PIOMBINO: SEI CARRI SILURO SOTTERRATI NEL PARCO ROTTAMI

un treno Lucchini (foto d’archivio)

Piombino (LI) – “Il Telegrafo” di oggi segnala che sei carri siluro interrati nell’area dello stabilimento ex Lucchini sono stati Individuati dal Noe dei carabinieri nei giorni scorsi. Tutto sembra partito da un esposto fatto alcuni mesi fa che chiedeva di indagare anche per eventuali problemi relativi all’esposizione all’amianto.  Per adesso non ci sono conferme ufficiali.

Ma da quello che risulta a “Il Telegrafo” sembra che siano stati individuati addirittura sei carri siluro interrati nell’area sotto viale Unità d’Italia, praticamente nel ‘parco rottami’. I carri siluro non sono certo piccoli oggetti: si parla di bestioni alti tre metri e mezzo per 16 metri di lunghezza, venivano usati per trasportare la ghisa liquida dall’altoforno ai convertitori.

parte della discarica abusiva sequestrata nel2007

Secondo le informazioni raccolte dalla testata, in passato l’interramento dei carri siluro era una pratica, forse non usuale, ma messa in atto per evitare i costi di una lunga procedura di smembramento. Quando, a fine carriera, i carri siluro presentavano crepe o buchi, venivano sostituiti. I vecchi carri che marciavano sui binari e che trasportavano ghisa oppure quando la ghisa per vari motivi si era solidificata e diventava costoso e difficile toglierla, era pratica normale fare una enorme fossa fianco alla ferrovia e con una gru calarli all’interno per essere sotterrati. Non certo la procedura giusta per lo smaltimento, ma non si tratta neppure di pericolosi acidi o sostenze velenose, dovrebbe essere scongiurato il pericolo ambientale. Si tratterebbe di rottame sotterrato.

Ma su questo aspetto e su tempi e modi di un eventuale recupero, bisognerà attendere l’esito delle indagini. Se la magistratura andrà avanti con ogni probabilità potremo venire a conoscenza dei dettagli dell’operazione. Per adesso nessun sequestro di aree se non quelli già in atto da tempo nei vari filoni di indagine.

Preoccupa invece di più la questione delle scaglie industriali. Per quel filone, sempre secondo “Il Telegrafo”, ci sono indagati e indagini in corso e sembra inoltre che nei prossimi giorni Arpat e Forestale torneranno in fabbrica per ulteriori accertamenti. Vicenda che preoccupa i sindacati, perché a rischio sembra il blocco dei treni di laminazione anche se per adesso è prematuro fare delle ipotesi sull’argomento.

L’indagine del Noe sui “sotterramenti” si ricollega ad alcuni esposti fatti tra il 2016 e il 2017, poi ripresi anche da un articolo del “Corriere Fiorentino del 5 dicembre scorso (che potete leggere integralmente al seguente indirizzo) nel quale alcuni operai dell’Ex Lucchini raccontano che tra il 2013 e il 2014, cioè durante l’amministrazione controllata da parte dello Stato, «Tra l’of­fi­ci­na e il parco per la rot­ta­ma­zio­ne, vi­ci­no al re­par­to car­pen­te­ria, ab­bia­mo sot­ter­ra­to i si­lu­ri, or­mai fuo­ri uso. Per ben due vol­te, nel 2013 e nel 2014. Quei ri­fiu­ti che do­ve­va­no es­se­re smal­ti­ti con pro­ce­du­re spe­cia­li, so­no sta­ti in­ter­ra­ti, co­me se nulla fos­se al­la lu­ce del gior­no».

I va­go­ni si­lu­ro, sono lunghi circa se­di­ci me­tri, e durante il loro servizio tra­spor­ta­va­no la ghisa, an­co­ra in­can­de­scen­te e li­qui­da, dall’al­tofor­no fi­no al con­ver­ti­to­re, do­ve ve­ni­va pla­sma­ta e tra­sfor­ma­ta in ro­ta­ie, sbar­re e bo­bi­ne.

«Ba­sta­va un or­di­ne: “c’è da sot­ter­ra­re”. E si co­min­cia­va», rac­con­ta ancora l’ope­ra­io al “Corriere Fiorentino”. «Le ope­ra­zio­ni di pu­li­zia si fa­ce­va­no a due pas­si dall’of­fi­ci­na: c’era chi con l’esca­va­to­re pre­pa­ra­va la buca pro­fon­da fi­no a quat­tro me­tri e chi con la fiam­ma os­si­dri­ca ta­glia­va e se­pa­ra­va i si­lu­ri dai car­ri che a lo­ro vol­ta ve­ni­va­no ri­ci­cla­ti».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.2.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

4 Commenti per “PIOMBINO: SEI CARRI SILURO SOTTERRATI NEL PARCO ROTTAMI”

  1. Ciuco nero

    De buongiorno, ma se vogliono sapere anche dove sino le siviere con il piombo basta che cercano 150 metri piu verso mc donald …

  2. Paolo

    Sinceramente, oltre a preoccuparci di quello che è sotto terra, bisognerebbe pensare anche a quello che è sopra …

  3. Sergio M.

    Ma in galera non ci va nessuno? Non credo ci voglia la digos per risalire ai responsabili.

  4. Ciuco nero

    È quello che mi sono chiesto sempre anche io…

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 18 giorni, 16 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it