PARODI: ALCUNI CHIARIMENTI SU CANDIDATURA E LABORATORIO

Val di Cornia (LI) – Riportiamo una nota del sindaco di Suvereto Giuliano Parodi e a seguire due note stampa che specificano che il “Laboratorio delle idee” non nasce come proposta politica, e non lo diventerà mai, ma che è invece un contenitore di idee  che opera nell’interessa di tutti i cittadini della Val di Cornia.

_____________________________________________

PARODI: ALCUNI CHIARIMENTI SU CANDIDATURA E LABORATORIO

Per chiarezza: il Telegrafo mi ha fatto 3 domande sul futuro della Val di Cornia, il resto l’hanno costruito e dedotto loro mettendo insieme i movimenti che ci sono stati negli ultimi mesi (vedi costituzione laboratorio idee) ma che non.hanno.nessun collegamento con le mie risposte su cosa auspico per Piombino ed oltre.

Io non sto facendo nessuna super-lista, io sono il sindaco di Suvereto fino al 2019

Cosa farò dopo questi 2 anni di mandato ci penserò, ora voglio dare il meglio di me per il paese che mi ha dato fiducia e scelto come suo amministratore.

Alla domanda del giornalista ” potresti fare il sindaco a Piombino?” ho risposto PERCHÉ NO.

Piombino ha bisogno di un cambio radicale di guida e strategia, il PD sta facendo disastri e che sia io o un altro è importante che immetta energia ed idee nuove e sia libero.

Io sono nato e cresciuto a Piombino tra il Bar Stella e il Canaletto, e sono come tutti affezionato alla mia città, confesso che mi fa male vederla ridotta cosi, con un amministrazione impotente.

Per quello ho sempre dato una mano quando era possibile per aiutare, fossero operai o altri, a trovare vie d’uscita o semplicemente a dare voce alla loro voglia di verità, se questa è una colpa ditelo voi, ai molti complottisti della domenica che la vedano come “sete di potere” gli ricordo che Giuliano Parodi non vive di politica ma continua a lavorare come operaio alle FS e svolge il suo ruolo politico con l’obiettivo non di far carriera ma semplicemente per risolvere i problemi dei cittadini.

La speculazione politica sulle parole la lascio a chi non ha di meglio da fare che costruire castelli in aria per non stare coi piedi per terra a rimboccarsi la maniche…

Giuliano Parodi

______________________________________________

LISTE CIVICHE: IL LABORATORIO DELLE IDEE E’ DI TUTTI I CITTADINI

Il Laboratorio delle idee per la Val di Cornia non è delle liste civiche ma di tutti i cittadini singoli o organizzati che intendono analizzare i problemi della città e del territorio.

Le liste civiche unite partecipano al Laboratorio delle idee con l’unico intento di contribuire alla rigenerazione della città di Piombino e della Val di Cornia. Non ci sono altri fini, tanto meno quello della creazione di cartelli elettorali o dell’appoggio a candidature politiche. Questa impostazione, chiara sin dal principio, non è in discussione e non è negoziabile. 

La gravità e la complessità della crisi è davanti agli occhi di tutti, così come i fallimenti delle soluzioni prospettate per affrontarla. Non bastano gli ammortizzatori sociali per garantire la ripresa e l’occupazione per chi il lavoro l’ha già perso, rischia di perderlo o  non l’ha mai trovato.

Il metodo chiuso e asfittico delle Amministrazioni autoreferenziali che escludono processi partecipativi nell’assunzione di decisioni fondamentali, ha prodotto sin troppi danni.

Servono idee e una visione organica del futuro di questi territori, rifuggendo da soluzioni illusorie e impraticabili.

Questo è oggi il terreno su cui cimentarsi senza anteporre simboli, nomi e scorciatoie.  Le organizzazioni politiche, comprese le liste civiche, faranno le loro scelte al momento opportuno e i cittadini decideranno con il voto.  L’auspicio  è che lo facciano  con idee e competenze all’altezza della complessità della crisi.  Questo si propone il  Laboratorio: contribuire a creare maggiore conoscenza e consapevolezza dei problemi e maggiore partecipazione dei cittadini nel delineare il loro futuro. Per chiunque si candidi a governare.

Nicola Bertini
Coordinatore Liste Civiche Unite

_______________________________________________

IL LABORATORIO: NOI OPERIAMO NELL’INTERESSE DI TUTTI

Il laboratorio si dissocia da quanto dichiarato dal sindaco Parodi, la dove il sindaco di Suvereto intendesse fare riferimento al laboratorio delle idee. Ribadisce la sua connotazione di laboratorio aperto a tutti i cittadini e ad associazioni di vario genere che vogliano parteciparvi e la sua estraneità a qualunque progetto di tipo elettorale o politico.

Il laboratorio è nato per fare un lavoro di analisi, studio ed elaborazione di proposte, per una visione nuova ed alternativa di soluzione alla crisi del territorio.

Questo lavoro sta dando i suoi primi frutti: si sta configurando come un’esperienza positiva e ricca di possibilità. La partecipazione si sta allargando . Non si prefigge alcun fine elettorale: l’individuazione di un candidato politico non rientra e non rientrera’ nelle sue prerogative.

Laboratorio delle idee

_______________________________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.8.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 21 giorni, 22 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it