CANILE: L’IMBARAZZO DI FERRARI PER L’ASSESSORE CHIAREI

il consigliere Francesco Ferrari

Piombino (LI) – Dai social ai luoghi più istituzionali, quali su tutti il consiglio comunale del 29 giugno scorso, ogni occasione è stata buona per discutere della questione canile dei Macelli, delle responsabilità dell’assessore Marco Chiarei nella vicenda, dei costi per un canile non sanitario che per 45 cani porterà gli oneri per la collettività quasi ad un milione di euro. Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal consigliere comunale Francesco Ferrari.

«Certo è che le recenti dichiarazioni rese pubblicamente dal cittadino che ha introdotto il ricorso contro il Comune, uscendone totalmente vincitore, hanno ribadito quello che noi convintamente avevamo già dichiarato: il problema è stato gestito dall’amministrazione comunale nel modo peggiore possibile. Della serie, volendosi impegnare a fare un disastro, non poteva essere fatto di meglio.

Un primo grave errore l’amministrazione comunale lo commise anni fa, quando concesse il diritto ad edificare a poche decine di metri dal preesistente canile, senza pretendere dal costruttore le necessarie opere di insonorizzazione.

Un secondo errore non può che essere ricondotto alle ingenti somme di soldi pubblici spese negli ultimi anni per ristrutturare un canile che la stessa giunta aveva gia’ deciso di spostare altrove (stimabili sui 200 mila euro, nd-r.). In questo consapevole comportamento ci si chiede se non sia stato arrecato un conseguente danno erariale per le casse del Comune.

Un terzo errore infine si riscontra nella gestione del contenzioso giudiziale, specie se corrisponde al vero il fatto che il cittadino in questione si era dichiarato disponibile a non proseguire la causa laddove il Comune si fosse impegnato a trasferire i cani entro una data assolutamente congrua – il 31 dicembre 2017- ma l’assessore Chiarei rifiuto’ l’accordo.

L’assessore Marco Chiarei

L’epilogo e’ stato un doppio grado di giudizio ove il Comune e’ risultato soccombente ed obbligato a pagare pure le spese legali della controparte.

La conseguenza di tutto ciò è che il Comune si è trovato in fretta e furia a progettare un nuovo canile che costerà circa 600.000 euro (per 45 cani) ed a trasferire quei poveri cani presenti, uniche vittime di una gestione scellerata delle istituzioni locali, assieme naturalmente ai coniugi che hanno vinto la causa.

In tutto ciò, appare davvero poco elegante l’approccio di un assessore che si è soltanto preoccupato di contestare il legittimo atteggiamento di un cittadino, esasperato dai rumori, invece che cercare di comprenderlo ed aiutarlo, accettando la proposta dignitosa che dallo stesso era arrivata.

Peraltro, l’Avv. Alessandro Napoleoni e’ stato tutto meno che poco comprensivo, come invece si è voluto far credere: lo stesso ha pure rinunciato a mettere in esecuzione una ordinanza (quella di ottobre 2016) che per legge era provvisoriamente esecutiva, nonostante in consiglio comunale l’assessore Chiarei abbia sostenuto strenuamente il contrario; in altre parole, il ricorrente e’ stato sin troppo magnanimo a non mandare mesi fa gli ufficiali giudiziari a liberare il canile; e non ci si lamenti allora che il Tribunale del reclamo abbia dato solo 8 giorni per eseguire l’originaria ordinanza, perché il Comune lo doveva fare da ottobre e questo lo sapeva bene.

Siamo di fronte all’ennesima riprova della inadeguatezza di chi amministra questa città; e gli errori, manco a dirlo, ricadono sempre sui cittadini e sulle loro tasche.

E dopo questa imbarazzante gestione – conclude Ferrari – e dopo i profusi impegni di dare giustificazioni che non possono essere trovate, ci auguriamo che l’interesse della giunta ritorni ai problemi che attanagliano la nostra città, dal lavoro alla sicurezza, per dare una svolta al futuro dei cittadini, che non può essere solo ed unicamente fatto di una desolata fabbrica e di ammortizzatori sociali».

Francesco Ferrari
Fratelli d’Italia – AN

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.7.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 15 giorni, 12 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it