SEI TOSCANA: COMUNE DI SUVERETO E FORUM AMBIENTALISTA DOPO DIMISSIONI PAOLINI

Roberto Paolini

Nuovi problemi per Sei Toscana. Alla vigilia del cda del 12 giugno scorso che doveva approvare il bilancio, il presidente Roberto Paolini ha rassegnato le sue dimissioni con una lettera presentata al board; seduta dunque rinviata e nuove tensioni all’orizzonte. I motivi del passo indietro non sono stati resi noti, ma le voci parlano di uno stato di salute non ottimale del rendiconto economico.

Il Consiglio di Amministrazione di Sei Toscana, riunitosi il 12 giugno, ha preso atto delle dimissioni di Roberto Paolini dalla carica di Presidente del Consiglio di Amministrazione e da Consigliere della società. Il Consiglio di Amministrazione ha subito attivato le procedure previste dallo Statuto per la piena composizione di tutti gli organi sociali. La Società resta comunque pienamente operativa sia nel funzionamento dell’Organo Amministrativo che in tutte le funzioni di governance previste dallo Statuto aziendale garantendo, così, la piena efficacia gestionale nonché la continuità e la qualità dei servizi svolti sul territorio.

Nella seduta del 12 giugno inoltre, il Consiglio di Amministrazione di Sei Toscana ha adottato, come previsto dall’ordine del giorno, all’unanimità il bilancio di esercizio al 31.12.2017. Il bilancio sarà poi posto al vaglio dei Soci per la definitiva approvazione nella seduta assembleare fissata per venerdì 29 giugno prossimo venturo.
Ma la situazione non deve proprio essere tutta “rose e fiori” se sia il Comune di Suvereto che il forum ambientalista pongono tutta una serie di questioni di non poco conto che riportiamo  sotto integralmente.

 

SINDACO E VICESINDACO SCRIVONO AL PRESIDENTE ROSSI E ALL’ASSESSORE REGIONALE AMBIENTE.

il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi

Vi scriviamo in qualità di sindaco e vicesindaco con delega all’ambiente del Comune di Suvereto , uno dei sei comuni della provincia di Livorno che nel 2014 è passato dall’ambito Ato costa all’ambito Ato sud per volontà dei sindaci e dei consigli comunali di allora che fecero esplicita richiesta alla regione Toscana nel 2011 ottenendo parere positivo. All’epoca dai banchi dell’opposizione la decisione non fu da noi sostenuta, e la ritenemmo un salto nel buio senza sufficienti elementi conoscitivi sugli scenari futuri.

Purtroppo da amministratori abbiamo dovuto constatare quanto i nostri dubbi fossero fondati: il nostro mini ambito (Aor Val di Cornia) è subentrato nel contratto per il servizio raccolta e smaltimento rifiuti urbani successivamente alla maxi gara Atosud con un accordo separato e con un’impennata dei costi e conseguentemente della Tari (che come piccolo comune con utenze in larga parte domestiche subiamo più di altri).

A fine 2016 l’indagine della Procura di Firenze sulla presunta corruzione nel rapporto tra la dirigenza di Ato sud e quella di SeiToscana che ha portato alle dimissioni del direttore di Atosud e all’amministrazione straordinaria di SeiToscana disposta dal prefetto di Siena su richiesta dell’Anac, ha acceso i riflettori su una storia che ancora non è stata chiarita (tra l’altro la regione toscana annuncio’ subito l’istituzione di una commissione di inchiesta sulla vicenda che non ha mai prodotto risultati, o almeno non ce ne è giunta notizia) .

Poche settimane fa è inoltre diventata pubblica la relazione territoriale sulla regione Toscana (relatori Sen. Laura Puppato e on. Stefano Vignaroli) della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, approvata nella seduta del 28/02/2018 e comunicata alle presidenze il 1/03/2018, dove nella parte II Ato Toscana Sud , quadro generale, viene descritto un quadro preoccupante della situazione in Ato sud:  molti aspetti rimangono oscuri e si ammette il ruolo inesistente di controllo dell’autorità di ambito verso il gestore SeiToscana, il quale da 3 anni impugna regolarmente alcune delibere di Atosud e specialmente quelle di approvazione del corrispettivo di ambito che genera i piani finanziari della Tari dei vari comuni.

“Nei giorni scorsi proprio per evitare il proseguimento di un contenzioso –commenta Jessica Pasquini assessore all’ambiente – l’Ato sud ha proposto ai comuni un accordo transattivo con il gestore, che ha suscitato reazioni forti tanto da non essere licenziato in sede di direttivo Ato e a provocare l’annullamento della convocazione dell’assemblea dei sindaci prevista per l’11 Giugno (effettivamente l’accordo era palesemente proteso verso gli interessi del gestore unico e non dei comuni). Oltre alle problematiche di rapporti e della poca chiarezza di molti aspetti che riguardano il gestore unico, come sottozona Aor Val di Cornia abbiamo anche ulteriori e grossi problemi per il fatto che il gestore unico ha affittato un ramo di azienda della nostra partecipata ASIU ora in liquidazione che si occupava precedentemente dei nostri rifiuti e non si è ancora giunti alla definitiva cessione di detto ramo, situazione complicata dal fatto che dalla sopradetta Asiu è stata generata una controllata (Rimateria Spa) che si occupa di rifiuti speciali e che ha in atto problemi di crediti/debiti con Sei Toscana che si intrecciano a quelli con Asiu e che destano in noi amministratori forte preoccupazione per le possibili ricadute di queste pendenze sulla Tari dei nostri cittadini.”

“Tutto il quadro è allarmante – conclude il sindaco Giuliano Parodi – inoltre è di pochi giorni fa la notizia delle dimissioni del presidente di SeiToscana Roberto Paolini alla vigilia dell’approvazione del bilancio (chiuso in rosso),  notizia che non fa sperare in niente di buono. Da amministratori sono stanchi di dover subire questa situazione, e di non avere una voce  ascoltata in Ato. Questo sistema ha allontanato il controllo dei servizi dai comuni e dai cittadini in un crescendo di costi e di problemi.

Chiedo per questo un intervento immediato e forte della regione Toscana che metta un freno a questa situazione, anche commissariando l’atosud se necessario, e apra un percorso di ascolto e condivisione con i territori e con i rappresentanti degli enti e delle forze politiche rispetto agli indirizzi in tema rifiuti, che miri alla riorganizzazione dell’ intero sistema delle gestione dei rifiuti riavvicinando il servizio ai territori, restituendo il potere di controllo ai comuni compresi i piccoli comuni, e ponendo fine a un sistema di affari che aumenta costi senza benefici e  impedisce il perseguimento di reali politiche di differenziazione e riciclo dei rifiuti che il mio comune ha provato a fare abbandonato però a sé stesso. “

Il Sindaco Giuliano Parodi
Il Vice Jessica Pasquini

______________________________________

SEI TOSCANA: SU PAOLINI ATTACCA ANCHE IL FORUM AMBIENTALISTA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente in merito alle dimissioni di Paolini da parte di Roberto Barocci del Forum Ambientalista di Grosseto.

«Il 29 giugno prossimo il Bilancio di esercizio del 2017 di SEI Toscana, gestore del Servizio rifiuti, Bilancio già adottato dal suo Consiglio di Amministrazione[1], verrà portato all’approvazione dei Soci e poi dovrà essere approvato dai Sindaci dell’ATO Toscana Sud, scaricando sui cittadini il costo complessivo del Servizio. Ma se è vero[2] che la Commissione Parlamentare sui reati connessi al ciclo rifiuti afferma che: “l’ATO Sud Toscana di fatto, non svolge alcun controllo sulla regolare esecuzione del contratto di appalto concluso con la SEI Toscana srl”. Se ancora si sottolinea[3]: la mancata definizione, da parte dell’ATO di modalità e criteri di verifica del rispetto del contratto di Servizio, anche ai fini della determinazione del corrispettivo definitivo”, com’è possibile che si continui a scaricare sui cittadini un costo presunto, quando chi dovrebbe verificare tali costi, cioè i Sindaci, hanno sbagliato a non prevedere nel contratto con il gestore le modalità di verifica di tali costi e quando questa omissione è oggi di pubblico dominio, quindi c’è piena consapevolezza da parte anche dei Prefetti di quanto sta succedendo da anni a danno della collettività?

Non stupiscono quindi le recenti dimissioni del Presidente di SEI Toscana, Paolini, anche perché la incredibile realtà svelata alla Commissione parlamentare dai Commissari prefettizi, nominati su intervento di Cantone, è confermata anche dagli attuali rappresentanti dei Sindaci: Ghinelli[4], Sindaco di Arezzo e Presidente del Consiglio Direttivo dell’ATO, afferma che: “l’ATO Toscana Sud non è in grado di calcolare la tariffa applicata dalla società di gestione” e Biondi, Sindaco di Civitella Paganico, Presidente dell’Assemblea dell’ATO, aggiunge[5]: “Per quanto concerne il controllo inteso come poter verificare l’effettivo servizio svolto in ogni singolo comune giornalmente dalla SEI, credo che questo non sia nelle possibilità dell’ATO…”.

Allora se c’è consapevolezza di una violazione di norme e del buon senso comune, se i Sindaci non hanno ritenuto doveroso rispondere alle notizie diffuse dalla Commissione Parlamentare, com’è possibile che si proceda come se nulla fosse? E i Prefetti perché non intervengono per sanare queste omissioni?

Roberto Barocci,

Forum Ambientalista Grosseto

[1]          – Vedi: http://www.controradio.it/rifiuti-presidente-sei-toscana-si-dimette-bufera-sullazienda/

[2]          – Pagina 57 della Relazione per la Toscana della Commissione Parlamentare d’inchiesta sui reati connessi al ciclo dei rifiuti, Relatori: Sen. Laura Puppato e On.Stefano Vignaroli, pubblicata il 28.2.2018, scaricabile da: http://documenti.camera.it/_dati/leg17/lavori/documentiparlamentari/IndiceETesti/023/049/INTERO.pdf

[3]          -Pagina 60, come sopra.

[4]          -Pagina 66, come sopra.

[5]          -Pagina 67 come sopra.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.6.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 18 giorni, 22 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it