PIOMBINO E LO “SCANDALO” DELLA BONIFICA DI CITTA’ FUTURA

Il Sin di Piombino (2017)

Città futura oggi

Città futura oggi

Piombino (LI) – Non si può usare altro termine per una vicenda che è iniziata nel 2002 e che riguarda la bonifica di soli 17 dei 928 ettari di territorio inquinato nel comune di Piombino, per i quali erano anche disponibili i soldi per effettuare tali operazioni (e che avrebbero anche generato posti di lavoro). Ricordiamo con l’occasione che la “Variante Aferpi” in fase di approvazione “lampo” da parte del Comune, cede a Rebrab altri 80 ettari di terreno vergine nella zona Quagliodromo, mentre la vicenda dei 17 ettari di “Città Futura” sotto il Centro Giovani, che sarebbero tornati nel possesso dei piombinesi, è ferma da “soli” 15 anni, di cui gli ultimi 8 (otto) gestiti dall’assessore Marco Chiarei che oggi nemmeno si presenta a dare le dovute spiegazioni in consiglio comunale. Chissà se il Sindaco Giuliani sta o meno valutando le numerose richieste di dimissioni che da tempo le opposizioni chiedono, di questo ormai “scomodo” assessore?

Il Sin di Piombino (2017)

Per comprendere meglio la gravità della situazione a livello ambientale della città di Piombino  potete consultare il seguente link:
http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2017/060-17/il-sito-di-bonifica-di-interesse-nazionale-di-piombino, e a seguire guardare (premendo sulla immagine) la cartina in alta risoluzione del territorio aggiornata al 2017.

_____________________

Nella seduta  del 31marzo era all’ordine del giorno dei lavori  del consiglio comunale l’interrogazione presentata dalla Consigliera Carla Bezzini di “Un’Altra Piombino” sull’affidamento della progettazione ambientale di bonifica dell’area denominata Città Futura. Questa interrogazione era stata già presentata  nel precedente consiglio comunale, il  9 febbraio, ma non era stata discussa per assenza dell’assessore all’ambiente, competente in materia. Nella seduta di ieri, si è di nuovo registrata l’assenza dell’assessore, non comunicata nè giustificata. Tra l’altro, la risposta scritta, che in base all’art. 36 del regolamento delle attività del Consiglio, deve essere data entro 30 gg dalla richiesta, è pervenuta all’interrogante solo il giorno 29 marzo, dopo ripetute sollecitazioni.

la consigliera comunale di Piombino Carla Bezzini

Nell’interrogazione si chiede al sindaco e all’assessore competente, perchè con la determina dirigenziale del 17.08.2016  il Comune di Piombino ha affidato l’incarico di redigere la progettazione ambientale di Città Futura, allo Studio Sanitas SRL di Brescia, quando esiste già un progetto definitivo di bonifica dell’area, approvato dal Ministero dell’Ambiente con decreto del 28.02.2011 e già finanziato, per un importo di 13,500 milioni di euro, da allora  entrati nella disponibilità del comune e per il quale era già stata avviata una procedura di gara.

Nell’interrogazione si ripercorre l’annosa e confusa storia della bonifica in questione, il cui iter tecnico-amministrativo è iniziato nel 2002 e per il quale, a distanza di ben 15 anni, dopo un affastellarsi di atti che si sovrappongono e si contraddicono, siamo ancora al punto di partenza.

«Ricordo che – commenta Carla Bezzini – il progetto approvato e finanziato dal Ministero dell’Ambiente doveva essere preliminare alla realizzazione del PIUSS, per il quale il Comune di Piombino si era aggiudicato 20.452.000 euro di contributi per la realizzazione di Città Futura: finanziamenti ai quali poco dopo il comune ha rinunciato.  Dopo questa rinuncia, il Comune affida ad ASIU , mediante affidamento diretto cioè senza bando di gara,  la realizzazione della bonifica per un importo di 13.500.000 euro».

ASIU avrebbe dovuto ultimare i lavori entro il 2015, ma non avendo nè le competenze nè le tecnologie adeguate, non può procedere alla bonifica,  presenta un nuovo progetto, che viene bocciato, per cui ripristina il vecchio progetto che però, incredibilmente,  lievita  a 26 milioni di euro. Nel 2016 il comune decide di revocare quell’affidamento (nel frattempo ASIU ha speso una considerevole cifra in opere definite preiminari), di abbandonare il progetto già approvato e finanziato dal Ministero e di affidare allo Studio Sanitas il compito di redigere un nuovo progetto di bonifica.

«Siamo evidentemente – continua Bezzini – di fronte a una clamorosa inadempienza amministrativa: un progetto approvato e finanziato, viene abbandonato per ricominciare, inspiegabilmente, tutto da capo.  Nell’interrogazione si chiede all’assessore se, in presenza di così gravi ritardi,  inadempienze, ripensamenti e  sprechi di denaro pubblico, l’amministrazione non ravvisi motivi di autocritica e di importanti responsabilità amministrative e politiche. Il fatto che l’assessore si sia sottratto alla discussione per ben due volte, è un fatto di non poca rilevanza e denota un atteggiamento di scarsa correttezza istituzionale e di non rispetto verso le forze di  opposizione. E’ ugualmente preoccupante – Conclude il consigliere Bezzini – che di fronte ad una questione di tanto rilievo,  nessun rappresentante della giunta sia stato in grado di fornire chiarimenti e spiegazioni».

Print Friendly
Scritto da il 2.4.2017. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “PIOMBINO E LO “SCANDALO” DELLA BONIFICA DI CITTA’ FUTURA”

  1. ciuco nero

    cittá futura… sono anni che lo scrivo, finalmente qualcuno se ne è accorto!

  2. Ugo Bennati

    Se dormono in piedi, o fanno finta di dormire in piedi, cacciateli! E invece qui vengono rieletti… Hanno fatto più troiai i piddini in questi anni… n’avessero azzeccata una… ma una, NULLA! Il bello è che, se tra 50 anni si muoverà un mattone (la vedo dura) loro se ne accolleranno il merito come se avessero fatto chissà cosa. Invece di responsabilità loro non ne hanno mai, MAI! Chiacchierano, quello sì, e tanto: tra chi promette d’incatenarsi, chi di dimettersi, chi di passare la notte all’addiaccio (sì, sì, ora ti ci vedo), mi pare la novella di quello che faceva il GAIO col culetto dell’altri! O gente, ma almeno provateci una volta a levarveli dagli zebedei e a provare con qualcun altro. Oh, peggio di così non può andare di certo… se poi invece vi piace farvelo piantare sempre dove, almeno per me, fa parecchio male, che dirvi, fate voi!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA ALLA PRIMA COLATA AFERPI?

    Il 30 Aprile 2016 il presidente di Cevital Issad Rebrab ha annunciato che entro 28 mesi ci sarà la prima colata nella nuova e moderna acciaieria dentro lo stabilimento Aferpi di Piombino.
    Questo importante evento si realizzara quindi

    tra 16 mesi, 2 giorni, 9 ore, 42 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it