AFERPI: UGL, NECESSARIA CHIAREZZA PRIMA DEL 30 GIUGNO

Il logo dell’UGL

Piombino (Li) – riceviamo pubblichiamo integralmente un comunicato dall’Ugl metalmeccanici provinciale sulle incertezze in Aferpi a 27 giorni dal pieno controllo di Cevital sullo stabilimento.

__________

«Innumerevoli notizie ma ora passiamo a  fatti concreti !» inizia il comunicato Ugl.

«Il 30 giugno si avvicina e non possiamo perdere tempo andando a caccia delle inadempienze che, tra l’altro, dalle ultime dichiarazioni, sembrerebbero  non solo di una parte…

Ribadiamo che occorre conoscere, con certezza, se Rebrab è disponibile ad una sorta di Marzano bis e se sarà autorizzato, come ammortizzatore sociale, la solidarietà per i lavoratori diretti .

Ma occorre anche seriamente parlare di LAVORO.
Occorre capire, alla luce dell’incontro   tra il presidente dell’Adsp dell’Alto Tirreno il direttore della Cevital, Said Benikene, cosa realmente si intenda con il voler dare seguito alle promesse di rilancio dello scalo piombinese e le rassicurazioni circa la volontà di arrivare entro la fine di giugno con il business plan dettagliato (uno nuovo?)  .

Da questi punti fondamentali poi possiamo e dobbiamo scendere ad approfondire altri aspetti : stanno rientrando in Azienda  una ottantina di persone . Questa notizia è da ritenersi più che positiva .
Soprattutto se si inizia a  parla di demolizioni e messa in sicurezza.  Magari potrebbe essere il momento di coinvolgere, oltre ai diretti anche quei lavoratori dell’indotto che sono rimasti nel limbo.. .
Ci vengono in mente aziende come la Bertocci ed anche  altre, che proprio per questi lavori hanno maggiore formazione e potrebbero essere ricollocate .  Ricordiamo che i lavoratori dell’indotto non hanno ammortizzatori come  i diretti e che in questo modo si potrebbe dare la possibilità a tutti  di lavorare “insieme” come una volta senza fare la classica guerra tra poveri . Sempre per l’indotto ci risulta che stiano entrando altre ditte per le pulizie civili. Anche in questo caso, se fosse così, pur non entrando  nell ‘organizzazione del lavoro, ma solo per capire il criterio delle scelte aziendali,   per quale motivo nn sono state coinvolte le lavoratrici già presenti in azienda, da più di 20 anni nei servizi delle pulizie civili,  presenti in Aferpi con le aziende Cooplat e Acli Labor alle quali proprio a maggio la committente ha ridotto ancora l’appalto ?
Quali intenzioni ci sono per le poche aziende dell’indotto rimaste ?
Per le mense e pulizie si parlerà ancora di tagli rendendo così impossibile preservare addirittura le attuali 2 settimane lavorative  ?
Aferpi avrà le sue esigenze  ma in questa situazione ci sarebbe da far prevalere il buon senso e cercare di preservare l’organico storico e non creare “nuova disoccupazione”.

Di questo il sindacato deve farsi carico ma anche chi ci amministra non può permettere che si creino ulteriori emorragie quando ci sarebbero le potenzialità per lasciare tutto allo status quo.

Insomma priorità al lavoro per dare dignità .
Un tavolo per l’indotto che veda protagoniste tutte le categorie di appartenenza che hanno piena conoscenza delle problematiche come, tra l’altro,  fino ad oggi ha fatto la categoria dei metalmeccanici per le proprie vertenze».

Segreterie provinciali Ugl Terziario e Ugl Metalmeccanici.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.6.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 17 giorni, 16 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it