PIOMBINO: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO ALLA SCUOLA DI PIAZZA DANTE

Le scuole all’inizio del ‘900

Piombino (LI) – Approvato dalla giunta comunale nei giorni scorsi il progetto esecutivo per l’efficientamento energetico della scuola elementare “Dante Alighieri”. Un progetto che prevede un investimento di un milione e trecento mila euro circa, per la sostituzione totale degli infissi esterni con nuovi infissi in pvc di nuova concezione e l’isolamento termico del sottotetto. Per quanto riguarda gli impianti tecnologici, le centrali termiche presenti verranno sostituite con nuove maggiormente efficienti.

I lavori verranno finanziati con il risarcimento di Enel a seguito della chiusura della controversia, nel 2017, relativa ai contributi dovuti dall’azienda ai Comuni sedi di centrali elettriche (legge 8 dell’ 83). La transazione ha infatti permesso al Comune di Piombino di incamerare  2 milioni e 784mila euro, finalizzati a interventi di efficientamento energetico.

Si tratta quindi di un intervento concepito nel rispetto delle nuove linee guida per le architetture interne delle scuole.

Secondo le linee guida, una buona progettazione infatti deve privilegiare infissi che abbiano una durata appropriata, una facile manutenzione sostenendo una provenienza locale che favorisca anche la reperibilità futura delle parti di ricambio, un costo adeguato, che diano sicurezza in termini di protezione delle persone e di resistenza al fuoco, devono comportare inoltre un contenimento energetico dell’edificio e rispettare le caratteristiche estetiche ed architettoniche della scuola.

Il progetto, che verrà realizzato nel periodo estivo durante la chiusura della scuola, potrà essere realizzato in due lotti funzionali e omogenei, uno inerente la sostituzione degli infissi, il secondo relativo alla sostituzione della centrale termica.

“Un investimento importante e necessario – – afferma l’assessore ai lavori pubblici Capuano – Il complesso di piazza Dante presenta infatti notevoli criticità, con infiltrazioni di acqua piovana e un’elevata dispersione termica. Necessita di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria tra i quali anche la ripresa di parti di intonaco di facciata con pericolo di distacco. Con questo intervento vogliamo  assicurare l’efficienza energetica di tutto l’edificio per il lungo periodo lanciando anche un messaggio sugli stili di vita sostenibili e sulla necessità di porre sempre maggiore attenzione alle tematiche del risparmio energetico .”

L’edificio scolastico di piazza Dante è un edificio storico, inaugurato nel 1925 di una superficie complessiva di 8.300 mq. Di chiara ispirazione neorinascimentale, si presenta come una mediazione tra scuola e caserma per rispondere al concetto che in epoca fascista caratterizzava le costruzioni pubbliche di un certo rilievo.

Nel 1953 l’edificio venne rialzato di un piano mantenendo gli stessi caratteri decorativi, attualmente si presenta come un unico edificio che si sviluppa su tre piani fuori terra ed è occupato dalla scuola elementare “Dante Alighieri” e la scuola media “Andrea Guardi” con ingresso da via Torino.

Ospita inoltre gli uffici della direzione didattica e della segreteria del 1° circolo, nonché gli uffici della presidenza e della segreteria della scuola media. Nel complesso sono presenti inoltre alcune aule utilizzate dal Centro Territoriale Permanente per la formazione degli adulti. E’ suddiviso in 50 aule per attività didattiche, 11 locali per direzione/segreteria e servizio, un’aula per attività motorie per la scuola elementare, una palestra per la scuola media, una mensa per la scuola primaria. All’interno del perimetro scolastico è presente inoltre un’area sportivo-ricreativa all’aperto di circa 6.200 mq. Attualmente ospita 255 alunni della scuola primaria, 366 alunni della scuola media e altre 150 persone partecipanti ai corsi di formazione per adulti.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.3.2018. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 16 giorni, 18 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it