PIOMBINO: TANTA MUSICA CON LA “FESTA DEL NON LAVORO”

Il logo dell’iniziativa musicale

Piombino (LI) – Si terrà sabato 29 aprile 2017, “in fondo” a Corso Italia a Piombino, la prima “FESTA DEL NON LAVORO”. L’iniziativa, organizzata da “La Mensa del suono” si terrà “a cavallo” tra le celebrazioni del 25 aprile e la festa del 1° Maggio, e nasce per “liberare” la musica e valorizzare la parte terminale del Corso anche per scopi culturali.

“E’ stata scelta questa data – commenta per l’organizzazione Maurizio Spiga – come antipasto alla festa del “Lavoro”. Questo per ricordare che la povertà va combattuta con tutti i mezzi, anche quelli culturali, nel cuore di tutti i quartieri della città. In poche parole una bella festa a base di musica, e non solo, dove proprio tutti sono invitati”.

Questa manifestazione musicale sarà finanziata, per la prima volta a Piombino, tramite  “crowdfunding” (un tipo di finanziamento collettivo, ndr.) cioè un processo di collaborazione tra le persone, che utilizza il proprio denaro in comune, per sostenere l’organizzazione “dal basso” per una causa, che le coinvolge tutti nella riuscita della stessa.

IL PROGRAMMA:

PIOMBINO 29 APRILE 2017 CORSO ITALIA/CENTRO CITTA’

In Via Oberdan:
15-17  “Children ludostreetmusic”: Giochi musicali per bambini dai 3 anni in su con “La musica nel      mio piccolo” con Debora celli.

In Vicolo del Gelsomino:
17-18  “Musica popolare Toscana” con Francesca Cangemi e Fabio Elmini
18-19  “Summer with a view” con Francesca e Sara Cocchi;
21.30   Concerto con la Band “Frank Dd & Friends” Reggae/Ska;

Per riferimenti: chiamare il numero 3355604645 o scrivere a lamensadelsuono@gmail.com

Print Friendly
Scritto da il 7.4.2017. Registrato sotto Foto, sagre_feste, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: TANTA MUSICA CON LA “FESTA DEL NON LAVORO””

  1. Oblio

    Iniziativa giusta,dato che il primo maggio ipocrita andrebbe abolito come tante altre festività del tutto inutili vista la situazione. Il futuro è incerto per quelli che non hanno un lavoro (e non lo avranno mai,cioè qualche milione di persone) e per quelli che hanno un impiego a tempo determinato o precari in generale che pagheranno le pensioni ai super tutelati statali per i prossimi decenni.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 1 giorno, 8 ore, 12 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it