PIOMBINO: IL PD SI APPELLA A SE STESSO PER SALVARE LA MAGONA

Rinaldo Barsotti, Presidente gruppo consiliare PD

Piombino (LI) – Il Gruppo Consiliare del  Partito Democratico ha scritto al Sindaco Giuliani e al Presidente del Consiglio del Comune di Piombino in relazione alla situazione MAGONA, con richiesta di risposta in Consiglio comunale, affinchè «chiunque abbia possibilità di intervento» salvi la città e i suoi lavoratori in quanto «siamo in grave pericolo sotto ogni aspetto e non solo per quello economico ma anche per una situazione che rischia di divenire ingovernabile anche dal punto di vista sociale».
Pubblichiamo integralmente il comunicato.

_________________________________

«Ogni pazienza ha un suo limite,

Come gruppo consiliare del Partito Democratico sappiamo benissimo quanto sia costante ed incessante l’impegno del sindaco Giuliani sul fronte di tutta la serie di criticità occupazionali cadute sulla testa di questa consiliatura. Così come sappiamo quanto sia difficile conciliare esigenze più grandi di noi… l’Europa preme, l’economia nazionale soffre e deve trovare la via di una conciliazione tra le diverse realtà territoriali, soprattutto come vediamo da un po’ di tempo la politica industriale sembra non trovare pace e in tutto questo migliaia di famiglie restano appese alle incertezze che ne derivano.

Vediamo sfumare prospettive che sembravano ottimali per il nostro territorio e come se non bastasse si vanno aggiungendo ulteriori preoccupazioni, è di queste ore la situazione Magona che alimenta pesantissime preoccupazioni riguardo al suo avvenire e per le sue immediate ripercussioni sui lavoratori e sulla città.

Noi diciamo con voce alta a chiunque detenga le leve per governare questa situazione, basta! E’ l’ora di impegnarci per un assetto complessivo che tenga di conto di tutte le esigenze e che non si abbattano su una sola parte le conseguenze di accordi economici nazionali ed internazionali tra grandi gruppi, basta! Siamo vicini e solidali con i lavoratori di Taranto, di Genova e di tutti gli altri, ma dobbiamo pensare per primi o almeno alla pari anche ai nostri lavoratori, di Piombino e dell’intero nostro territorio.

Sappiamo bene quanto il sindaco Giuliani si stia spendendo e non da oggi su questo fronte, ma ora lo vogliamo spingere e spronare affinché tutti insieme con l’intera città si faccia sentire forte la nostra voce affinché si trovino le giuste soluzioni.

Sollecitiamo anche i nostri parlamentari e chiunque abbia possibilità di intervento anche a livello regionale di imprimere una maggiore accelerazione alle loro azioni che sappiamo bene quanto sono sempre state vicine ed incalzanti su questi aspetti, ma ora si devono ulteriormente irrobustire, siamo in grave pericolo sotto ogni aspetto e non solo per quello economico ma anche per una situazione che rischia di divenire ingovernabile anche dal punto di vista sociale.

Chiediamo attraverso questa interpellanza al sindaco Giuliani di convocare al più presto un consiglio comunale per discutere e fare un punto della situazione e comunque di mettere al primo punto dell’ordine del giorno di un prossimo consiglio una sua relazione sullo stato di fatto di tutta la situazione ed in particolare, solo per un aspetto temporale, sulla situazione della Magona».

Per il Gruppo consiliare del Partito Democratico

Il Presidente
Barsotti Rinaldo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.1.2018. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 15 giorni, 4 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it