stato depositato un referendum e Piombino si trovasse in un momento in cui era in corso una discussione molto delicata, animata e complessa.

Quindi abbiamo di fronte soltanto due possibili scenari: o un’Amministrazione Comunale che non ha detto come stavano davvero le cose, oppure che non è stata minimamente in grado di imporre la propria volontà politica ad una sua partecipata. In ogni caso, una debacle politica. Di queste cose qualcuno, in Consiglio, ne dovrà rispondere all’interrogazione di Spirito Libero.

Stefano FERRINI
Segretario Spirito Libero per Piombino

____________________________________

GIULIANI: SU RIMATERIA NESSUN MISTERO. I DUBBI DI FERRINI SONO SOLO SPECULAZIONI

il sindaco Massimo Giuliani

Il sindaco Giuliani risponde ai dubbi sollevati dall’ex vicesindaco Stefano Ferrini in merito alle diverse fasi di vendita della seconda tranche di quote di Rimateria evidenziando come la procedura si sia svolta nel pieno rispetto di legge.

“Come l’ex vicesindaco sa bene – afferma Giuliani – il percorso di privatizzazione di Rimateria, iniziato nel 2016, ha seguito un iter specifico sulla base di atti di indirizzo presi a suo tempo, conseguente anche dell’ingresso nell’Ato sud di Grosseto.

I dubbi e le incertezze sugli aspetti tecnico procedurali relativi alla cessione delle quote, avvenuti nell’ambito di procedimento di gara pubblica, sono esclusivamente il frutto di una proposta referendaria pervenuta tardivamente rispetto al percorso avviato, così come rilevato anche dal Tribunale in risposta al ricorso presentato dal Comitato.

Non c’è niente da nascondere, gli atti sono pubblici. Quello che emerge dalla sentenza del Tribunale è la tardività complessiva della proposta referendaria e non la procedura.

A nulla serve disquisire sulle date di aggiudicazione provvisoria e definitiva. Nonostante questo precisiamo  che  il 22 ottobre, dopo l’apertura delle buste, il seggio di gara  aveva preso atto della formazione della graduatoria e della conformità della proposta di Navarra Spa e che l’assegnazione provvisoria fu deliberata di conseguenza dal consiglio di amministrazione di Rimateria il 26 ottobre successivo.  In quella sede il consiglio di amministrazione di Rimateria accolse anche la richiesta del Comune di Piombino di rinvio a data da destinarsi dell’assemblea dei soci, precedentemente convocata per il 29 ottobre, per ratificare definitivamente la procedura di vendita.

Il sindaco si è esposto quindi anche a rischi di risarcimento del danno per venire incontro alle richieste dei cittadini e del Comitato che chiedevano di sospendere l’aggiudicazione definitiva nelle more della valutazione dell’ammissibilità o meno del referendum da parte della Commissione.

Stupisce che questi rilievi e questi dubbi vengano espressi da chi ha partecipato sin dall’inizio a tutti gli incontri di giunta e non solo e ha potuto seguire da vicino tutte le fasi procedurali della vicenda.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.2.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: SU RIMATERIA TROPPI MISTERI O SOLO SPECULAZIONI?”

  1. ugo fidanzi

    ahahaha…il Ferrini vuol tornare vergine!
    Trinchini,sono tutti riposizionamenti in vista delle prossime elezioni.
    Tranquillo,non c’è nulla di serio

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    19 mesi, 14 giorni, 19 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it