PIOMBINO: PER L’UE SE MITTAL SE VUOLE TARANTO DEVE CEDERE LA MAGONA

Bruxelles – Le condizioni della Commissione europea per dare il via libera all’acquisto del siderurgico da parte della cordata AmInvestco l’uscita del gruppo Marcegaglia dalla cordata con ArcelorMittal, a cui il governo ha deciso di cedere l’Ilva di Taranto, e la cessione dell’impianto di Piombino da parte della stessa ArcelorMittal. Sembrano queste le richieste dell’Antitrust europeo, in quanto l’operazione ha sollevato alcune perplessità sul fronte della concorrenza.

Il timore principale è legato ad una riduzione della concorrenza e un aumento dei prezzi per i prodotti piani di acciaio al carbonio laminati a caldo, a freddo e zincati utilizzati dalle imprese in vari settori, dall’edilizia all’auto, che possa portare, soprattutto per le piccole e medie imprese dell’Europa meridionale, ad un aumento dei prezzi.

Per questo la Commissione europea  aveva aperto lo scorso 8 novembre un’indagine approfondita sul piano per verificare se la cordata AmInvestco, a valle dell’acquisizione, avrà una quota del mercato europeo superiore al 40%. Il gruppo franco indiano si era detto pronto a cedere asset in altri Paesi europei per ridurre il proprio potere di mercato.

Bruxelles, tramite una lunga nota firmata dalla commissaria alla concorrenza, Margrethe Vestager, aveva parlato di una “prima fase dell’indagine” che “ha messo in luce vari aspetti problematici”, e adesso intende valutare anche se ci possano essere effetti su offerta e prezzi di altri prodotti come l’acciaio a rivestimento metallico utilizzato per gli imballaggi.

Tutta questa situazione di incertezza sta generando ulteriori preoccupazioni tra i dipendenti della “Magona” di Piombino che vedono ancora più incerto il proprio futuro.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.11.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 17 giorni, 16 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it