L’AEREOPORTO DI PISA CRESCE E RYANAIR RINNOVA LA PARTNERSHIP FINO AL 2023

Pisa  – E’ stato presentato oggi dal Presidente di Toscana Aeroporti, Marco Carrai, dal Vice Presidente, Roberto Naldi, e dall’Amministratore Delegato Gina Giani, il progetto di ampliamento del terminal dell’aeroporto di Pisa e delle infrastrutture di volo a esso collegate nell’ambito del Master Plan 2018-2028.

Alla presentazione, tra le tante autorità, sono intervenuti il Sindaco di Pisa, Michele Conti, il Presidente della Provincia di Pisa, Massimiliano Angori, ed il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.
In continuità con la presentazione del progetto di ampliamento del terminal avvenuto lo scorso luglio 2018, quella odierna è stata l’occasione per presentare i progetti di dettaglio e l’integrazione del Master Plan 2018-2028 nel suo più ampio complesso, intendendo con esso il programma di interventi relativi al più ampio sistema infrastrutturale che gravita intorno all’aeroporto di Pisa, dalla pista secondaria, alle aree di stazionamento, fino alla previsione di realizzazione di un Hub di manutenzione aeromobili.

Il masterplan 2018-2028 – per il quale il progetto di ampliamento del terminal rappresenta l’opera più significativa sia in termini di investimenti previsti sia in termini di impatto sulla gestione della crescita del traffico e dei servizi offerti ai passeggeri – è pertanto stato integrato e aggiornato alla luce delle esigenze e delle criticità infrastrutturali e operative dettate dalla condivisione dello scalo con l’aeronautica militare, cui l’aeroporto fa capo.

Gli interventi previsti sulle infrastrutture di volo riguarderanno il raccordo Echo e la pista secondaria, utilizzata attualmente solo per il rullaggio, l’ampliamento dell’area di stazionamento (Apron) in coerenza ai fabbisogni aggiornati e la realizzazione di un HUB di manutenzione aeromobili che prevede uno sviluppo infrastrutturale nell’area Nord-Est del sedime aeroportuale militare.
Per quanto riguarda gli interventi sulle infrastrutture passeggeri, il progetto di ampliamento del terminal di Pisa prevede la realizzazione di una prima fase di interventi – per un investimento di 37 milioni di euro – con l’obiettivo di aumentare la capacità aeroportuale fino a 6,5 milioni di passeggeri annui e la superficie totale da 35.900 a 63.800 mq con incremento di: gate (da 16 a 23), varchi security (da 8 a 10) e di aree commerciali (+2.300 mq.).

Nel dettaglio, sarà migliorato il rapporto tra terminal e piazzali degli aeromobili, l’equilibrio volumetrico e compositivo del terminal, i flussi e i percorsi dei passeggeri e di conseguenza l’esperienza degli stessi, le condizioni di sicurezza separando i flussi di imbarchi dalla viabilità perimetrale, la possibilità di gestire contemporaneamente due voli intercontinentali, l’inserimento di eventuali ulteriori finger, l’ampliamento dell’area riconsegna bagagli e, infine, la circolazione dei mezzi di rampa.
L’incontro odierno è stato inoltre l’occasione per tracciare un bilancio di un 2018 record per quanto riguarda il traffico passeggeri di Toscana Aeroporti e dei due aeroporti di Pisa e Firenze.
Per la prima volta sono stati superati gli 8 milioni di passeggeri: nel 2018 Toscana Aeroporti registra infatti una crescita di passeggeri del 3,7%: 8 milioni e 182mila i passeggeri transitati dai due scali.

Aeroporto Galileo Galilei di Pisa
Pisa registra per il 2018 5,5 milioni di passeggeri, con una crescita, rispetto al 2017, del 4,4%. L’incremento è da ricondursi principalmente all’andamento dei movimenti (+3%) e del load factor che si attesta su un valore medio dell’87,1% (+0,5%). In crescita anche il traffico cargo che con 11,5 mila tonnellate di merce e posta registra un aumento del 8,7%.

Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze
Firenze registra una crescita del 2,3%, con 2,7 milioni di passeggeri transitati nel 2018. Risultati dovuti principalmente all’aumento della capacità degli aeromobili impiegati sullo scalo fiorentino e alla crescita del load factor (+0,8%) che hanno più che controbilanciato la diminuzione dei movimenti (-3,6%).
La crescita dei due scali è l’ennesima riprova della validità del progetto Toscana Aeroporti, la netta differenziazione dei segmenti di mercato dei due scali e la solidità del sistema aeroportuale toscano come network integrato.
Nel corso dell’incontro è stato infine annunciato il rafforzamento della partnership con Ryanair, prima compagnia aerea europea per numero di passeggeri trasportati all’anno. La partnership, avviata nel 1998, è stata confermata e rafforzata grazie alla sottoscrizione di un nuovo accordo 2023, creando le condizioni per lo sviluppo di traffico e nuove destinazioni in partenza dallo scalo pisano.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.1.2019. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    19 mesi, 14 giorni, 19 ore, 29 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it