VAL DI CORNIA: LA VARIANTE AFERPI GARANZIA DEL DESERTO PRODUTTIVO

Un tratto della SS398

Piombino (LI) – La “Variante Aferpi” continua il suo iter, che consiste nella trasformazione in area siderurgica del Quagliodromo e nel passaggio del lotto 2 della futura SS398 sotto le finestre degli abitanti del Poggetto e Via della Resistenza. Le liste civiche della Val di Cornia vogliono affrontar questo spinoso problema per far riflettere sulla utilità di questa operazione. Pubblichiamo integralmente.

«Le istituzioni si sono contraddistinte per inerzia, mancanza di visione strategica, e completa subordinazione ad un soggetto privato inaffidabile. Qui è la radice della situazione drammatica che migliaia di cittadini di Piombino e della Val di Cornia vivono.

L’accordo firmato il 30 giugno al MISE non fa che prolungare per altri due anni la gestione straordinaria, senza che sia stato definito alcun impegno concreto in termini di progetti, risorse e tempi. Si sono assicurati altri mesi di ammortizzatori in attesa di interventi risolutivi  di difficile realizzazione. Di forno elettrico nemmeno si parla mentre gli altri due asset produttivi rimangono avvolti nella nebbia più fitta.

La sintesi e il perfetto coronamento di questo atteggiamento devastante per il tessuto economico e sociale dell’intera Val di Cornia ha un nome: Variante Aferpi.

La scelta urbanistica che consegna la pianificazione territoriale in mano al privato, lo rende padrone indiscusso dell’asse strategico della città, individua un tracciato irrealizzabile e dannoso per la 398, regala l’area del quagliodromo all’industria accettando che le aree da bonificare restino discariche a cielo aperto.

Quasi un anno fa, quando venne adottato questo capolavoro della politica urbanistica, si disse che la variante Aferpi serviva a non dare alibi a Cevital. Una tattica maldestra ed eticamente inaccettabile oltreché inefficace. Siamo giunti alla scadenza della solidarietà senza che il privato abbia fatto mezzo passo in avanti sugli accordi di programma sottoscritti anzi. Non solo i forni elettrici sono spariti dal dibattito, ma si è riusciti nel non facile intento di chiudere persino il treno rotaie.

Non contenti di un simile successo le istituzioni ci tengono a far sapere ai cittadini che la Variante Aferpi, deve essere persino approvata. Parole fuori dal tempo, dalla realtà e da ogni logica di cui non si comprende la genesi e la finalità. Gli esiti sono già scritti, e il territorio non può sostenere gli effetti di questa ulteriore prostrazione a Cevital.

Si giungerebbe ad un’altra logorante, lunghissima serie di illusioni, tavoli saltati, incontri a metà, mentre i mesi e gli ammortizzatori sociali si consumano inutilmente mentre nessuna concreta strategia di diversificazione economica e di sviluppo di attività complementari alla siderurgia, si possa sviluppare.

Si tratta del modo migliore per vanificare del tutto l’investimento già effettuato – e da completare – sul porto che rimarrebbe per decenni privo di qualsiasi collegamento visto il tracciato della strada previsto nella variante a filo del Cotone. Si tratta anche del modo migliore per impedire qualsiasi intervento economico nell’area perché l’incentivo a non bonificare dato dal sacrificio del Quagliodromo, comporta l’ulteriore rinvio alle calende greche degli urgenti interventi di risanamento territoriale preordinati a qualsiasi ipotesi di sviluppo dell’area. Questo a dispetto delle cifre irrosorie – se paragonate alla necessità – sbandierate in ogni occasione dal viceministro.

Se la pianificazione del territorio deve rispondere all’interesse pubblico, l’atto da approvare è l’immediato ritiro della Variante adottata e la sostituzione con un atto semplice e chiaro in cui si individuino gli indirizzi di sviluppo che il livello pubblico intende promuovere nell’area e si gettino le basi per realizzarli.

Piombino e la Val di Cornia – concludono le liste civiche – non possono essere terre di nessuno in balia degli eventi la cui unica ambizione sta nel racimolare aiuti dallo Stato. Occorre dignità, visione strategica, garanzia dell’interesse pubblico e un piano di risanamento ambientale credibile, altro che Variante Aferpi».

Liste Civiche Unite 
(Comune dei Cittadini, Un’altra Piombino, Assemblea Sanvincenzina, Assemblea popolare Suvereto)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.7.2017. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 20 giorni, 1 ora, 38 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it